Persone

Luchino Visconti

Luchino Visconti di Modrone è nato il 2 novembre del 1906 a Milano ed è deceduto a Roma il 17 marzo del 1976, è stato un regista e sceneggiatore italiano.

E' considerato assieme a Roberto Rossellini ed a Vittorio De Sica uno dei padri del Neorealismo italiano.

Di origini nobiliari e figlio quartogenito del duca Giuseppe Visconti di Modrone e di Carla Erba, proprietaria della più grande casa farmaceutica italiana, frequenta il liceo classico Berchet di Milano, dove viene bocciato al ginnasio, per passare al Liceo classico Dante Alighieri diretto dalla famiglia Pollini.

Fin da ragazzo studia violoncello, sotto la guida del violoncellista e compositore Lorenzo de Paolis (1890 - 1965) e sente l'influsso del mondo della lirica e del melodramma, anche perchè il salotto di casa Visconti è frequentato, tra gli altri, da Arturo Toscanini mentre la residenza estiva di famiglia - collocata a Villa Erba nel comune di Cernobbio sul Lago di Como - viene frequentata da numerosi artisti durante il perido estivo.

Visconti inizia la sua carriera cinematografica nel 1936 a Parigi, come assistente alla regia ed ai costumi per Jean Renoir. Col grande regista francese Visconti contribuisce alla realizzazione di "Les basfonds" e di "Une partie de campagne", ereditando da Renoir l'influenza del realismo del cinema francese degli anno '30.

Avvicinatosi ad alcuni intellettuali del Partico Comunista, mette in cantiere insieme a Pietro Ingrao, Mario Alicata e Giuseppe De Santis, il suo primo film "Ossessione", ispirato al romanzo "Il postino suona sempre due volte" di James Cain.

Con "Ossessione" Visconti inaugura il filone epressivo cinematografico del neorealismo, che vede in lui uno dei maggiori rappresentanti.

Nel secondo dopoguerra Visconti è tra i collaborazionisti del movimento della Resistenza si da alla latitanza ed ospita presso le sue residenze numerosi antifascisti.

Nel 1948 realizza un film di denuncia delle disagiati condizioni sociali delle classi più povere, "La terra trema", adattamento dal romanzo "I Malavoglia" di Giovanni Verga.

Nel 1951 è la volta del film "Bellissima", tratto da un soggetto di Cesare Zavattini, con Anna Magnani e Walter Chiari.

Nel 1960 gira il film "Rocco e i suoi fratelli", che gli vale la vittoria del Gran Premio della Giuria a Venezia.

Nel 1962 esce il film "Il Gattopardo", tratto dal romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, vincitore della Palma d'oro ed interpretato da Burt Lancaster e Claudia Cardinale.

Il suo ultimo film è "L'innocente", uscito nel 1976 e tratto dal romanzo omonimo di Gabriele d'Annunzio.

Il film ha visto la partecipazione, tra gli interpreti, di Giancarlo Giannini e Laura Antonelli ed è stato presentato fuori concorso al Festival di Cannes 1976, due mesi dopo la morte di Visconti.

Luchino Visconti ha vinto tra l'altro:

- 1 Leone d'Oro nel 1965 alla Mostra del cinema di Venezia per il film "Vaghe stelle dell'Orsa";

- 2 David di Donatello come migliore regista per i film "Morte a Venezia" (1971) e "Ludwig" (1973);

- 4 Nastri d'Argento come migliore regista per i film "Rocco e i suoi fratelli" (1961), "La caduta degli dei" (1970), "Morte a Venezia" (1972) e "Gruppo di famiglia in un interno" (1975);

- 4 Premi David Europeo, come migliore regia e miglior film, nel 1971, 1973 e 1975.

