Persone

Jo Cox

Jo Cox era una deputata laburista inglese, uccisa il 16 giugno 2016.

Europeista e pacifista, Jo Cox è stata assassinata durante la campagna elettorale per il referendum sulla Brexit, nel quale si era impegnata a favore della permanenza del Regno Unito nell'Unione Europea.

La giovane parlamentare inglese, scomparsa a soli 41 anni e madre di due figli, dopo la laurea a Cambridge aveva lavorato a lungo per Oxfam, organizzazione umanitaria non governativa, prima di essere eletta nel 2015 come deputata nel collegio di Batley e Spen. Era sposata con Brendan Cox, un passato da consulente dell'ex primo ministro laburista, Gordon Brown, e dirigente di un'altra nota Ong, Save the children. Con la moglie di Brown, Sarah, Jo aveva partecipato ad una campagna per prevenire le morti di parto.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Jo Cox | Gordon Brown | Deputato | Gran Bretagna | Oxfam |

Ultime notizie su Jo Cox

    Ora la Gran Bretagna ha un ministro per combattere la solitudine

    LONDRA - Theresa May ha creato un nuovo ruolo di sottosegretario responsabile per la solitudine. La premier britannica ha incaricato oggi Tracey Crouch, attualmente sottosegretario responsabile per lo Sport, di assumere l'incarico per combattere quella che è stata definita «un'epidemia» di

    – di Nicol Degli Innocenti

    Disinnescare l'«hate speech»

    Il susseguirsi di attentati terroristici nel corso degli ultimi anni in Europa sono fonte di preoccupazione dei Parlamenti e dei Governi, ma anche dei singoli individui che vivono in una società a base democratica. Si tratta di fenomeni in qualche modo agevolati da atteggiamenti mentali e

    – di Guido Alpa

    Preparavano attentati, in arresto 4 militari neonazisti britannici

    LONDRA - Sconcerto in Gran Bretagna per l'arresto di quattro membri dell'Esercito, in servizio attivo, sospettati di essere militanti neonazisti e di preparare attentati. I quattro militari inglesi, tra i 22 e i 32 anni, farebbero parte del gruppo di estrema destra National Action. L'organizzazione

    – di Nicol Degli Innocenti

    Le ragioni democratiche per fermare la Brexit

    La campagna per fermare la Brexit sta prendendo slancio. Il segnale più evidente sono le voci sempre più insistenti che invocano un secondo referendum. Al momento si tratta ancora prevalentemente di politici non più in attività, come Tony Blair e Nick Clegg, che dichiarano apertamente di voler

    – di Gideon Rachman

    L'Unione che vorremmo

    Se difficilmente potremo dimenticare la parola Bataclan e l'orrore di quelle immagini, o la ferocia delle esecuzioni di «Charlie Ebdo», rischia di sbiadire nella polvere del tempo il nome di Jo Cox, la deputata britannica uccisa da un estremista che non sopportava di vederla fare campagna per

    – di Eliana Di Caro

    Theresa May: dopo Brexit basta divisioni, pensiamo al bene del paese

    L'anno nuovo è iniziato con un appello all'unità di Theresa May: la premier britannica ha ammesso che il referendum sulla Ue ha diviso e indebolito il Paese, e nel suo messaggio alla nazione si è impegnata a tentare di ricucire gli strappi e rafforzare i legami tra i cittadini e tra le nazioni del

    – di Nicol degli Innocenti

    Una casa europea contro il razzismo

    Non bastavano le cronache recenti a documentare la persistenza di forme di intolleranza, xenofobia e razzismo che feriscono la dignità della persona e mortificano la convivenza civile: manifestazioni di odio tanto violente quanto ingiustificabili. Da qualche giorno infatti siamo costretti a fare i

    – di Nunzio Galantino

    Brexit, l'opportunità milanese

    Dopo due settimane di gestione della sindrome post traumatica (la mia gatta ha perso la voce per lo shock) mi sento in grado di parlare di Brexit. Specialmente dopo l'omicidio della giovane parlamentare pro "Bremain", Jo Cox, avrei scommesso che l'indole "politicamente corretta" degli inglesi li avrebbe spinti, sconvolti da tale violenza, verso un voto di continuità. Temo di aver sottovalutato la propensione isolazionista, isolana e, in generale, un poco posh (leggasi snob) dei britannici. Dopo ...

    – Enrico Verga

    Il robot batte l'uomo e «guadagna» con Brexit

    Gli algoritmi? Con la Brexit hanno guadagnato. Non tutti, è ovvio. Ma ciò che emerge dai dati è chiaro: i robot, negli scambi post-referendum, si sono tolti la soddisfazione di battere gli umani. Gli hedge fund, venerdì scorso, complessivamente hanno perso soldi. Secondo l'Hfrx Global Hedge Fund

    – Vittorio Carlini

1-10 di 57 risultati