Persone

Luchino Visconti

Luchino Visconti di Modrone è nato il 2 novembre del 1906 a Milano ed è deceduto a Roma il 17 marzo del 1976, è stato un regista e sceneggiatore italiano.

E' considerato assieme a Roberto Rossellini ed a Vittorio De Sica uno dei padri del Neorealismo italiano.

Di origini nobiliari e figlio quartogenito del duca Giuseppe Visconti di Modrone e di Carla Erba, proprietaria della più grande casa farmaceutica italiana, frequenta il liceo classico Berchet di Milano, dove viene bocciato al ginnasio, per passare al Liceo classico Dante Alighieri diretto dalla famiglia Pollini.

Fin da ragazzo studia violoncello, sotto la guida del violoncellista e compositore Lorenzo de Paolis (1890 - 1965) e sente l'influsso del mondo della lirica e del melodramma, anche perchè il salotto di casa Visconti è frequentato, tra gli altri, da Arturo Toscanini mentre la residenza estiva di famiglia - collocata a Villa Erba nel comune di Cernobbio sul Lago di Como - viene frequentata da numerosi artisti durante il perido estivo.

Visconti inizia la sua carriera cinematografica nel 1936 a Parigi, come assistente alla regia ed ai costumi per Jean Renoir. Col grande regista francese Visconti contribuisce alla realizzazione di "Les basfonds" e di "Une partie de campagne", ereditando da Renoir l'influenza del realismo del cinema francese degli anno '30.

Avvicinatosi ad alcuni intellettuali del Partico Comunista, mette in cantiere insieme a Pietro Ingrao, Mario Alicata e Giuseppe De Santis, il suo primo film "Ossessione", ispirato al romanzo "Il postino suona sempre due volte" di James Cain.

Con "Ossessione" Visconti inaugura il filone epressivo cinematografico del neorealismo, che vede in lui uno dei maggiori rappresentanti.

Nel secondo dopoguerra Visconti è tra i collaborazionisti del movimento della Resistenza si da alla latitanza ed ospita presso le sue residenze numerosi antifascisti.

Nel 1948 realizza un film di denuncia delle disagiati condizioni sociali delle classi più povere, "La terra trema", adattamento dal romanzo "I Malavoglia" di Giovanni Verga.

Nel 1951 è la volta del film "Bellissima", tratto da un soggetto di Cesare Zavattini, con Anna Magnani e Walter Chiari.

Nel 1960 gira il film "Rocco e i suoi fratelli", che gli vale la vittoria del Gran Premio della Giuria a Venezia.

Nel 1962 esce il film "Il Gattopardo", tratto dal romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, vincitore della Palma d'oro ed interpretato da Burt Lancaster e Claudia Cardinale.

Il suo ultimo film è "L'innocente", uscito nel 1976 e tratto dal romanzo omonimo di Gabriele d'Annunzio.

Il film ha visto la partecipazione, tra gli interpreti, di Giancarlo Giannini e Laura Antonelli ed è stato presentato fuori concorso al Festival di Cannes 1976, due mesi dopo la morte di Visconti.

Luchino Visconti ha vinto tra l'altro:

- 1 Leone d'Oro nel 1965 alla Mostra del cinema di Venezia per il film "Vaghe stelle dell'Orsa";

- 2 David di Donatello come migliore regista per i film "Morte a Venezia" (1971) e "Ludwig" (1973);

- 4 Nastri d'Argento come migliore regista per i film "Rocco e i suoi fratelli" (1961), "La caduta degli dei" (1970), "Morte a Venezia" (1972) e "Gruppo di famiglia in un interno" (1975);

- 4 Premi David Europeo, come migliore regia e miglior film, nel 1971, 1973 e 1975.

Dal 2003 le ceneri sono conservate, assieme a quelle della sorella Uberta, sotto una roccia sull'isola d'Ischia, nella sua storica residenza estiva "La Colombaia",

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Mostre | Film | Giuseppe Visconti | Giovanni Verga | Berchet | Giuseppe Tomasi di Lampedusa | Burt Lancaster | Claudia Cardinale | Giancarlo Giannini | Pollini | Giuseppe De Santis | Pietro Ingrao | Anna Magnani | Laura Antonelli | Walter Chiari | Arturo Toscanini | Mario Alicata | Dante Alighieri | Venezia | Roberto Rossellini | Carla Erba | James Cain | Lorenzo de Paolis | Cesare Zavattini | Vittorio De Sica | Jean Renoir | Milano | David Europeo | Luchino Visconti | Modrone |

Ultime notizie su Luchino Visconti

    Ritratto di un uomo particolare

    C’è il debutto sul grande schermo ne I miserabili (1948) di Riccardo Freda, quello più polveroso, ma non meno amato, nel teatro d’avanguardia e scandaloso di Luchino Visconti in Rosalinda o Come vi piace da Shakespeare e poi in Un tram che si chiama Desiderio di Tennessee Williams del 1949.

