Le nostre Firme

Lorenzo Codogno

 @lorenzocodogno |  LinkedIn |

Lorenzo Codogno è visiting professor in practice alla London School of Economics e fondatore e capo economista della sua società di consulenza LC Macro Advisors Ltd. E' stato dirigente generale al Dipartimento del Tesoro del Ministero dell'Economia e delle Finanze dal maggio 2006 al febbraio 2015. Era responsabile della direzione Analisi e Programmazione Economico Finanziaria che cura le previsioni macroeconomiche, l'analisi congiunturale e strutturale sull'economia italiana ed internazionale, incluso questioni monetarie e finanziarie. E' stato responsabile tecnico per la preparazione dei principali documenti ufficiali di programmazione. Era capo della delegazione italiana al Comitato di Politica Economica (CPE) dell'Unione Europea, dove è stato vice presidente dal gennaio del 2008 al dicembre 2009 e presidente dal gennaio 2010 al dicembre 2011, e in quest'ultimo ruolo ha partecipato ai vertici Eurogruppo/Ecofin con i Ministri. All'OCSE ha rappresentato l'Italia al CPE, all'EDRC a al WP1, dove è stato presidente dal gennaio 2013 al febbraio 2015. Dal 1998 al 2006 ha lavorato per Bank of America ricoprendo la carica di managing director, economista senior co-responsabile dell'analisi economica in Europa basato a Londra. Ha studiato all'Università di Padova e all'Università di Syracuse, Syracuse, NY, USA.

  • Luogo: Londra
  • Lingue parlate: Italiano, Inglese, Francese
  • Argomenti: Macroeconomia internazionale, politiche fiscali e monetarie, analisi di politica economica, mercati finanziari

Ultimo aggiornamento 29 ottobre 2018

Ultimi articoli di Lorenzo Codogno

    Ristrutturare il debito farebbe danni immensi

    La parola «ristrutturazione» riferita ai debiti sovrani è stata espunta dalle dichiarazioni del summit sulla riforma dell'Eurozona che si è tenuto nel dicembre scorso. Ne sono rimaste però alcune tracce: l'affermazione che l'assistenza finanziaria dell'Esm (il Fondo salva Stati europeo) viene

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    Oltre il realismo del Def, rischi se il deficit sfiora il 3%

    Il Def rappresenta un utile esercizio di realismo, dopo le molte promesse e illusioni delle settimane e dei mesi scorsi. Il tasso di crescita del Pil scende nel 2019 dall'1% della previsione precedente allo 0,2 per cento. La conseguenza, pressoché inevitabile, è l'aumento del deficit, dal 2% del

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    I troppi «se» che pesano sulla sostenibilità del debito

    L'intervista al ministro dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria pubblicata domenica da questo giornale è servita a chiarire alcuni aspetti cruciali della logica sottostante la manovra proposta dal governo. La domanda che ci si pone è se sia stata sufficiente a dissipare i dubbi sulla

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    La quadratura dei conti e lo spread in agguato

    Francis Scott Fitzgerald disse: «Datemi un eroe, e vi scriverò una tragedia». I messaggi rassicuranti sulla prossima Legge di Bilancio si susseguono, a partire da quelli del ministro Tria in una lunga intervista pubblicata l'8 agosto sul Sole 24 Ore, ma vengono continuamente contraddetti dai

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    Ristrutturare il debito sovrano: la pericolosa proposta franco-tedesca

    Nella "Dichiarazione di Meseberg" riaffiorano alcune idee che, se recepite, sarebbero molto pericolose per l'Italia. Si tratta in sostanza dell'ipotesi della ristrutturazione ordinata di un debitore sovrano all'interno dell'area dell'euro, un tema su cui ci eravamo già soffermati in passato su

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    Il piano B, l'euro e quelle tensioni con la Ue

    Il cosiddetto "contratto" di governo, se attuato, comporterebbe a regime un aumento del disavanzo pubblico nell'ordine di 100 miliardi di euro e sarebbe palesemente in contrasto sia con l'art. 81 della Costituzione italiana sia con le regole dell'Unione Europea.

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    La Povertà si combatte con più produttività

    Quali sono i problemi di diseguaglianza in Italia? E' in aumento o in diminuzione? Queste domande toccano la vita delle persone e determinano anche le loro scelte politiche. Le analisi di alcuni economisti della Banca d'Italia (Luigi Cannari e Giovanni D'Alessio, Brandolini et al.) confermano ciò

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    Il motore «imballato» dell'economia italiana

    L'Italia è un caso anomalo fra i paesi sviluppati perché da circa un quarto di secolo è il paese che registra i tassi di crescita più bassi. La ragione, secondo la generalità degli economisti, deve farsi risalire alla difficoltà di adeguare la pubblica amministrazione e la struttura produttiva alle

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

1-10 di 38 risultati