Le nostre Firme

Leopoldo Benacchio

Leopoldo Benacchio è professore ordinario presso l'Osservatorio Astronomico di Padova - INAF. E’ stato lungo consigliere (tecnico) del Ministro Istruzione-Università-Ricerca e ha gestito vari programmi di ricerca nazionali e internazionali. Accanto all'attività di ricerca, specialmente focalizzata sulle applicazioni del calcolo e della teoria dell'informazione in Astronomia, dal 1995 dedica buona parte del suo tempo alla divulgazione della Scienza ­­­­­­. Ha pubblicato, in Italia e in vari altri Paesi europei e in USA, libri di astronomia e scienza. Assieme al suo gruppo di lavoro ha pubblicato, dal 1998, oltre trenta siti di attualità sulla scienza, fra cui il primo settimanale videoWeb in streaming, Urania, apparso sul Web italiano già nel 2000 e il primo sito di scienza per non vedenti. Dal 2000 ha svolto assieme a varie scuole italiane, progetti nazionali o internazionali di didattica della Fisica, materia che ha anche insegnato per vari anni all'Università di Venezia.

Ultimo aggiornamento 04 ottobre 2017

Ultimi articoli di Leopoldo Benacchio

    Foreste in fiamme: i disastri sono la biodiversità distrutta e la CO2 prodotta

    Il mondo va a fuoco, resteremo senza ossigeno per respirare? Certamente no, ma leggendo le notizie che si susseguono in questi giorni, fin dal marzo di quest'anno con i tanti e vasti incendi nel Queensland, un po' di timore ci assale. Qui nell'emisfero Nord abbiamo i gravi episodi che hanno

    – di Leopoldo Benacchio

    Meteoriti in cielo, spettacolo e paura: ma non ci cadranno sulla testa

    Prima il 16 agosto il cielo si è infuocato dando un grande spettacolo in Sardegna e in gran parte del Mar Mediterraneo. La sera dopo, il 17 agosto, un'altra scia di luce verde sui cieli di Milano e del Nord Italia. Sono i meteoriti, sassetti cosmici più o meno grandi. Niente paura: sono controllati a vista, non ci cadranno sulla testa

    – di Leopoldo Benacchio

    1969, primo passo sulla Luna ? Macché ! Leggi qui

    Molto prima che gli americani arrivassero sulla Luna, nella fatidica notte del 20 luglio 1969, l'uomo, ma come vedremo anche la donna, l'hanno visitata con ogni mezzo e in ogni epoca. Molti hanno addirittura toccato il suolo lunare e scritto rapporti dettagliati. Certo, hanno usato mezzi molto più potenti di un semplice razzo, come era l'assai gagliardo Saturno V voluto dal Presidente Usa J.F. Kennedy e realizzato dagli ingegneri Nasa, al comando di Werner Von Braun: usarono infatti la fantasi...

    – Leopoldo Benacchio

    La Luna 50 anni dopo: tutti i numeri della «space economy»

    Una domanda riecheggia spesso in questi giorni di celebrazioni del cinquantesimo del primo sbarco lunare: perché torniamo sulla Luna? La Nasa ha illustrato un piano molto articolato, assieme a Europa, Canada e Giappone, per tornare sulla Luna e restarci: costruire Gateway, una stazione spaziale

    – di Leopoldo Benacchio

    Torneremo sulla Luna, ma questa volta per restarci

    Torneremo sulla Luna e questa volta per restarci, non per tornare indietro come fu 50 anni fa e da lì spiccheremo il balzo per Marte. E' quanto vuole il presidente Trump: nel 2024 un astronauta calcherà di nuovo il polveroso suolo lunare, e forse sarà una donna. Per questo il nuovo programma si

    – di Leopoldo Benacchio

    Scattata la «foto impossibile» della correlazione quantistica

    Il 2019 si avvia a diventare, senza dubbio, l'anno delle immagini "impossibili".Dopo quella, storica, di un buco nero dello scorso aprile, ora abbiamo anche l'immagine di uno dei fenomeni più strani previsti dalla fisica quantistica, che viene già usato in campi fondamentali per la nostra moderna società, come la crittografia per rendere sicure le trasmissioni

    – di Leopoldo Benacchio

    Guarda che luna! La guida galattica agli eventi per i 50 anni dello sbarco

    Astronomi, astronauti, letterati, poeti, divulgatori, attori e, ovviamente, appassionati del cielo e dello Spazio: c'è un piccolo esercito di persone, uomini e donne, che sono pronti a celebrare la settimana del cinquantenario del primo sbarco sulla Luna, dal 15 al 21 luglio prossimi. C'è ogni

    – di Leopoldo Benacchio

    Operazione Dragonfly, perché la Nasa ora vuole andare su Titano

    Nasa ha deciso di spedire, nel 2026, una libellula a 1 miliardo e mezzo di chilometri dal Sole, 10 volte la distanza della Terra dalla nostra stella. Dragonfly, libellula, è infatti il nome del nuovo progetto di frontiera che porterà un mezzo del tutto innovativo su Titano, il maggiore dei

    – di Leopoldo Benacchio

1-10 di 877 risultati