Persone

Luca Cordero di Montezemolo

Nato a Bologna il 31 agosto 1947 Luca Cordero di Montezemolo è un manager italiano. E’ stato presidente di Alitalia da novembre 2014 ad aprile 2017 e vice Presidente di UniCredit fino al 19 aprile 2017. E' socio fondatore, azionista (con il 12,71% ) consigliere di amministrazione di Italo- NTV Nuovo Trasporto Viaggiatori, azienda del settore ferroviario con il marchio Italo.

In passato stato Presidente della Ferrari S.p.A. dal 1991 al 2014 oltre che un industriale ricoprendo diversi ruoli nel corso della lunga carriera professionale.

Dopo essersi laureato in Giurisprudenza a La Sapienza di Roma, nel 1971, ed avere completato gli studi in Diritto Internazionale alla Columbia University di New York, Luca Cordero di Montezemolo ha iniziato la carriera manageriale in Ferrari, prima come assistente di Enzo Ferrari e poi come responsabile della “squadra corse”. Nel 1977 ha assunto quindi il ruolo di responsabile delle relazioni esterne di Fiat, mentre nel 1984 è nominato direttore generale del comitato organizzatore dei Mondiali di Calcio di Italia '90. Nel 1991 è tornato in Ferrari, come presidente, vincendo nel 2000 il campionato mondiale atteso dal 1979.

E’ stato presidente della Fieg, dal 2003 al 2008 ha ricoperto il ruolo di presidente di Confindustria.

Inserito dal Financial Times nella lista dei cinquanta manager più importanti al mondo, Montezemolo ha assunto la Presidenza del Comitato promotore per la candidatura di Roma ai Giochi Olimpici 2024 nel 2015 e presidente di Telethon.

Ultimo aggiornamento 08 febbraio 2018

ARGOMENTI CORRELATI: Management | Luca Cordero di Montezemolo | Alitalia | Confindustria | Società per Azioni | Telethon | Università La Sapienza | Fiat | Enzo Ferrari | Sergio Marchionne | Fieg | Roma | NTV Nuovo Trasporto Viaggiatori |

Ultime notizie su Luca Cordero di Montezemolo

    Il diffuso vizio del presentismo nelle analisi sul declino italiano

    Spesso i commentatori di cose italiche tendono a concentrarsi troppo sul presente, sul governo giallo-verde, sulla congiuntura tedesca, sui rimbrotti della Commissione Europea, facendo perdere di vista i fattori di arretratezza storica, che rendono la crescita italiana anemica da almeno 25 anni. Contano i tempi lunghi, evocati da Luigi Einaudi. Perché si parla così poco di scuola? Perché è un investimento strutturale, che ha riflessi positivi nel lungo termine. La politica vive nel breve termi...

    – Beniamino Piccone

    Montezemolo: «Nei piani di Italo-Ntv lo sbarco in Spagna e Regno Unito»

    L'obiettivo è già puntato sull'Europa che si prepara a liberalizzare il mercato ferroviario dal 2020. «Ci stiamo guardando intorno. E' chiaro che le nostre decisioni dipenderanno da come si muoveranno i singoli paesi, ma noi siamo pronti».Luca Cordero di Montezemolo, presidente di Italo-Ntv,

    – di Celestina Dominelli

    Alitalia, prestito ponte alla terza proroga

    Per essere un "ponte" è molto lungo, anzi lunghissimo. Non se ne vede ancora la fine. All'inizio il finanziamento statale concesso ad Alitalia per mantenerla in volo doveva durare sei mesi e limitarsi a 3-400 milioni di euro.Invece, con la proroga della scadenza per il rimborso che il governo si

    – di Gianni Dragoni

    Alta velocità, linee sovraccariche: arriva in ritardo il 44% dei treni

    Il dato record di oltre 950 treni al giorno a Roma Termini, 750 convogli che entrano ed escono da Milano Centrale, uno straordinario aumento del 30% dei treni giornalieri «a mercato» (Frecciarossa e Frecciargento di Trenitalia con Italo-Ntv sul segmento Av, più i Frecciabianca) in quattro anni (da

    – di Celestina Dominelli e Giorgio Santilli

    Sigaro Toscano e Rainbow guidano la ritirata del 2018

    Tante le defezioni quest'anno a Piazza Affari. In un anno di buone aspettative, dalle elezioni politiche in poi si sono chiuse le finestre favorevoli per molte aziende. E' aumentato il «rischio Italia» e si sono dovuti tirare indietro soprattutto i gruppi troppo esposti sul mercato casalingo.

    – di C.Fe.

    Salvataggi Alitalia, per lo Stato un conto da 8,6 miliardi

    Dopo la Lai fondata nel 1946 sotto l'Iri, la Cai del 2008 dei Capitani coraggiosi lanciati da Silvio Berlusconi, la Sai decollata nel 2015 con gli arabi di Etihad e sotto l'occhio benevolo di Matteo Renzi e Luca Cordero di Montezemolo, la vecchia Alitalia non ci abbandona. Malgrado i bilanci

    – di Gianni Dragoni

    Allianz sale sui treni di Italo. Compra l'11,5% e diventa il secondo socio

    Allianz punta ancora sulle infrastrutture italiane. Dopo il 7% circa di Autostrade per l'Italia rilevato l'anno scorso in cordata con altri investitori, il colosso assicurativo tedesco - secondo quanto risulta a Radiocor - avrebbe comprato l'11,5% di Italo direttamente da Global Infrastructure

    – di Cheo Condina

    Sigaro Toscano parte sulla via della quotazione a Piazza Affari

    Manifatture Sigaro Toscano punta alla quotazione a Piazza Affari entro fine anno. L'altroieri il Cda di Mst ha deliberato la quotazione in Borsa, sul segmento Star, entro dicembre. Nel caso di sbarco, evento che comunque dovrà confrontarsi con la situazione congiunturale dei mercati in autunno e

    – di Carlo Festa

1-10 di 1050 risultati