Ultime notizie:

Klaus Schwab

    A Davos la nuova architettura della globalizzazione 4.0

    «Nel mondo occorre più, e non meno, cooperazione internazionale», sottolinea Borge Brende, già ministro degli esteri norvegese, che da un anno ha assunto la nuova carica di “president” del WEF, a capo del managing board che mette in attuazione le attività e strategie del Forum (mentre il fondatore Klaus Schwab resta executive chairman, con la responsabilità dello sviluppo delle strategie complessive).

    – di Stefano Carrer

    Conosci te stesso e conoscerai gli dei e l'universo: l'arte dei trend nell'era dell'incertezza

    Le problème avec notre époque est que le futur n'est plus ce qu'il était! (Paul Valéry) Non penso mai al futuro perché arriva troppo presto (Albert Einstein) Delusi dal futuro, faremo i nostri progetti sul passato (Ennio Flaiano) All'Institute for the Future dicono: «La legge fondamentale degli studi sul futuro è che non esistono fatti sul futuro. Solo narrazioni». Come ha osservato Luca De Biase sul suo blog, le previsioni in effetti non attraversano un momento di grande popolarità. The Econ...

    – Andrea Granelli

    I cinque messaggi di Davos all'economia e ai mercati

    DAL NOSTRO INVIATODAVOS- E' stato il mattatore incontrastato della quarantottesima edizione del World Economic Forum (Wef), eclissando i pur acclamati interventi della cancelliera tedesca Angela Merkel e del presidente francese Emmanuel Macron. Gettando sullo sfondo la miriade di temi discussi a

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Più sostenibilità negli accordi di libero scambio

    Il programma per la crescita di Carlo Calenda e Marco Bentivogli (Sole 24 Ore del 12 gennaio) non è solo originale per il connubio inusuale dei proponenti, ma è ambizioso e stimolante per il contenuto e le proposte.

    – di Piero Torretta

    Trump a Davos: «America sempre al primo posto, il commercio sia libero ma equo»

    DAVOS - «E' un privilegio essere qui a rappresentare gli interessi del popolo americano e ad assicurare che l'America vuole cooperare per la costruzione di un mondo migliore. America First non significa America Alone, ma come presidente degli Stati Uniti metterò sempre gli interessi del mio Paese

    – dal nostro inviato Gianluca Di Donfrancesco

    Narendra Modi, «eroe per caso» della globalizzazione

    DAVOS e NEW YORK - Donald Trump attacca, Davos risponde. Aspettando che il duello tra il presidente degli Stati Uniti e il World Economic Forum si consumi venerdì prossimo, quando Trump calerà sul meeting in corso nel resort alpino, lo scontro tra due visioni del mondo si consuma a distanza. Con

    – di Gianluca Di Donfrancesco e Marco Valsania

    A Davos nuovo round tra Stati Uniti e Europa

    Lo scorso anno fu il presidente cinese Xi Jinping a conquistare la platea di Davos, con la sua inaspettata, e non proprio credibilissima, autocandidatura a raccogliere il testimone del liberismo, lasciato cadere dagli Stati Uniti di Donald Trump. Quest'anno, a contendersi la scena della 48esima

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Il nuovo mondo va governato come una startup

    Mentre la Quarta rivoluzione industriale continua a rimodellare l'economia politica globale, molti sono in cerca di idee su come attuare un cambiamento sistemico positivo. In un mondo in cui la tecnologia è allo stesso tempo l'agente disgregatore e la forza motrice del progresso, l'approccio

    – di Klaus Schwab

    Una «rivoluzione culturale» per il lavoro

    Lavoro e mercato del lavoro si trovano al centro della grande trasformazione del mondo apertasi in epoca globale. Fenomeni come la de-nazionalizzazione, la de-territorializzazione, e anche cambiamenti tecnologici e mutamenti demografici - quali l'invecchiamento della popolazione o le migrazioni -,

    – di Carlo Carboni

1-10 di 68 risultati