Persone

Luca Cordero di Montezemolo

Nato a Bologna il 31 agosto 1947 Luca Cordero di Montezemolo è un manager italiano. E’ stato presidente di Alitalia da novembre 2014 ad aprile 2017 e vice Presidente di UniCredit fino al 19 aprile 2017. E' socio fondatore, azionista (con il 12,71% ) consigliere di amministrazione di Italo- NTV Nuovo Trasporto Viaggiatori, azienda del settore ferroviario con il marchio Italo.

In passato stato Presidente della Ferrari S.p.A. dal 1991 al 2014 oltre che un industriale ricoprendo diversi ruoli nel corso della lunga carriera professionale.

Dopo essersi laureato in Giurisprudenza a La Sapienza di Roma, nel 1971, ed avere completato gli studi in Diritto Internazionale alla Columbia University di New York, Luca Cordero di Montezemolo ha iniziato la carriera manageriale in Ferrari, prima come assistente di Enzo Ferrari e poi come responsabile della “squadra corse”. Nel 1977 ha assunto quindi il ruolo di responsabile delle relazioni esterne di Fiat, mentre nel 1984 è nominato direttore generale del comitato organizzatore dei Mondiali di Calcio di Italia '90. Nel 1991 è tornato in Ferrari, come presidente, vincendo nel 2000 il campionato mondiale atteso dal 1979.

E’ stato presidente della Fieg, dal 2003 al 2008 ha ricoperto il ruolo di presidente di Confindustria.

Inserito dal Financial Times nella lista dei cinquanta manager più importanti al mondo, Montezemolo ha assunto la Presidenza del Comitato promotore per la candidatura di Roma ai Giochi Olimpici 2024 nel 2015 e presidente di Telethon.

Ultimo aggiornamento 08 febbraio 2018

ARGOMENTI CORRELATI: Management | Luca Cordero di Montezemolo | Alitalia | Confindustria | Società per Azioni | Telethon | Università La Sapienza | Fiat | Enzo Ferrari | Sergio Marchionne | Fieg | Roma | NTV Nuovo Trasporto Viaggiatori |

Ultime notizie su Luca Cordero di Montezemolo

    Salvataggi Alitalia, per lo Stato un conto da 8,6 miliardi

    Dopo la Lai fondata nel 1946 sotto l’Iri, la Cai del 2008 dei Capitani coraggiosi lanciati da Silvio Berlusconi, la Sai decollata nel 2015 con gli arabi di Etihad e sotto l’occhio benevolo di Matteo Renzi e Luca Cordero di Montezemolo, la vecchia Alitalia non ci abbandona.

    – di Gianni Dragoni

    Sigaro Toscano rinuncia all'Ipo: in Borsa oggi non ci sono le condizioni

    Mentre si era in attesa proprio in queste ore dell'approvazione della Consob, la società presieduta da Luca Cordero di Montezemolo fa sapere con una nota che «le condizioni economiche e l'attuale volatilità del mercato borsistico non permettono al momento di apprezzare compiutamente il valore di Manifatture Sigaro Toscano».

    Allianz sale sui treni di Italo. Compra l'11,5% e diventa il secondo socio

    Con questa operazione, effettuata attraverso Allianz spa e la controllata lussemburghese Agf Benelux Sarl, Allianz diventa di gran lunga il secondo socio di Italo con una quota che supera nettamente la somma (7,74%) di tutte le partecipazioni dei restanti azionisti, cioè gli italiani Luca Cordero di Montezemolo, Gianni Punzo, Isabella Seragnoli, Flavio Cattaneo e Alberto Bombassei, e il fondo Peninsula.

    – di Cheo Condina

    Sigaro Toscano parte sulla via della quotazione a Piazza Affari

    Oggi la società fa capo al gruppo Maccaferri, a Luca Cordero di Montezemolo, a Piero Gnudi e a Aurelio Regina: i soci sono convinti della bontà del piano di crescita dell’azienda, condividono il progetto quotazione e hanno mostrato fiducia sia sulla Borsa Italiana sia sul Paese.

    – di Carlo Festa

    F1, Ferrari: che cosa lascia Sergio Marchionne

    Comincia tutto nell'ottobre 2014, quando dopo una stagione disastrosa prende il posto (non senza rancori) di Luca Cordero di Montezemolo, per un'eredità pesantissima visti i numeri straordinari che hanno segnato l'era di Montezemolo. Marchionne raccoglie una squadra ferita nell'orgoglio nella quale è in dirittura d'arrivo Sebastian Vettel, ultimo "regalo" di Montezemolo al Cavallino, con il tedesco che prenderà il posto di un Alonso sempre più sfiduciato.

    – a cura di Datasport

    Sergio Marchionne, la storia di un manager che imparò ad amare l'automobile

    E in questo c'era tanta passione, passione per l'auto e le sue fabbriche e passione per l'eccellenza italiana come la Ferrari che strappò a Luca Cordero di Montezemolo e forse accese in lui una passione tanto forte da voler restare alla guida della Rossa anche dopo il ritiro da Fca previsto per il prossimo.

    – di Mario Cianflone

    2 miliardi di dollari da General Motors - 2005

    Un'intesa che non risolve i problemi, ma - sottolinea il presidente, Luca Cordero di Montezemolo - permette di tornare a concentrarsi sulla questione del rilancio di Fiat Auto.

    Marchionne, il generale senza paura da 1 miliardo di profitti l'anno

    Quando nel 2004 Sergio Marchionne prese il timone della Fiat attorno al Lingotto aleggiava un clima da ultima spiaggia. Il gruppo perdeva più di 2 milioni di euro al giorno e la sopravvivenza era garantita solo dalla finanza concessa dalle banche: il convertendo da 3 miliardi di euro. Lo

    – di Laura Galvagni

    Alitalia, tre indagati per bancarotta fraudolenta

    Emergono i primi dei nomi degli indagati per bancarotta fraudolenta per il collasso di Alitalia-Sai, nella gestione targata Etihad. Gli indagati sono i tre manager che si sono succeduti alla guida della compagnia dal primo gennaio 2015 al 2 maggio 2017: Silvano Cassano, Luca Cordero di Montezemolo,

    – di Gianni Dragoni

    La nuova sfida di Flavio Cattaneo: una società d'investimento da 200-300 milioni

    Manca solo il nome, ma il progetto è pronto. Archiviato l'ennesimo successo, con il rilancio di Italo e la vendita al fondo americano Global Infrastructure Partners (Gip) - di cui ieri è stato firmato il closing -, il numero uno della società, Flavio Cattaneo, si prepara a una nuova sfida che

    – di Celestina Dominelli

1-10 di 1044 risultati