Persone

Luchino Visconti

Luchino Visconti di Modrone è nato il 2 novembre del 1906 a Milano ed è deceduto a Roma il 17 marzo del 1976, è stato un regista e sceneggiatore italiano.

E' considerato assieme a Roberto Rossellini ed a Vittorio De Sica uno dei padri del Neorealismo italiano.

Di origini nobiliari e figlio quartogenito del duca Giuseppe Visconti di Modrone e di Carla Erba, proprietaria della più grande casa farmaceutica italiana, frequenta il liceo classico Berchet di Milano, dove viene bocciato al ginnasio, per passare al Liceo classico Dante Alighieri diretto dalla famiglia Pollini.

Fin da ragazzo studia violoncello, sotto la guida del violoncellista e compositore Lorenzo de Paolis (1890 - 1965) e sente l'influsso del mondo della lirica e del melodramma, anche perchè il salotto di casa Visconti è frequentato, tra gli altri, da Arturo Toscanini mentre la residenza estiva di famiglia - collocata a Villa Erba nel comune di Cernobbio sul Lago di Como - viene frequentata da numerosi artisti durante il perido estivo.

Visconti inizia la sua carriera cinematografica nel 1936 a Parigi, come assistente alla regia ed ai costumi per Jean Renoir. Col grande regista francese Visconti contribuisce alla realizzazione di "Les basfonds" e di "Une partie de campagne", ereditando da Renoir l'influenza del realismo del cinema francese degli anno '30.

Avvicinatosi ad alcuni intellettuali del Partico Comunista, mette in cantiere insieme a Pietro Ingrao, Mario Alicata e Giuseppe De Santis, il suo primo film "Ossessione", ispirato al romanzo "Il postino suona sempre due volte" di James Cain.

Con "Ossessione" Visconti inaugura il filone epressivo cinematografico del neorealismo, che vede in lui uno dei maggiori rappresentanti.

Nel secondo dopoguerra Visconti è tra i collaborazionisti del movimento della Resistenza si da alla latitanza ed ospita presso le sue residenze numerosi antifascisti.

Nel 1948 realizza un film di denuncia delle disagiati condizioni sociali delle classi più povere, "La terra trema", adattamento dal romanzo "I Malavoglia" di Giovanni Verga.

Nel 1951 è la volta del film "Bellissima", tratto da un soggetto di Cesare Zavattini, con Anna Magnani e Walter Chiari.

Nel 1960 gira il film "Rocco e i suoi fratelli", che gli vale la vittoria del Gran Premio della Giuria a Venezia.

Nel 1962 esce il film "Il Gattopardo", tratto dal romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, vincitore della Palma d'oro ed interpretato da Burt Lancaster e Claudia Cardinale.

Il suo ultimo film è "L'innocente", uscito nel 1976 e tratto dal romanzo omonimo di Gabriele d'Annunzio.

Il film ha visto la partecipazione, tra gli interpreti, di Giancarlo Giannini e Laura Antonelli ed è stato presentato fuori concorso al Festival di Cannes 1976, due mesi dopo la morte di Visconti.

Luchino Visconti ha vinto tra l'altro:

- 1 Leone d'Oro nel 1965 alla Mostra del cinema di Venezia per il film "Vaghe stelle dell'Orsa";

- 2 David di Donatello come migliore regista per i film "Morte a Venezia" (1971) e "Ludwig" (1973);

- 4 Nastri d'Argento come migliore regista per i film "Rocco e i suoi fratelli" (1961), "La caduta degli dei" (1970), "Morte a Venezia" (1972) e "Gruppo di famiglia in un interno" (1975);

- 4 Premi David Europeo, come migliore regia e miglior film, nel 1971, 1973 e 1975.

Dal 2003 le ceneri sono conservate, assieme a quelle della sorella Uberta, sotto una roccia sull'isola d'Ischia, nella sua storica residenza estiva "La Colombaia",

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Mostre | Film | Giuseppe Visconti | Giovanni Verga | Berchet | Giuseppe Tomasi di Lampedusa | Burt Lancaster | Claudia Cardinale | Giancarlo Giannini | Pollini | Giuseppe De Santis | Pietro Ingrao | Anna Magnani | Laura Antonelli | Walter Chiari | Arturo Toscanini | Mario Alicata | Dante Alighieri | Venezia | Roberto Rossellini | Carla Erba | James Cain | Lorenzo de Paolis | Cesare Zavattini | Vittorio De Sica | Jean Renoir | Milano | David Europeo | Luchino Visconti | Modrone |

Ultime notizie su Luchino Visconti

    Guerra fra titani - I 12 titoli della Mostra che fanno invidia a Cannes

    «Si poteva non fare la Mostra? Si. Si doveva evitare di farla? Forse Sì. Per noi, la risposta giusta è: non si poteva non farla», con questo tweet nei giorni scorsi Alberto Barbera ha lanciato il suo disclaimer, provando anche a chiudere qualche polemica. Intanto scorriamo i "bellissimi" da non perdere (sulla carta)

    – di Federica Polidoro

    Il lavoro ben fatto di Simone in dieci citazioni

    Caro Diario, questo di Simone Bigongiari è il primo racconto citato che pubblico e non ti nascondo che sono un poco "pucurillo" emozionato. Come e perché è nato questo nuovo format te l'ho raccontato qui, quindi mi fermo qui e ti lascio alla lettura della storia di Simone, poi magari ci torniamo su. 1. Pablo Neruda, Siam Molti Di tanti uomini che sono, che siamo, non posso trovare nessuno: mi si perdono sotto il vestito, sono andati in altre città. Sono una persona che ha sempre fatto della ...

    – Vincenzo Moretti

    Fondazione Cariplo stanzia 6 milioni per la cultura

    Assegnate le risorse a 14 progetti di organizzazioni non profit, enti pubblici ed ecclesiastici tra Bergamo, Cremona, Mantova, Novara, Lecco e Verbano-Cusio-Ossola

    – di Marilena Pirrelli

    Addio Anna Karina, icona della Nouvelle Vague

    A 79 anni si è spenta la musa di Jean-Luc Godard, regista con cui è stata sposata per sette anni e con cui ha realizzato diversi film memorabili

    – di Andrea Chimento

1-10 di 219 risultati