Aziende

Kraft

Kraft Foods Inc è un’azienda alimentare statunitense, la più grande dell'America settentrionale e la seconda più grande al mondo dopo la Nestlé. Con quartier generale a Northfield, nell’Illinois, è attiva in più di 70 Paesi, commercializza i propri prodotti in 160 Stati, impiega nel complesso 140.000 persone e dispone di 11 Centri di ricerca. A livello globale Kraft Foods Inc distribuisce i marchi: Lu, Maxwell House, Oscar Mayer, Cadbury, Milka, Jacobs, Oreo e Trident. In Italia Kraft Foods Italia Srl, con sede legale a Milano, gestisce i brand: Sottilette, Cote d’Or, Hag, Jocca, Milka, Osella, Mato Mato, Kraft Mayonnaise, Toblerone, Philadelphia, Saiwa, Simmenthal e Spendid.

Kraft Foods Inc è stata fondata nel 1903 a Chicago. Nel 1988 Philip Morris ha acquistato Kraft fondendola con General Foods. Nel 2000 l’azienda produttrice di tabacco ha rilevato Nabisco (azienda dolciaria nota per il suo biscotto Oreo), fondendola con Kraft. Nel 2001 Philip Morris ha venduto 280 milioni di azioni Kraft attraverso un'OPV, mantenendo il controllo dell'88,1%. Nel 2007 la compagnia ha annunciato che i titoli in suo possesso sarebbero stati ceduti agli azionisti di Philip Morris. Attualmente la società non detiene più alcun interesse in Kraft Foods Inc. Nel 2007 la multinazionale nordamericana ha perfezionato l’acquisizione del settore biscotti Danone comprendente anche il marchio Saiwa. Dal 22 settembre 2008 il titolo azionario fa parte dell'indice Dow Jones Industrial Average.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Ricerca e sviluppo d'impresa | Kraft Foods Inc | Oscar Mayer | America del Nord | Kraft Mayonnaise | Mato Mato | Kraft Foods Italia Srl | Nabisco | Industrial Average |

Ultime notizie su Kraft

    I Millennial? Meno voglia di impresa e... più disposti al fallimento

    Quando ha lanciato Doppler Labs, un’impresa la cui missione era costruire un “computer per le orecchie”, Noah Kraft era un ragazzo carismatico poco più che ventenne. ... Kraft e altri Millennial che hanno fondato aziende di alto profilo (come Mark Zuckerberg con Facebook, Evan Spiegel con Snapchat e Alexis Ohanian con Reddit) sembrano testimoniare nel migliore dei modi le ambizioni della loro generazione e la loro propensione a fondare startup.

    – di Cat Rutter Pooley

    Chi è Louis Camilleri, il giramondo nuovo ad di Ferrari

    E' salito all'onore delle cronache più che con la sua carriera prestigiosa ai vertici di Kraft prima e di Philip Morris poi, per una presunta relazione con l'ex top model Naomi Campbell, 48enne, che gli è valsa, suo malgrado, lo scorso anno la... Nel 1978, giovanissimo, è passato in Philip Morris e ha fatto una lunga carriera fino a quando nel 1995 è stato nominato Ceo di Kraft Foods.

    – di Riccardo Barlaam

    Ge "espulsa" dal Dow Jones, al suo posto Walgreens Boots Alliance

    New York - "RIP. Rest in peace", "Riposa in pace". Potrebbe essere questo l'epitaffio scritto ieri a Wall Street sulla General Electric. Perché di epitaffio si tratta. Era e non è più. Era un'icona della Borsa e della Corporate America. Un tempo ancora non lontano, negli anni Novanta, società

    – di Marco Valsania

    L'e-commerce B2B Mister Worker chiude round da 500mila euro con Ame Ventures

    Nasce come marketplace digitale per operare da piazza virtuale per la compravendita di utensili professionali e attrezzi da lavoro per aziende e professionisti. Nel suo "score" c'è un riconoscimento ricevuto in occasione dei Netcomm e-commerce Awards edizione 2016 e il credito conquistato sul

    – di G.Rus.

    Piergiorgio Burei nuovo Ceo di Sperlari

    Piergiorgio Burei è il nuovo Ceo di Sperlari, la storica azienda fondata a Cremona nel 1836 e dallo scorso settembre parte del Gruppo Katjes. Con marchi come Saila, Galatine, Dietorelle, Dietor e la stessa Sperlari (nota per le sue caramelle, il torrone e la mostarda) l'azienda è il secondo player

    Plasmon: fondi Invitalia per l'hub a Latina che studia anche linea per adulti

    Contratti di solidarietà per 36 mesi nell'arco di cinque anni, uscite incentivate e un processo di riorganizzazione industriale, attraverso un piano di investimenti allo studio di Invitalia sotto la supervisione del ministero dello Sviluppo economico. Poggia su tre asset la strategia messa a punto

    – di Silvia Marzialetti

    Unilever, tasse e norme anti-scalata dietro la scelta di Rotterdam

    In gergo finanziario la chiamano poison pill, "pillola avvelenata". E' la strategia, garantita dalla legislazione olandese, che permette alle società di contrastare o scoraggiare le acquisizioni ostili. Ed è certamente, insieme alla generosa legislazione fiscale, uno dei fattori che hanno

    – di Michele Pignatelli

1-10 di 297 risultati