Le nostre Firme

Leonardo Maisano

Leonardo Maisano è il corrispondente da Londra del Sole 24 Ore. Da inviato speciale e commentatore del Sole 24 Ore si è occupato, nel corso degli anni, di aree di geografiche diverse - dall’ex Unione sovietica, all’Europa Centro-orientale, alla Spagna - ed eventi specifici, come la Guerra in Iraq (2003). In passato è stato inviato speciale e commentatore di Affari esteri del quotidiano La Voce, diretto da Indro Montanelli. Prima della breve stagione alla Voce ha lavorato al Giornale dove, sempre sotto la direzione di Montanelli, ha svolto numerosi servizi come inviato speciale sia in Italia sia all'estero ed è stato, fra il 1988 e il 1994, corrispondente da Bruxelles e corrispondente da Londra.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Leonardo Maisano

    Brexit, solo un nuovo referendum può rompere l'impasse

    Il copione si sta dispiegando come largamente previsto con l'eccezione di qualche inattesa fuga in avanti. Non erano scontate fino a ieri le dimissioni di Dominic Raab né era certo il guanto di sfida lanciato da Jacob Rees Mogg alla signora premier per nome e per conto dei brexiters più inaciditi.

    – di Leonardo Maisano

    Brexit, la Ue preme per l'intesa. Il governo May rischia il tracollo

    «La Brexit avrà conseguenze sul Regno Unito paragonabili a quelle prodotte dalla crisi di Suez» (Jo Johnson ministro dimissionario del governo May). «No, la Brexit avrà un impatto infinitamente più grave della débâcle del 1956» (Andrew Rawnsley editorialista di Observer). Il dibattito sui destini

    – di Leonardo Maisano

    Brexit, se la montagna partorisce il topolino dell'Unione doganale

    Alla dicotomia soft e hard Brexit si oppone ora l'emergente scenario di una Brexit per consunzione, mossa ultima di un Paese esausto. Theresa May comincia ad avere buone chance di guadagnarsi la "medaglia" della Brexit per manifesta disperazione di cittadini e deputati da due anni e mezzo avvolti

    – di Leonardo Maisano

    Brexit, i nuovi equilibri inglesi e la debolezza di May

    La Brexit, che solo due settimane fa sembrava scivolare sul piano inclinato di un negoziato ormai incardinato, è entrata in una fase cruciale. A ribaltare lo scenario di chi credeva che l'intesa fra Londra e Bruxelles fosse ormai raggiunta e che l'unico ostacolo al divorzio fosse il voto di

    – di Leonardo Maisano

    Brexit, il poker infinito che logora Londra

    A due anni e due mesi dal referendum sulla Brexit, a sette mesi dalla data formale dell'uscita di Londra dall'Unione europea, a poche settimane dal vertice che dovrebbe sancire l'intesa euro-britannica che non c'è, a Londra può accadere ancora di tutto. Anno zero per la Brexit, o poco più. La Gran

    – di Leonardo Maisano

    Brexit, perché Parigi è il più grande ostacolo sulla strada dell'accordo

    La debolezza della sterlina registrata in questi giorni conferma la sensazione che i mercati dopo due anni di estenuante attesa attutita appena dall'ottimismo della volontà comincino davvero a temere una Brexit senza rete. L'uscita scomposta della Gran Bretagna dall'Unione europea echeggia da

    – di Leonardo Maisano

    Brexit, l'ultimo assedio a Theresa May

    Il realismo adottato dal premier britannico Theresa May ha un prezzo: l'unità del partito conservatore, ovvero la sua personale sopravvivenza politica e quella dell'esecutivo. Le dimissioni del ministro di Brexit David Davis sommate a quelle del ministro degli esteri Boris Johnson diventano il

    – di Leonardo Maisano

    Perché Brexit non è più irreversibile

    «Ci sono momenti nella vita di un esponente politico in cui la fedeltà al partito deve cedere il passo al bene della Nazione». Chris Patten, l'ultimo governatore di Hong Kong, già giovane leone - qualche decennio fa - dei governi Thatcher, e oggi eurofilo Pari del Regno per il Tory party, ha

    – di Leonardo Maisano

    Per Londra un'uscita pagata a caro prezzo

    Le tante sfumature di una sconfitta annunciata variano dal tono delle premesse. Londra ha chiuso un accordo pessimo rispetto alla propaganda dei brexiters, che aveva consentito al fronte anti-europeista di vincere il referendum. Due esempi: Londra non potrà distribuire 350 milioni di sterline alla

    – di Leonardo Maisano

1-10 di 1428 risultati