Ultime notizie:

Karl Marx

    La differenza irriducibile tra fascismo e comunismo

    Simili, sono simili. Due regimi in cui il partito - più che lo Stato - tiene insieme società ed élites e governa tutto. La brutalità di fascismo e comunismo è spesso analoga, anche se le intenzioni dei massacri sono profondamente diverse: la pulizia etnica contro quella che era percepita come l'"élite cattiva" degli ebrei da una parte, l'annientamento di coloro che si oppongono alla costruzione di una società senza classi, senza dominio, senza sfruttamento dall'altra... Non è però l'argomento m...

    – Riccardo Sorrentino

    Perché occorre «liberare» il liberalismo

    E' l'ora del liberalismo. Purché esca dalla gabbia in cui si è rinchiuso. Il panorama politico sta cambiando rapidamente. A destra, il vecchio conservatorismo sta mostrando il suo vero volto, assai poco moderato: quello di un sovranismo a tinte populiste, decisamente illiberale, anche se sopravvive, a stento, al suo interno qualche voce dai toni liberali. A sinistra la socialdemocrazia è diventata una confusa proposta in cui si mescolano elementi di solidarismo di matrice cristiana o vagamente s...

    – Riccardo Sorrentino

    Marx, Hayek, Keynes e la passione per la dittatura

    Marx, Keynes, Hayek. Sono i tre economisti che hanno segnato la vita e la cultura degli ultimi due secoli, con tre proposte diverse di società, incompatibili tra loro. Marx è stato il teorico del comunismo, ma prima ancora il teorico della insostenibilità del capitalismo. Keynes ha fornito per primo un solido fondamento alle politiche economiche anticicliche, quelle in grado di contrastare le crisi (che in realtà non sono nate con lui, ma furono introdotte già dal Peel Banking Act del 1844). Hay...

    – Riccardo Sorrentino

    L'Afghanistan, e il liberismo

    No, non è colpa del liberismo se l'occupazione dell'Afghanistan è finita male. E' stata una classica operazione militare, in cui si è tentato di colpire i gruppi terroristici talebani e, parallelamente, effettuare operazioni di peacekeeping nelle aree effettivamente controllate dagli alleati. Si è anche cercato di dar vita a uno stato nuovo e a ricostruire l'economia, creando un settore dei servizi e favorendo un'élite cittadina, nella speranza che trainasse - al momento opportuno - l'intero paes...

    – Riccardo Sorrentino

    Le affinità nascoste tra socialismo e conservatorismo (e l'orgogliosa diversità del liberalismo)

    «In tutte le rivoluzioni, non ci sono mai stati che due partiti uno di fronte all'altro, quello delle persone che vogliono vivere del loro lavoro, e quello delle persone che vogliono vivere del lavoro altrui. Non ci si contende il potere e gli onori che per riposarsi in quella regione  di beatitudine, in cui il partito vinto non lascia mai dormire tranquillamente il vincitore. Patrizi e plebei, schiavi e liberti, guelfi e  ghibellini, rose rosse e rose bianche, cavalieri e teste rotonde, liberal...

    – Riccardo Sorrentino

    Le leggi dell'economia applicate alla vaccinazione - Il successo del Belgio

    Secondo le ultime statistiche pubblicate ieri dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (noto con l'acronimo inglese ECDC), il Belgio è il paese dell'Unione europea nel quale è più elevata la quota di persone che ha ottenuto almeno una dose di vaccino anti-Covid 19: il 77,7% della popolazione adulta. Seguono l'Olanda e Malta con un tasso del 73,3% e del 72,1% rispettivamente. A titolo di confronto l'Italia è al 67,4%, la Germania al 64,2%, la Francia al 63,2%. Quando i...

    – Beda Romano

    Il Ceo di Morgan Stanley, lo smart working e il liberalismo-che-non-c'è

    "In ufficio!". Le parole del Ceo di Morgan Stanley James Gorman sul telelavoro sono molto rivelatrici, di cosa sono le imprese e quindi l'economia moderna. «Se potete andare in un ristorante, potete anche venire in ufficio. E noi vi vogliamo in ufficio», ha detto, per poi aggiungere «Se entro il Labor Day (lunedì 6 settembre) le persone non saranno tornate in ufficio, sarò molto deluso e allora dovremo rivedere un po' di cose. E poi, se si vuole essere pagati a New York, si lavora a New York. "N...

    – Riccardo Sorrentino

    Spiare l'anima di Berlino

    Dai quartieri come il Marzahn alle tracce della ex Ddr, una camminata attraverso una città che ha costruito il turismo sui drammi del Novecento

    – di Maria Luisa Colledani

1-10 di 238 risultati