    – di Cristina Battocletti

    A Roma una mostra racconta Mastroianni: divo del cinema dallo stile sommesso

    Viene scoperto nel C.U.T. (il Centro Universitario Teatrale, dove recitava pur non essendo iscritto all'università) da Emilio Amendola, amministratore della compagnia di Luchino Visconti che lo chiama nel 1948 per il ruolo di Mitch in Un tram chiamato desiderio di Tennessee Williams.

    – di Andrea Carli

    Il Des Bains rivive festeggiando i 75 anni della Mostra del cinema

    Nel luglio scorso a Roma, alla presentazione della rassegna veneziana Baratta ha spiegato che la Biennale, lunedì 27 inaugurerà nei saloni al piano rialzato del Des Bains, (dove si trova anche la sala Visconti) un’esposizione sulla storia... Da Thomas Mann a Luchino Visconti ... Il regista Luchino Visconti nel 1970 vi girò molte scene del suo Morte a Venezia tanto che per anni, fino alla sua chiusura, chi attraversava la lobby non poteva non correre con l’immaginazione alle...

    – di Gerardo Pelosi

    I 200 anni di Cova, il salotto «buono» del cappuccino di Milano

    La cronaca vuole che il «cappuccino schiumoso più buono d'Italia» sia nato da Cova, a Milano, negli anni Settanta, ma la leggenda vuole ancora di più, ricamando intorno a quel beverone una trama pruriginosa e assai saporita: pare, infatti, che nell'Ottocento la contessa Julia Samoilov acquistasse

    – di Camilla Tagliabue

    Addio a Vittorio Taviani, maestro del cinema poetico e realista

    Si è spento a 88 anni Vittorio Taviani, regista toscano che insieme al fratello Paolo ha fatto la storia del nostro cinema. Nato a San Miniato il 20 settembre del 1939 (il fratello Paolo è nato due anni dopo), Vittorio si è appassionato al cinema fin dalla giovane età ed è stato tra gli animatori

    – di Andrea Chimento

    Mediaset, con Iris celebra le Cinque Giornate (e il Risorgimento)

    La presentazione è alla Pasticceria Cova di via Montenapoleone a Milano. Luogo ricercato, certo. Ma nel 1848 era il posto scelto dai patrioti che volevano scacciare gli austriaci. Insomma un luogo simbolo quello scelto da Mediaset per presentare la serie di film che andannno in onda su Iris fra il 18 e il 22 marzo. Cinque giorni quindi, a ricordare - 170 anni dopo - le Cinque Giornate del 1848. A introdurre e commentare i film della rassegna "La lunga Primavera" saranno il giornalista Alessa...

    – Andrea Biondi

    Da giovedì nei cinema «Hannah»: una grande Rampling alle prese con una tragedia mai esplicitata

    Charlotte Rampling sa portare la sofferenza con eleganza. Forse per questo Luchino Visconti l'aveva voluta nel ruolo madre deportata assieme ai figli in un campo di concentramento ne La caduta degli dei (1969), nonostante avesse solo ventidue anni. Ugualmente vittima della persecuzione nazista, Liliana Cavani ne Il portiere di notte (1974) le fece indossare le vesti di un'ebrea, sottomessa al proprio aguzzino delle SS anche a guerra finita: per lui si esibiva con il berretto lucido, i lunghi gua...

    – Cristina Battocletti

    Belmond si rafforza in Italia: acquisito il Castello di Casole a Siena per 40 milioni di euro

    Il gruppo dell'hotellerie di lusso Belmond ha acquisito per un investimento di circa 40 milioni di euro il complesso alberghiero Castello di Casole (nella foto) in provincia di Siena. La storica proprietà del X secolo si aggiunge all'iconico portfolio del brand, portando a 8 il numero delle strutture su territorio nazionale, come si legge in una nota. Posizionato a breve distanza da Firenze e Siena, Castello di Casole è una delle più grandi proprietà private in Italia. Conta 39 camere, 1500 acri...

    – Vincenzo Chierchia

1-10 di 196 risultati