Le nostre Firme

Lorenzo Codogno

 @lorenzocodogno |  LinkedIn |

Lorenzo Codogno è visiting professor in practice alla London School of Economics e fondatore e capo economista della sua società di consulenza LC Macro Advisors Ltd. E' stato dirigente generale al Dipartimento del Tesoro del Ministero dell'Economia e delle Finanze dal maggio 2006 al febbraio 2015. Era responsabile della direzione Analisi e Programmazione Economico Finanziaria che cura le previsioni macroeconomiche, l'analisi congiunturale e strutturale sull'economia italiana ed internazionale, incluso questioni monetarie e finanziarie. E' stato responsabile tecnico per la preparazione dei principali documenti ufficiali di programmazione. Era capo della delegazione italiana al Comitato di Politica Economica (CPE) dell'Unione Europea, dove è stato vice presidente dal gennaio del 2008 al dicembre 2009 e presidente dal gennaio 2010 al dicembre 2011, e in quest'ultimo ruolo ha partecipato ai vertici Eurogruppo/Ecofin con i Ministri. All'OCSE ha rappresentato l'Italia al CPE, all'EDRC a al WP1, dove è stato presidente dal gennaio 2013 al febbraio 2015. Dal 1998 al 2006 ha lavorato per Bank of America ricoprendo la carica di managing director, economista senior co-responsabile dell'analisi economica in Europa basato a Londra. Ha studiato all'Università di Padova e all'Università di Syracuse, Syracuse, NY, USA.

  • Luogo: Londra
  • Lingue parlate: Italiano, Inglese, Francese
  • Argomenti: Macroeconomia internazionale, politiche fiscali e monetarie, analisi di politica economica, mercati finanziari

Ultimo aggiornamento 29 ottobre 2018

Ultimi articoli di Lorenzo Codogno

    La visione c'è, ora va tradotta in progetti

    Il Pnrr -Piano nazionale di ripresa e resilienza per l'utilizzo dei fondi del Next Generation Ee - è un documento che interessa quasi tutti gli ambiti dell'economia e della società italiane. In quanto tale si presta a essere giudicato da più punti di vista ed è comprensibile che le diverse forze

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    La riforma del Mes non è perfetta ma all'Italia può solo far comodo

    Quasi due anni e mezzo fa su queste colonne avevamo espresso qualche timore sui lavori preparatori della riforma del Meccanismo europeo di stabilità (Mes) e in particolare sulla dichiarazione franco-tedesca di Meseberg che fornì il quadro di riferimento per la riforma che fu poi sottoposta

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    Approvare il mes per un credito europeo

    I contorni dello shock economico prodotto dal coronavirus sono ancora molto incerti, ma di sicuro la sua entità sarà simile, se non superiore a quella del 2008-2009. Si è detto molto sulla natura dello shock e che in buona parte deriva dal lato dell'offerta. Questo è certamente vero. Tuttavia, non

    – di Lorenzo Codogno e Gia mpaolo Galli

    Ristrutturare il debito farebbe danni immensi

    La parola «ristrutturazione» riferita ai debiti sovrani è stata espunta dalle dichiarazioni del summit sulla riforma dell'Eurozona che si è tenuto nel dicembre scorso. Ne sono rimaste però alcune tracce: l'affermazione che l'assistenza finanziaria dell'Esm (il Fondo salva Stati europeo) viene

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    Oltre il realismo del Def, rischi se il deficit sfiora il 3%

    Il Def rappresenta un utile esercizio di realismo, dopo le molte promesse e illusioni delle settimane e dei mesi scorsi. Il tasso di crescita del Pil scende nel 2019 dall'1% della previsione precedente allo 0,2 per cento. La conseguenza, pressoché inevitabile, è l'aumento del deficit, dal 2% del

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    I troppi «se» che pesano sulla sostenibilità del debito

    L'intervista al ministro dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria pubblicata domenica da questo giornale è servita a chiarire alcuni aspetti cruciali della logica sottostante la manovra proposta dal governo. La domanda che ci si pone è se sia stata sufficiente a dissipare i dubbi sulla

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    La quadratura dei conti e lo spread in agguato

    Francis Scott Fitzgerald disse: «Datemi un eroe, e vi scriverò una tragedia». I messaggi rassicuranti sulla prossima Legge di Bilancio si susseguono, a partire da quelli del ministro Tria in una lunga intervista pubblicata l'8 agosto sul Sole 24 Ore, ma vengono continuamente contraddetti dai

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

1-10 di 43 risultati