Le nostre Firme

Lara Ricci

vicecaposervizio responsabile delle pagine di letteratura e poesia |  @lararicci |  LinkedIn |  lara.ricci@ilsole24ore.com |

Lara Ricci, italocanadese, è responsabile delle pagine di letteratura e poesia di «Domenica», l’inserto culturale del Sole 24 Ore, dove lavora dal 2007.

Si è occupata principalmente di letteratura e poesia - con particolare attenzione agli autori africani e della diaspora o provenienti dai popoli indigeni (dai Sami ai San) - ma anche di molti altri argomenti tra cui neuroscienze, genetica, fisica, antropologia, ambiente, diritti umani.

Ha scritto molti reportage: da Thimphu alle Haida Gwaii, dalle Svalbard a Città del Capo. Nei sette anni precedenti ha curato le pagine di scienza dell'inserto di tecnologia del “Sole 24 Ore”, dove è stata assunta dopo alcune esperienze lavorative alla Rai e alla CNN di Atlanta.

È laureata con lode in Scienze ambientali a Milano e in contemporanea ha frequentato l'Istituto per la formazione al giornalismo Carlo De Martino.

Ha pubblicato un saggio di divulgazione scientifica (”Droghe e Dipendenze”, 2005) e collaborato ad altri volumi, tra cui il” Libro dell'anno dell'Enciclopedia Treccani”.

Periodicamente tiene lezioni di giornalismo culturale all'università di Losanna.

Ha vinto il Premio Voltolino per la divulgazione scientifica nel 2004 – la giuria era composta da Renato Dulbecco, Carlo Rubbia, Silvio Garattini e Paola De Paoli – e altri riconoscimenti giornalistici – quali il Laigueglia e il Piazzano – o letterari, come il Premio nazionale di poesia 'Maria Cumani Quasimodo'. A sua volta ha fatto parte della giuria del Premio Cartesio della Commissione europea.

  • Luogo: Milano e Ginevra
  • Lingue parlate: Inglese e francese correntemente, tedesco scolastico
  • Argomenti: Letteratura, poesia, scienza, diritti umani
  • Premi: Voltolino, Piazzano, Laigueglia, Quasimodo

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2019

Ultimi articoli di Lara Ricci

    E' peggio chi traffica uomini o chi li lascia morire?

    Io Khaled vendo uomini e sono innocente: la prima cosa che ci si chiede, prendendo in mano il racconto di Francesca Mannocchi, è fino a che punto il titolo sia una provocazione. Non è d'aiuto la copertina: ritrae un uomo che si tappa gli occhi. E' Khaled? Forse. E se fossimo noi? Il dubbio si

    – di Lara Ricci

    Quando in Kenya i villaggi furono fatti sparire

    Un ragazzino torna a casa, è finito il trimestre nella prima scuola secondaria per africani del Kenya dove lo hanno ammesso per i suoi risultati brillanti. Ma la casa non c'è più. Scomparse la capanna della madre e quella su palafitte del fratello, l'intero villaggio di fattorie. Restano solo

    – di Lara Ricci

    Il (nero) milite dimenticato

    «Lui, Mademba, non era ancora morto e aveva già il dentro del corpo di fuori. Mentre gli altri si sono rifugiati in quelle ferite aperte della terra che chiamiamo trincee, io sono rimasto accanto a Mademba, steso contro di lui, con la mia mano destra nella sua mano sinistra, a guardare il freddo

    – di Lara Ricci

    Festa dell'amore, delle rose e dei libri

    «Camminando per una via, don Chisciotte alzò gli occhi e vide scritto a grandi lettere su una porta: Qui si stampano libri; ne fu contentissimo, perché fino a quel momento non aveva mai visto una stamperia e voleva vedere com'era» racconta Miguel de Cervantes nel sessantaduesimo capitolo del Don

    – di Lara Ricci

    Quest'anno si gioca sulla Luna

    Gli astronauti lassù, nello spazio del nero più nero, hanno paura del buio? Chris Hadfield sì, almeno quando era piccolo e tra le stelle ci andava con l'immaginazione. Ricordandosi quando gli pareva di scorgere alieni in ogni ombra della sua cameretta, il cosmonauta canadese ha deciso di raccontare

    – di Lara Ricci

    Il grido delle bambine siriane

    Nora ha 11 anni quando la portano via da casa nei pressi di Dar'a, città del sud della Siria sollevatasi sperando nella Primavera araba e riconquistata dall'armata siriana nell'estate scorsa. Venuti a cercare suo padre, i soldati prendono la bambina al suo posto. La rilasciano solo 45 giorni dopo,

    – di Lara Ricci

    Viaggio a fumetti nelle baraccopoli di Nairobi

    Nel 5-6% della superficie di Nairobi vive il 60% della sua popolazione. Non abita in grattacieli altissimi, ma in baraccopoli iperdense, con una densità simile a quella degli allevamenti di bestiame. Sono gli slum, dicono i bianchi con un termine di retaggio coloniale. Gli inquilini li chiamano

    – di Lara Ricci

    Come migliorare il mondo con un film

    A Ginevra non sono solo le organizzazioni internazionali e i giornalisti a chiedersi cosa possano fare per migliorare la società, c'è anche il mondo del cinema. Il Fifdh, il Festival e forum internazionale per i diritti umani che si tiene ogni anno in concomitanza del Consiglio per i diritti umani

    – di Lara Ricci

    Vale la pena leggere il giornale? Sì se trasforma le denunce in soluzioni

    I giornali traboccano di cattive notizie, di resoconti di misfatti, ingiustizie, soprusi, cataclismi incombenti. E se questa continua denuncia non solo non servisse a migliorare le cose, ma, anzi, le peggiorasse? Se portasse sfiducia e rassegnazione e allontanasse i lettori dai giornali,

    – di Lara Ricci

1-10 di 281 risultati