Ultime notizie:

Jim Ò Neill

    E se il renminbi sfidasse il dollaro?

    Barry Eichengreen, Arnaud Mehl e Livia Chitu, How Global Currencies Work: Past, Present and Future, Princeton University Press, 2017

    – di Christopher Smart

    Il sistema finanziario globale: quanto è stabile?

    Solo dieci anni fa, il 9 agosto 2007, la banca francese BNP Paribas decideva di limitare l'accesso degli investitori ai soldi che avevano depositato in tre fondi che gestivano all'incirca 2,2 miliardi di dollari, una manovra di congelamento senza precedenti, che però all'epoca passò quasi

    – di Benjamin J. Cohen

    Il futuro del commercio tra leader populisti e capri espiatori

    Con l'ampio incoraggiamento da parte del presidente Usa Donald Trump e di altri demagoghi populisti, la paura pubblica della globalizzazione è diventata una delle questioni dominanti del nostro tempo. Tra tutte le molteplici manifestazioni della globalizzazione, i populisti hanno preso di mira gli

    – di Rohinton P. Medhora

    La stagione delle promesse è finita

    L'agenda di politica economica di Donald Trump durante la campagna presidenziale americana del 2016 è stata un test di Rorschach a livello politico: dove i suoi sostenitori vedevano un nuovo e audace progetto per realizzare una crescita robusta e maggiore prosperità, molti altri negli Stati Uniti e

    – di Ken Murphy, Jonathan Stein, Stuart Whatley e Roman Frydman

    Quanto durerà la frenata cinese?

    La stabilità sociopolitica e il dinamismo economico della Cina riusciranno a reggere? Si tratta di una domanda che ora circola molto più frequentemente tra gli osservatori della Cina che in qualsiasi altro momento degli ultimi trent'anni. Il prossimo autunno il 19esimo Congresso del Partito

    – di Wing Thye Woo

    «Mappamondo»: la nuova bussola online per capire con il Sole i grandi trend globali

    Benvenuti nell'era dell'incertezza planetaria. Qual è il volto autentico di Donald Trump? Il megafono rabbioso della classe media frustrata dalla crisi, l'irriducibile isolazionista nelle relazioni commerciali, il leader filorusso e anticinese in politica estera, l'amico di Wall Street e dei grandi

    – di Marco Mariani

    Fuori dalla Ue più difficili anche i rapporti con Pechino

    Il premier britannico Theresa May si sta accorgendo con rapidità che girare le spalle all'Unione europea, sperando di ammortizzarne l'effetto aprendosi al mondo cosiddetto emergente, non è affatto semplice.

    – di Leonardo Maisano

    «La Bce deve acquistare direttamente bond delle banche d'investimento»

    Macchè titoli di Stato. Non basta. La Bce dovrebbe acquistare direttamente i bond delle banche d'investimento. Così il credito andrebbe diritto all'economia. La provocazione, perchè di quello si tratta, è del guru Jim O' Neill, ex-Goldman Sachs e noto economista. Lo ha detto ieri nel corso del

    Se l'Italia rischia di perdere il posto al G-7

    E se dopo aver bene o male digerito gli stress provocati da un quinquennio di crisi finanziaria e struttural-debitoria, l'euro si ritrovasse presto tramortito

    – di Adriana Cerretelli

    L'India chiama Raghuram Rajan alla Banca centrale, quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare

    L'India, uno dei cinque paesi appartenenti ai Brics, il famoso acronimo inventato nel 2001 dall'analista Jim O'Neill, ha chiamato Raghuram Rajan -   ex capo economista del Fondo monetario internazionale, uno dei pochi che nel 2005, insieme a Nouriel Roubini, predisse la crisi dei mutui subprime americani - a guidare la sua banca centrale. Il tutto mentre  il paese asiatico cerca di difendere la rupia che è precipitata martedì al suo minimo storico in una caduta apparantemente senza paracadute...

    – Vittorio Da Rold

1-10 di 18 risultati