Dal 2003 le ceneri sono conservate, assieme a quelle della sorella Uberta, sotto una roccia sull'isola d'Ischia, nella sua storica residenza estiva "La Colombaia",

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Mostre | Film | Giuseppe Visconti | Giovanni Verga | Berchet | Giuseppe Tomasi di Lampedusa | Burt Lancaster | Claudia Cardinale | Giancarlo Giannini | Pollini | Giuseppe De Santis | Pietro Ingrao | Anna Magnani | Laura Antonelli | Walter Chiari | Arturo Toscanini | Mario Alicata | Dante Alighieri | Venezia | Roberto Rossellini | Carla Erba | James Cain | Lorenzo de Paolis | Cesare Zavattini | Vittorio De Sica | Jean Renoir | Milano | David Europeo | Luchino Visconti | Modrone |

Ultime notizie su Luchino Visconti

    Fendi, la couture omaggia Roma, Karl Lagerfeld e guarda al futuro

    La nuova collezione "The Dawn of Romanity" (l'alba della romanità), la prima creata da Silvia Venturini senza Kaiser Karl, è stata presentata sullo sfondo dei monumenti della città: «Il futuro si scrive sulle pagine del passato»

    – di Angelo Flaccavento

    Addio a Franco Zeffirelli, maestro del gusto italiano

    Tornerà nella sua Firenze nella cappella di famiglia al cimitero monumentale delle Porte Sante a San Miniato al Monte, Franco Zeffirelli, mancato a Roma il 15 giugno, all'età di 96 anni, dopo una lunga malattia. Lo hanno annunciato i figli adottivi Pippo e Luciano. Zeffirelli fu regista, scenografo

    – di Cristina Battocletti

    Addio a Franco Zeffirelli. Il regista è morto nella sua casa a Roma

    Addio a Franco Zeffirelli. Il regista e sceneggiatore è deceduto a 96 anni nella sua casa a Roma sull'Appia Antica, assistito dai figli adottivi Pippo e Luciano, da un medico e dal parroco della chiesa di San Tarcisio che ha benedetto la salma. Circa una settimana fa, secondo quanto si apprende

    Sfida all'o.k. corral

    In questi tempi assai luciferini il Parlamento dà licenza a chiunque di sparare, come nell'America della Sfida all'O.K. Corral, con Burt Lancaster e Kirk Douglas, o piuttosto come il Vendicatore della Notte, Charles Bronson. Per contro, dopo un sorprendente litigio tra dame in Parlamento, è stato

    Hotel di lusso: sfida per Belmond Dopo Lvmh muovono Qatar e fondi

    L'interesse per gli alberghi italiani infiamma la battaglia tra i grandi gruppi internazionali. L'acquisizione, annunciata ieri, del marchio dell'ospitalità di lusso Belmond da parte del colosso francese Lvmh potrebbe essere destinata a non finire qui.

    – di Paola Dezza

    Ritratto di un uomo particolare

    «Marcello amava la gente e la vita e a questo slancio attribuiva la sua fortuna di uomo e di attore. La sua voce magica, carica di umanità, sensibilità ed entusiasmo è importante in un momento così delicato del nostro Paese, un invito a mettere da parte l'astio», commenta Anna Maria Tatò, regista e

    – di Cristina Battocletti

    A Roma una mostra racconta Mastroianni: divo del cinema dallo stile sommesso

    Il linguaggio del cinema che suggerisce un'alternativa ai toni gridati della politica di questi giorni. E lo fa attraverso il racconto di un'icona: Marcello Mastroianni. Un divo "atipico": se da una parte è considerato il volto del cinema italiano più internazionale, mostro sacro e istrione,

    – di Andrea Carli

    Si parla di VR a Milano: Milano Industry Days alla Milano Movie Week

    Qualcosa sembra muoversi... anzi sembra aver impresso una certa accelerazione. Qualcosa nel mondo della Realtà virtuale e del 360°. I numeri di progetti e di esperienze che circolano sono decisamente aumentati. Si affacciano nuove piattaforme come Littlestar e VRoom. Al World VR Forum (qui) si moltiplica la presenza du creators, produttori e possibili investitori e l'ultima selezione VR della Mostra del cinema di Venezia a detta di molti ha impressionato per la qualità. Un'occasione per p...

    – Simone Arcagni

1-10 di 203 risultati