Persone

José Mourinho

José Mário dos Santos Mourinho Félix è nato il 26 gennaio del 1963 a Setúbal (Portogallo) ed è un allenatore di calcio portoghese, ex calciatore, attualmente alla guida del Manchester United.

Durante la sua carriera ha portato al successo più squadre europee.

È soprannominato The Special One, come lui stesso si è definito alla prima conferenza stampa del Chelsea.

Nel 2009 ha conquistato il terzo posto di miglior allenatore dietro a Josep Guardiola e ad Alex Ferguson.

Il 7 maggio 2010 è stato eletto miglior tecnico del mondo dall'Associazione Internazionale della stampa sportiva.

José Mourinho ha seguito le orme del padre, ex portiere del Vitoria Setubal e ha studiato per diventare allenatore di calcio. Nel 1992 ha affiancato Bobby Robson allo Sporting Lisbona e poi è passato al Barcellona, dove ha allenato la sezione giovanile.

Nel 2000 ha guidato il Benfica e nel 2002 è stato ingaggiato dal Porto: ha conquistato il campionato, la coppa di Portogallo e la Coppa Uefa. L’anno successivo ha confermato lo scudetto aggiudicandosi anche la Champions League.

Nel 2004 Roman Abramovich lo ha ingaggiato per il Chelsea, in Inghilterra. Il portoghese ha guidato la squadra alla vittoria della FA Cup e la Carling Cup, ma in campionato è stato superato dal Manchester United e in Champions è stato eliminato in semifinale.

Nel 2007 Mourinho ha risolto il proprio contratto con la società e l’anno dopo è approdato all’Inter, portando la squadra a vincere lo scudetto e la Supercoppa.

Nella stagione 2009-2010 tecnico portoghese riesce con l’Inter a compiere una storica e leggendaria impresa, quella di vincere nello stesso anno lo scudetto, la Coppa Italia (1-0 in finale contro la Roma) e la Champions League (2-0 in finale contro il Bayern Monaco). Con quest'ultimo successo Mourinho diventa il terzo allenatore, dopo Ernst Happel e Ottmar Hitzfeld, a vincere due Champions League con due club diversi.

Il 28 maggio 2010 diventa il tecnico del Real Madrid e nel 2012 viene premiato come miglior allenatore dell'anno ai Globe Soccer Awards 2012.

Il 3 giugno del 2013 ritorna al Chelsea, firmando un contratto quadriennale, che viene rescisso consensualmente alla fine del 2015.

Il 27 maggio del 2016 viene annunciato come nuovo allenatore del Manchester United in sostituzione di Louis Van Gaal.

E' sposato dal 1989 con Matilde Faria dalla quale ha avuto due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Allenatore | José Mourinho | Manchester United | Chelsea | Portogallo | Alex Ferguson | Real | Benfica | Bobby Robson | Barcellona | Josep Guardiola | Ernst Happel | Louis Van Gaal | Matilde Faria | Roma (squadra) | Bayern Monaco | José Mário | Porto | Roman Abramovich | Ottmar Hitzfeld | Santos Mourinho Félix | Inter | Carling Cup | FA Cup | Vitoria Setubal |

Ultime notizie su José Mourinho

    Dalla Spagna: Josè Mourinho patteggia per l'evasione fiscale ed evita il carcere

    Le indiscrezioni pubblicate nei mesi scorsi da Football Leaks vengono confermate, e Josè Mourinho ammette di aver evaso le tasse spagnole tra il 2011 e il 2012: la svolta nel caso che ha visto di fronte Mou (che ai tempi allenava il Real) e l'azienda del fisco iberica è arrivata nella giornata

    – a cura di Datasport

    Premier League: tonfo Arsenal, sconfitto 1-0 dallo Stoke

    Lo United di Jos èMourinho conferma l'ottimo avvio in Premier. Dopo il poker al West Ham, i Red Devils rifilano un altro 4-0, stavolta allo Swansea. Nel primo tempo la sblocca Bailly, mentre nella ripresa ci pensano Lukaku, Pogba e Martial, tra l'80' e l'84', a chiudere i conti. Primo successo per

    – a cura di Datasport

    Cinquantenni fascinosi / Josè Mourinho

    Il portoghese José Mário dos Santos Mourinho Félix, noto al grande pubblico più semplicemente come Mourinho, ha festeggiato i suoi 50 il 26 gennaio, saldamente

    Quando in panchina va di moda il made in Italy: l'emigrazione di lusso degli allenatori italiani

    Gli allenatori italiani vanno di moda da un po' di tempo. Una fuga di "cervelli" e di competenze che, in un settore sempre più globalizzato e pervaso da prettamente logiche economiche come quello sportivo, non sorprende. Tuttavia, messi in fila, i nomi dei tecnici italiani emigrati all'estero nella più svariate discipline (oltre ad essere un motivo di orgoglio) qualche preoccupazione la destano. Soprattutto ai vertici di Federazioni che vedono da un lato depauperare il proprio patrimonio tecnico...

    – Marco Bellinazzo