Ultime notizie:

Leopoldo III

    Polittico sopravvissuto ai suoi guai

    Le incredibili vicissitudini della «Pala dell'Agnello Mistico», il capolavoro fiammingo al centro di un radicale recupero al Museo di Belle Arti

    – di Marco Carminati

    Vienna in festa per i 300 anni di Maria Teresa

    Nel 1717, a Vienna, nasceva Maria Teresa d'Austria, una delle donne più potenti della storia. A 23 anni, morto improvvisamente il padre Carlo VI senza figli maschi, toccò a lei la successione. La designazione di una donna a imperatrice provocò una guerra lunga otto anni. Vinse Maria Teresa che

    – di Arianna Garavaglia

    Belgio 1950-Regno Unito 2016: lezioni sullo sfilacciamento di un paese?

    I referendum popolari sono uno strumento da maneggiare con cura. In alcuni casi permettono di trovare soluzioni politiche, in altri rischiano di provocare gravi tensioni. Quello inglese del 23 giugno non comporterà solo la (probabile, plausibile?) uscita della Gran Bretagna dall'Unione. Metterà a dura prova il futuro del paese. La Scozia ha già annunciato che intende organizzare un referendum sulla sua permanenza nella UE. In Irlanda del Nord c'è chi vuole invece l'annessione alla Repubblica d'I...

    – Beda Romano

    Come Liegi acquistò Arte degenerata dai Nazisti - 28/12/14

    Le città sono spesso vittime della loro immagine, ostaggio della loro storia. Per molti, Liegi non è altro che una delle tristi capitali della siderurgia europea, alla stregua di Manchester o di Essen: nera di lignite, bagnata dalla pioggia e sfigurata dalla guerra. Oggi, il carbone è sinonimo di povertà e disoccupazione. Ieri, era fonte di ricchezza, e anche di dinamismo culturale. La mostra intitolata «L'art dégénéré selon Hitler», che si è appena aperta in un nuovo centro museale nella città ...

    – Beda Romano

    Arte degenerata all'incanto

    Il nuovo museo della città ospita la mostra di opere (tra cui Chagall e Ensor) che i nazisti ritenevano incompatibili con la purezza ariana e che furono vendute all'asta nel '39 a Lucerna

    – Beda Romano

    Come lasciare la terra ai vivi - 01/04/12

    BRUXELLES - La granduchessa Joséphine-Charlotte del Lussemburgo morì nel 2005 all'età di 77 anni. Dopo i funerali pubblici nella Cattedrale del Granducato, i suoi famigliari si recarono a Hamm per eseguire la sua ultima volontà: essere cremata. La cerimonia avvenne nella più stretta intimità (come si dice in questi casi). La scelta di Joséphine-Charlotte, figlia maggiore di Leopoldo III del Belgio, suscitò discussioni nelle frange più conservatrici della società lussemburghese e belga. «Alla not...

    – Beda Romano

    Come lasciare la terra ai vivi

    In Belgio è sempre più diffusa la cremazione. Nella capitale costituisce la scelta per il 65% della popolazione. Compresa Joséphine, l'erede della nobiltà conservatrice - Ragioni morali, ecologiche, economiche, ma forse legate anche alla mobilità delle famiglie e alla fragilità delle strutture della famiglia

    – Beda Romano