Persone

Licio Gelli

Licio Gelli è nato il 21 aprile del 1919 a Pistoia ed è deceduto il 15 dicembre del 2015 ad Arezzo.

E' stato un imprenditore e faccendiere italiano, noto alla cronaca quale maestro venerabile della loggia massonica segreta P2.

E' stato condannato per depistaggio delle indagini della strage di Bologna del 1980 ma poi anche per il caso Ambrosiano e per la P2, per essere poi detenuto prima in Svizzera e Francia, poi agli arresti domiciliari ad Arezzo, presso Villa Wanda.

Gelli è stato l'emblema di un'epoca che ha profondamente segnato la storia d'Italia, con i suoi scandali e soprattutto i suoi misteri mai fino in fondo svelati.

Di certo il ruolo di burattinaio (uno dei soprannomi che gli venne attribuito) di un progetto dichiaratamente anti-democratico, lo giocò a lungo con efficacia, ricevendo politici, e militari ed influenzando la vita pubblica italiana in uno scorcio tragico come quello a cavallo tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli 80, tra l'uccisione di Aldo Moro (molti di quelli che diressero le indagini erano suoi affiliati) alla fine della solidarieta' nazionale ed il ritorno al pentapartito.

Lo scandalo P2 scoppiò il 17 marzo del1981, quando i giudici Gherardo Colombo e Giuliano Turone nell'ambito dell'inchiesta sul finto rapimento del finanziere Michele Sindona (altro tassello di un'era di fatti oscuri) fecero perquisire la villa aretina di Gelli. Da lì spuntarono le liste infinite di nomi: parlamentari, alti ufficiali, imprenditori, giornalisti, nobiluomini piu' o meno decaduti.

L'Italia tremò e lui scappò in Svizzera, dove poi sarà arrestato e rimarrà in carcere mesi dopo, e dalla quale evadrà.

Anni dopo si costituisce, e siamo già nel 1987 e finalmente l'estradizione in Italia nel 1988, quando nel frattempo tutto, molto è cambiato nella politica ma lo strascico lasciato dalla P2 si sente ancora.
Prima la libertà provvisoria poi di nuovo un arresto nel 1997 e nel 1988 la conferma della condanna a 12 anni per il crack Ambrosiano. Di nuovo irreperibile, fuga di quattro mesi e gli vongono concessi i domiciliari che sconterà nella solita villa Wanda, ad un certo punto sequestrata per debiti con il fisco (poi prescritti).

Resta il dubbio (ma forse è ben piu' di un dubbio) che molti misteri mai svelati della storia italiana ormai siano sepolti con lui, simbolo (non unico) di uno spaccato di storia italiana della quale non si va per niente fieri.

Licio Gelli è stato insignito di diverse onorificienze quali:

— Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana dal 2 giugno 1966 al 29 luglio 2013 (revocata ope legis a seguito di interdizione perpetua dai pubblici uffici);

— Cavaliere di Gran croce dell'ordine del liberatore San Martín;

— Grand'ufficiale dell'ordine di San Silvestro Papa;

— Commendatore con placca dell'ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Gelli era padre di quattro figli nati dal matrimonio con Wanda Vannacci (scomparsa nel 1993), Raffaello (nato nel 1947) Maria Rosa (nata nel 1952), Maria Grazia (nata il 1952 e scomparsa nel 1988, in seguito ad un incidente stradale) e Maurizio (nato nel 1959).

Il 2 agosto del 2006 Gelli aveva sposato ad Arezzo, in seconde nozze, Gabriela Vasile (nata nel 1958 a Lupsa (Romania).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Giustizia | Licio Gelli | Loggia P2 | Nato | Giuliano Turone | San Martín | Aldo Moro | Gherardo Colombo | Gabriela Vasile | Michele Sindona | Arezzo | Wanda Vannacci | Svizzera | San Silvestro Papa |

Ultime notizie su Licio Gelli

    La vita degli stragisti: tutti liberi, al lavoro e impegnati nel volontariato

    Oltre a Cavallini sono stati condannati in via definitiva i dirigenti del Sismi (il servizio di informazioni e sicurezza militare trasformato nel 2007 nell'Aise, l'Agenzia informazioni e sicurezza esterna) generale Pietro Musumeci (oggi centenario) e colonnello Giuseppe Belmonte (deceduto nel 1998 e affiliato alla P2), Francesco Pazienza e il massone Licio Gelli (morto nel 2015), oltre a Francesca Mambro, Valerio Fioravanti e Luigi Ciavardini.

