Persone

Luigi Paganetto

Nato a Genova il 28 dicembre 1940, nel 2005 Luigi Paganetto, professore Ordinario di Economia Politica all’Università di Roma “Tor Vergata”, viene nominato commissario dell’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, ente pubblico che opera a supporto delle politiche di competitività e di sviluppo sostenibile. Due anni dopo lo stesso Luigi Paganetto viene nominato presidente dell’Enea dall’allora governo presieduto da Romano Prodi. La sua presidenza è terminata il 16 settembre 2009 con il decreto di commissariamento dell’Enea, firmato dal Ministro per lo Sviluppo Economico Scajola. Prima di accettare l’incarico all’Enea, Luigi Paganetto è stato docente di Economia Politica all’Università di Chieti (1970-1975), professore di Economia Politica all’Università di Napoli (1976-1981), docente di Economia politica presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (1982-1987), professore di Economia dell’impresa all’Università LUISS di Roma (1988-1998) e Preside della Facoltà di Economia dell’Università di Roma “Tor Vergata” (1998-2007).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica economica | Luigi Paganetto | Roma | "Università degli studi ""Federico II"" di Napoli | Romano Prodi | Libera Università Internazionale degli Studi Sociali | Tor Vergata | Enea |

Ultime notizie su Luigi Paganetto

    Promuovere concorrenza e scelte d'innovazione per far salire la produttività

    «Tra le difficoltà dell'economia italiana di tenere il passo con gli atri Paesi avanzati c'è l'andamento della produttività totale dei fattori che è la misura del grado di efficienza complessivo dell'economia. Essa, piuttosto che aumentare, è diminuita in Italia del 6,9 % tra il 2001 e il 2019 e

    – di Luigi Paganetto

    Sud, la fiducia degli investitori passa da tempi certi per le opere

    In questi ultimi anni esperti delle politiche di sviluppo sostenibile del Paese: scienziati, umanisti, giuristi, storici hanno promosso in Italia un insieme di ricerche e di incontri sul cambiamento di fronte a una grande indifferenza della politica, preoccupata prevalentemente di annunciare

    Produttività, serve un comitato che parli europeo

    Caro direttore,il sottosegretario allo Sviluppo economico Gian Paolo Manzella ha molto opportunamente sottolineato sul suo giornale l'esigenza e l'urgenza di creare anche in Italia un Comitato nazionale per la produttività (Cnp).

    – di Gloria Bartoli e Luigi Paganetto

    Per il ministro Tria accordo con Ue più vicino ma resta in nodo del debito

    Per il responsabile dell'Economia la strada maestra non può che passare attraverso un corposo intervento di revisione strutturale della spesa corrente: obiettivo certamente condivisibile, ma di ardua realizzazione come mostrano le più recenti esperienze di "spending review" condotte a partire dal 2007

    – di Dino Pesole

    Cdp anticiperà il pagamento dei debiti della Pa verso le imprese

    Cassa depositi e prestiti scende in campo a supporto della pubblica amministrazione e delle imprese. La società guidata da Fabrizio Palermo si propone come intermediario che eroga i fondi quando la Pa è inadempiente o anticipa i finanziamenti comunitari, in particolare, quelli dei fondi

    – di Laura Serafini

    Dismissioni, in campo la Cdp e una Spa per gli immobili

    Nuove operazioni con Cassa depositi e prestiti, una Spa per valorizzare gli immobili pubblici in decadenza, fondi immobiliari ad hoc da convertire in forme di investimento. Sono queste le ipotesi allo studio del Governo per attuare il piano di riduzione del debito proposto nel programma di bilancio

    – di Manuela Perrone eLaura Serafini

    Da Telecom a Fincantieri, come sarà la Cdp a guida Palermo (e Cinque Stelle)

    La nomina di Fabrizio Palermo alla guida della Cassa depositi e prestiti rappresenta il coronamento di una carriera e di un percorso di crescita all'interno del gruppo. E in ultima analisi, nonostante tutte le polemiche sulla improbabile connotazione politica di questa nomina, un riconoscimento del

    – di Laura Serafini

    Creare dal basso lo spazio fiscale europeo

    Non è facile combattere l'euroscetticismo, nonostante il clima politico oggi più favorevole all' Europa. Il sovranismo non è la risposta ma restano in essere le questioni da cui esso nasce: globalizzazione, domanda di benessere, aumento delle disuguaglianze e dell'insicurezza complessiva. La Ue si

    – di Luigi Paganetto

    Il credit crunch penalizza la produttività

    Non più tardi di dieci giorni fa gli esperti del Fondo monetario internazionale, nel sottolineare che l'economia italiana quest'anno potrà crescere dell'1,3%, sono tornati ad affermare che la sfida centrale è il rilancio della produttività del sistema economico. Ma se, nella discussione economica,

    – Rossella Bocciarelli

1-10 di 53 risultati