Ultime notizie:

Kipling

    I DIRITTI TRA IL 2019 E IL 2020

    Un anno fa, circa, parlavamo dei diritti d'autore dei personaggi dei comics e del cinema di animazione: della loro evanescenza imminente o presumibilmente appena avvenuta. Ma non abbiamo mai dato spazio alla totalità della disamina, snocciolata dal Sig. Moeri, che ringrazio con 362 0 363 giorni di ritardo. Speriamo che non se la prenda. Né che se la sia presa. Per emendarmi dedico (anche) a lui questo cambio d'anno d'epoca grafico a cura del giovane Elzie Crisler Segar. Pensate un po': questo...

    – Luca Boschi

    Gruppo Vf, trimestre sopra le stime grazie a sostenibilità e ricerca

    Del domani non v'è certezza, le nuvole che incombono sull'orizzonte economico e geopolitico degli Stati Uniti e di molti altri Paesi consigliano di non fare previsioni. Meglio godersi i dati del 2019, che per il colosso americano Vf sono incoraggianti, anche grazie al ruolo strategico dei mercati

    – di Giulia Crivelli

    I FUMETTI LIBERI DA DIRITTI (di G. Moeri) - I parte

    Per chi non ha mai visto come fosse fatto Frank King, padre di Gasoline Alley, eccolo qua sopra! La serie che ha creato non è libera da diritti. Ma ci offre pretestuosissimamente lo spunto per tornare su un argomento che abbiamo affrontato all'inizio dello scorso anno. Con 8n ritardo colpevolissimo lo propongo, seguendo (in due parti) l'analisi colta ed estremamente dettagliata fattane da G. Moeri, che ringrazio de còre. A lui la parola. Leggo su Cartoonist Globale l'articolo sul decadiment...

    – Luca Boschi

    BUON ANNO E BUONI COPYRIGHT (sopravviventi)

    Una notizia interessante per tutti noi che lavoriamo nel settore della letteratura, disegnata o meno, ci proviene dall'ANSA, alla quale Cartoonist Globale rende omaggio. Alessandra Baldini pubblica oggi un commento su una normativa che farà tremare o alcuni e renderà felici altri fra un travaso di bile e l'altro (si sa, le leggi sono sempre divisive, si veda cosa sta accadendo in questo stesso giorno in Italia a proposito delle cosiddetta "manovra", così chiamata in omaggio a quella del camio...

    – Luca Boschi

    Per un umanesimo animale

    Ci sono scienziati umanisti come Edward O. Wilson che rimproverano alla letteratura di mantenere una prospettiva esclusivamente antropocentrica (si veda l'articolo di Nicola Gardini sulla Domenica del 1 aprile scorso, ndr.). A un'opinione simile si può controbattere affermando che la letteratura si

    – di Nicola Gardini

    Il manuale dell'eremita

    A leggere Il manuale dell'eremita (edizioni dell'asino, Euro 14) di Vittorio Giacopini c'è di che trovare vite da romanzo, storie rubate al rigattiere, un'accozzaglia di divertiti divertissement diversamente difformi dal tran tran quotidiano trasformati dal desiderio di fare, bizzarrie che hanno modificato, slittato, conformato esistenze. Giacopini ordina, in una sintassi senza oracolo, principio e riassunto di anni, scelte, passioni, le vite di alcuni tra i personaggi più strampalati, genial...

    – Mauro Garofalo

    Fenomenologia di Tarzan

    «A -aa-aa-aaaa». La prima lettera dell'alfabeto, ripetuta a più riprese, e il battere forte e imperioso sul torace sono il suo irriducibile e nostalgico grido di battaglia. Perché da oltre un secolo, correva l'anno 1912, John Clayton, universalmente noto come Tarzan, è un eroe moderno. Nudo come

    – di Stefano Biolchini

    Tarzan, l'eroe moderno è nudo

    A-aa-aa-aaaa. La prima lettera dell'alfabeto, ripetuta a più riprese, e il battere forte e imperioso sul torace sono - fra le esotiche liane - il suo irriducibile e ormai nostalgico grido di battaglia. Perché da oltre un secolo, correva l'anno 1912, John Clayton, pari d'Inghilterra e Lord Greystok,

    – di Stefano Biolchini

    Un gioiello infranto sulla via della seta

    Oggi come ieri si chiama Asia centrale, un tempo Turkistan: una terra sconfinata, delimitata a Nord dalla Russia, a Ovest dal Mar Caspio, a Sud dall'antica Persia, l'odierno Iran, di cui comprendeva la parte nordoccidentale, così come dell'Afghanistan e del Pakistan, a Est dal deserto cinese del

    – di Massimo Firpo

    Un gioiello infranto sulla via della seta

    Oggi come ieri si chiama Asia centrale, un tempo Turkistan: una terra sconfinata, delimitata a Nord dalla Russia, a Ovest dal Mar Caspio, a Sud dall'antica Persia, l'odierno Iran, di cui comprendeva la parte nordoccidentale, così come dell'Afghanistan e del Pakistan, a Est dal deserto cinese del

    – Massimo Firpo

1-10 di 72 risultati