Persone

Joe Biden

Joseph Robinette Joe Biden Jr è un politico americano. Attuale 47esimo Vicepresidente di Barack Obama, è il primo cattolico a ricoprire questa carica. In passato ha rinunciato più volte alla corsa alle elezioni primarie. Ex senatore del Delaware, è stato sostituito nel 2009 da Ted Kaufman.

Joe Biden si è laureato in giurisprudenza nel 1965 a Newark e ha conseguito la specializzazione in legge nel 1968 a New York. Dopo la morte della prima moglie e della figlia in un incidente stradale, nel 1973 Joe Biden è stato eletto senatore per il Partito Democratico in rappresentanza dello Stato del Delaware, carica che ha conservato fino al 2009, quando è diventato vicepresidente degli Stati Uniti. Nel 1988 si è candidato alle primarie presidenziali nelle fila dei Democratici, ma è stato sconfitto da Michael Dukakis.

Durante la sua carriera è stato Presidente di diverse Commissioni parlamentari e dal 1997 guida quella per gli Affari Esteri. Nel 2004 e nel 2008 ha rinunciato alla corsa per le primarie, ma in quest’ultima occasione Barack Obama lo ha nominato suo Vicepresidente.
Joe Biden è convolato a seconde nozze e ha quattro figli, due dei quali avuti dal primo matrimonio.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Joe Biden Jr | Vicepresidente | Primarie | Barack Obama | Stati Uniti d'America | Ted Kaufman | Michael Dukakis | Pd | Joseph Robinette |

Ultime notizie su Joe Biden

    Giuliani sotto indagine a New York per le sue attività in Ucraina

    Giuliani ha negato di aver fatto qualcosa di sbagliato, ma ha ammesso di aver lavorato con alcuni procuratori ucraini per raccogliere informazioni potenzialmente dannose sull'ex ambasciatrice americane in Ucraina Marie Yovanovitch e su altri target del presidente Trump, inclusi Joe Biden e suo figlio Hunter.

    L'ex ambasciatore Usa in Ucraina: «Trump ha chiesto la mia testa»

    L'impeachment ha al centro proprio l'Ucraina: Trump, come affiorato da trascrizioni di una sua telefonata, ha chiesto apertamente al governo di Kiev di aiutarlo a indagare e trovare scandali che potessero danneggiare il rivale leader democratico Joe Biden, uno dei principali aspiranti alla nomination democratica per la Casa Bianca nel 2020.

    – di Marco Valsania

    His Majesty the President

    A questa conclusione The Economist arriva dopo aver constato che Trump ha incredibilmente ammesso quasi tutte le accuse che lo stanno portando all'impeachment: è vero che ha fatto pressioni sul presidente ucraino perché aprisse un'inchiesta contro il candidato democratico Joe Biden.

    – Ugo Tramballi

    L'Ucrainagate si allarga: arrestati due faccendieri vicini a Rudy Giuliani

    Le pressioni esercitate dal presidente americano con il presidente ucraino Voldymyr Zelinski, nella telefonata che ha portato all'avvio della procedura di impeachment, per collaborare con il segretario alla Giustizia William Barr e con Giuliani per investigare sulla società ucraina che ha nel board Hunter Biden, il figlio del candidato democratico Joe Biden, l'ex vice di Obama, e cercare prove da ritorcere contro il suo avversario politico.

    – di Riccardo Barlaam

    Dal disimpegno Usa un lungo elenco di vincitori e vinti

    In questi giorni è difficile distinguere dove finisce la questione impeachment e inizia quella geopolitica mediorientale; se sia più attaccabile sollecitare la Cina a mettere sotto inchiesta Joe Biden o abbandonare i curdi.

    – di Ugo Tramballi

    Russiagate, Barr in Italia per chiedere aiuto agli 007. E arriva anche Pompeo

    Il ministro della Giustizia sarebbe volato a Roma la scorsa settimana, scrivono i giornali americani, per ottenere informazioni al fine di screditare le indagini di Mueller sul Russiagate. Intanto nella capitale italiana sbarca il segretario di Stato

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Metodo Regeni

    Notizie più importanti richiedono l'attenzione internazionale. Una di queste è la richiesta d'impeachment contro Donald Trump che anche i democratici giustamente più riluttanti hanno deciso di sostenere: giustamente riluttanti perché negli unici due precedenti (Andrew Johnson 1868, Bill Clinton 1998) l'incriminazione ha portato politicamente fortuna a chi l'ha subita. Ma se verrà dimostrato, ciò che Trump avrebbe commesso è imperdonabile: avere preteso dal presidente ucraino l'apertura di un'in...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 420 risultati