Persone

Ken Loach

Kenneth (meglio noto come Ken) Loach è nato il 17 giugno del 1936 a Nuneaton (Inghilterra) ed è un regista cinematografico inglese.

E' il vincitore della Palma d'oro del festival di Cannes del 2016.

Figlio di una famiglia di umili origini, terminati gli studi universitari ha iniziato a lavorare come aiuto regista prima all'ABC Television e poi alla BBC, per dedicarsi successivamente alla realizzazione di diversi serial televisivi e documentari.

Negli anni '90 emerge agli occhi della critica con film di successo come "Terra e libertà" (1995) che gli è valso ben tre premiazioni al Festival di Cannes.

Nel 1994 vince il Leone d'Oro alla carriera al Festival di Venezia.

Il 28 maggio del 2006 ottiene con "Il vento che accarezza l'erba", la la Palma d'oro al Festival di Cannes.

Nel 2014 conquista l'Orso d'oro alla carriera al Festival internazionale del cinema di Berlino.

Il 22 maggio del 2016 vince, col film "I, Daniel Blake" (2016) la sessantanovesima edizione del prestigioso Festival di Cannes.

Kenneth Loach vanta la produzione di numerosi film di successo per il cinema e la televisione, è sposato dal 1962 con Lesley Ashton ed è padre di cinque figli, Stephan (1963), Nicholas (1965, scomparso a causa di un incidente stradale nel 1971), Hannah (1967), James (1969) ed Emma (1972).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Mostre | Festival di Cannes | Kenneth Loach | Palma d'oro | Ken Loach | Inghilterra | Bbc | Lesley Ashton | Daniel Blake | ABC Television |

Ultime notizie su Ken Loach

    Gli imperdibili per le vacanze di Natale

    Una panoramica sui titoli da vedere nel periodo natalizio. Dal nuovo «Star Wars» a «Pinocchio» di Matteo Garrone

    – di Andrea Chimento

    L'importante film dei fratelli Dardenne sul fanatismo dal 31 ottobre nei cinema

    I due registi belgi raccontano la storia di un ragazzino di 13 anni che si radicalizza per mancanza di riferimenti sociali solidi. Ma vi è un lieto fine Ci sono registi, come i fratelli Dardenne, che, nonostante due Palme d'oro nel cassetto (Rosetta nel 1999 e L'Enfant - Una storia d'amore del 2005), si pongono nei confronti dell'interlocutore senza sussiego, anzi, con la curiosità di indagare quali bersagli abbia colpito il loro ultimo lavoro, in questo caso L'età giovane, in uscita il 31 ott...

    – Cristina Battocletti

    Il corpo, il pane e le rose: insieme per produrre bellezza

    Caro Giotto, ti porto al mare. In quel mare e in quella terra dove la Natura è prepotente in ogni sua forma e si manifesta come il vento a rafforzare l'idea che la bellezza non è mai compiuta. In Sardegna, a San Teodoro, puoi cogliere la forza della Natura insieme alla sua selvaggia bellezza e della bellezza farne esperienza nella sua mutevole fuggente essenza, e dire con Franco Rella che "nella natura noi scorgiamo infinite metamorfosi, trasformazioni, trasfigurazioni che ci mettono continuamen...

    – Maria D'Ambrosio

    Cannes '72: primo bilancio di un buon festival

    E' passato a miglior vita, si dice spesso quando muore qualcuno. Ma alla 72esima edizione del Festival di Cannes il trapasso si è trasformato in una condizione transitoria. Così almeno sembrano raccontare i film in gara alla kermesse più sfarzosa e divistica (oltre che pessimamente organizzata) del cinema, che ha aperto con la commedia horror di Jim Jarmusch I morti non muoiono. Non sarà forse l'opera migliore del regista americano, ma ha divertito la sala e ha portato sul tappeto rosso Selena Go...

    – Cristina Battocletti

    Ken Loach a Cannes: "Questo capitalismo è intollerabile"

    Arriva con il braccio appeso al collo, Ken Loach, fingendo scherzosamente di essere uscito da una scaramuccia con i fascisti. Il regista britannico, nonostante le indubbie doti da cineasta, che a Cannes gli hanno fatto vincere due Palme d'oro - Il vento che accarezza l'erba (2006) e I, Daniel Blake (2016) -, non smette mai di essere un animale politico. Riconoscendo di aver davanti a sé italiani, chiede un po' sarcastico: «E Salvini?» e ridacchia. Loach porta in gara alla 72ª edizione del festiv...

    – Cristina Battocletti

    Festival di Cannes, quanto è viva la stagione morta

    E' passato a miglior vita, si dice spesso quando muore qualcuno. Ma alla 72esima edizione del Festival di Cannes il trapasso si è trasformato in una condizione transitoria. Così almeno sembrano raccontare i film in gara alla kermesse più sfarzosa e divistica (oltre che pessimamente organizzata) del

    – di Cristina Battocletti

1-10 di 228 risultati