    – di Roberto Galullo

    Bologna, il filo nero di una strage senza mandanti da 40 anni

    Sempre più chiaro il ruolo dei servizi segreti deviati al soldo della P2 di Licio Gelli ... La doppia regia vede profilarsi la loggia Propaganda 2 del Venerabile Licio Gelli e gli apparati deviati dello Stato che ancora oggi cercano di depistare ed inquinare prove. ...e il massone Licio Gelli (morto nel 2015), oltre a Gilberto Cavallini (in primo grado), Francesca Mambro, Valerio Fioravanti e Luigi Ciavardini.

    – di Roberto Galullo

    Bologna 40 anni dopo: «Il lutto è comune, la verità ancora no»

    La svolta nelle indagini è rappresentata dalla richiesta di rinvio a giudizio della Procura Generale per Paolo Bellini, ex di Avanguardia Nazionale, «mentre è nella P2 di Licio Gelli che vanno individuati mandanti e finanziatori».

    – di Raffaella Calandra

    Perché la lezione dei moti di Reggio Calabria del '70 è ancora attualissima

    Questo l'elenco dei presunti partecipanti al summit (impossibile anche per la magistratura trovare verifiche e dunque da prendere con il doveroso beneficio d'inventario): Lino Salvini (all'epoca Gran maestro del Grande oriente d'Italia) il generale Gino Birindelli (affiliato alla P2 e deputato del Movimento sociale dal '72 al '74), Edgardo Sogno (iscritto alla P2), Stefano Delle Chiaie (successivamente risultato in rapporti con Licio Gelli), Ciccio Franco (sindacalista, dirigente e senatore...

    – di Roberto Galullo

    PARTIGIANI SI NASCE

    L'intervento del fascista, servo dei peggiori poteri occulti Licio Gelli, pistoiese DOC, nell'infame e vile strage di Bologna è stata finalmente appurata.

    – Luca Boschi

    Il senso dello Stato ricordando Ambrosoli e Baffi

    Suona quasi come uno schiaffo la scelta di dedicare al senso dello Stato la Giornata della virtù civile 2019, che quest'anno non ricorda solo Giorgio Ambrosoli (nel quarantennale dell'assassinio), ma anche Paolo Baffi nel trentennale della morte. Uno schiaffo salutare, vista «la semiparalisi

    – di Marco Ferrando

    L'esempio di Silvio Novembre, una vita per la cultura del rispetto delle regole

    Siccome la memoria è l'arma dei deboli contro i forti, è un dovere civico oggi ricordare Silvio Novembre, scomparso l'altra notte a Milano. Maresciallo della Guardia di finanza, fu tra i principali collaboratori di Giorgio Ambrosoli durante la liquidazione della Banca Privata Italiana del banchiere-bancarottiere Michele Sindona, mandante dell'omicidio di colui che è stato definito da Corrado Stajano "Un eroe borghese". Nel corso delle ricerche storiche sulla figura di Paolo Baffi, ogni qualvolt...

    – Beniamino Piccone

    Giorgio Ambrosoli, il senso dello Stato

    Come ebbe a spiegare nel 2010 Giulio Andreotti in uno dei suoi rari empiti di sincerità, l'avvocato Giorgio Ambrosoli, commissario liquidatore delle banche di Michele Sindona, era uno che «se l'andava cercando». Fosse stato più prudente, non si sarebbe opposto in modo così inflessibile ai

    – di Raffaele Liucci

    A caccia di old master nelle aste italiane

    Qualità artistica, rarità e pedigree storico sono la chiave per un buon acquisto nel settore dei dipinti antichi e del XIX secolo, sia che si tratti di grandi maestri che di minori. Le aste primaverili nel settore, iniziate a marzo ed aprile, proseguono nelle principali piazze italiane a maggio:

    – di Stefano Cosenz

1-10 di 145 risultati