Le nostre Firme

Lara Ricci

vicecaposervizio responsabile delle pagine di letteratura e poesia |  @lararicci |  LinkedIn |  lara.ricci@ilsole24ore.com |

Lara Ricci, italocanadese, è responsabile delle pagine di letteratura e poesia di «Domenica», l’inserto culturale del Sole 24 Ore, dove lavora dal 2007.

Si è occupata principalmente di letteratura e poesia - con particolare attenzione agli autori africani e della diaspora o provenienti dai popoli indigeni (dai Sami ai San) - ma anche di molti altri argomenti tra cui neuroscienze, genetica, fisica, antropologia, ambiente, diritti umani.

Ha scritto molti reportage: da Thimphu alle Haida Gwaii, dalle Svalbard a Città del Capo. Nei sette anni precedenti ha curato le pagine di scienza dell'inserto di tecnologia del “Sole 24 Ore”, dove è stata assunta dopo alcune esperienze lavorative alla Rai e alla CNN di Atlanta.

È laureata con lode in Scienze ambientali a Milano e in contemporanea ha frequentato l'Istituto per la formazione al giornalismo Carlo De Martino.

Ha pubblicato un saggio di divulgazione scientifica (”Droghe e Dipendenze”, 2005) e collaborato ad altri volumi, tra cui il” Libro dell'anno dell'Enciclopedia Treccani”.

Periodicamente tiene lezioni di giornalismo culturale all'università di Losanna.

Ha vinto il Premio Voltolino per la divulgazione scientifica nel 2004 – la giuria era composta da Renato Dulbecco, Carlo Rubbia, Silvio Garattini e Paola De Paoli – e altri riconoscimenti giornalistici – quali il Laigueglia e il Piazzano – o letterari, come il Premio nazionale di poesia 'Maria Cumani Quasimodo'. A sua volta ha fatto parte della giuria del Premio Cartesio della Commissione europea.

  • Luogo: Milano e Ginevra
  • Lingue parlate: Inglese e francese correntemente, tedesco scolastico
  • Argomenti: Letteratura, poesia, scienza, diritti umani
  • Premi: Voltolino, Piazzano, Laigueglia, Quasimodo

Ultimo aggiornamento 07 novembre 2018

Ultimi articoli di Lara Ricci

    Dipingere, a parole

    «Ma quante cose chiare/ sono in fondo soltanto/ qualcosa che scompare!». I primi versi dell'esergo di Istruzioni per dipingere, ultima raccolta di poesie di Nicola Gardini che è anche il prosieguo in rima della sua riflessione estetica e gnoseologica, denunciano l'illusione del guardare, «l'errore

    – di Lara Ricci

    Meticcia, multietnica, mesmerica metropoli Londra

    «Non puoi attraversare due volte la stessa città» afferma l'autore britannico dai natali moscoviti Zinovy Zinik. Una frase che illustra perfettamente il fascino della sfida intrapresa nel volume in cui l'ha scritta: Lucifer over London.Guida alla città adottiva. Qui nove londinesi - tutti, tranne

    – di Lara Ricci

    Vince l'eretico Menocchio

    Una cittadella sperimentale dove diecimila persone di ogni parte del mondo da 60 anni lavorano in armonia, gomito a gomito, per «rendere possibile l'impensabile, non l'impossibile» non è un luogo utopico. Esiste alle porte di Ginevra, a cavallo del confine con la Francia: è il Cern come viene

    – di Lara Ricci

    Il ritorno impossibile

    L'effetto che un viaggio in Africa produce su un europeo lo si capisce solo quando si cerca di ritornare. E così Giorgio Manganelli, per raccontare i due mesi in cui si spostò dalla Tanzania all'Egitto, sulla rotta Dar El Salaam-Il Cairo di un'ipotetica strada «Transafricana1», ha la bella idea di

    – di Lara Ricci

    Elogio dell'idiozia (ragionata)

    «L'adolescenza è il solo tempo in cui si sia imparato qualcosa» recita l'esergo proustiano (da All'ombra delle fanciulle in fiore) di un romanzo però intitolato L'idiota, che parla di un'adolescente. L'apparente contraddizione non deve irrigidire, insieme a un'ironia sagace e singolare, è uno degli

    – di Lara Ricci

    Tutti coloro che non chiamiamo rifugiati

    Abituati come siamo a un racconto della storia che poggia sui territori, ci perdiamo un'altra storia, quella di chi una terra non ce l'ha più, «la macchia scura che passa le frontiere sulle carte geografiche e ne dissolve le forme» (Derek Walcott in Migranti). Coloro che hanno abbandonato le

    – di Lara Ricci

    In due in un solo corpo: diario di un moderno Tiresia

    Crescere è cambiar pelle, sbarazzarsi di esoscheletri divenuti troppo stretti, disancorarsi da riferimenti che nel rassicurare imprigionano. Liberarsi. Più punti fermi si abbandonano più si può andar lontano, ma per alcuni è una trasmutazione ben più radicale che per altri: «Quando nacqui mia

    – di Lara Ricci

    Cosa c'entra l'amore col potere?

    L'amore è potere, o almeno gli somiglia molto. Non si riescono a dare facili interpretazioni al titolo sibillino della raccolta di racconti firmata dallo scrittore nigeriano A. Igoni Barrett, con cui 66thand2nd inaugura una sotto-collana dedicata alle short stories. Il primo testo, La cosa peggiore

    – di Lara Ricci

    Nella distanza tra noi e i neri c'è l'abisso del nostro straniamento

    «Nella distanza che ci separa da[i neri] c'è tutta la profondità del nostro estraniamento da noi stessi». Nel 1955 il trentunenne James Baldwin scriveva questa frase, come se fosse bianco, in Notes of a Native Son, la sua prima raccolta di testi non narrativi. Raccolta che lo fece apprezzare da

    – di Lara Ricci

1-10 di 259 risultati