Persone

Jeroen Dijsselbloem

Jeroen Dijsselbloem è nato il 29 marzo del 1966 ad Eindhoven ed è un politico olandese membro del Partito del Lavoro (PvdA).

Dal 5 novembre del 2012 è ministro delle finanze del secondo Governo Rutte.

Dal 21 novembre del 2013 è presidente dell'Eurogruppo.

Il 21 gennaio del 2013 è diventato presidente del consiglio dei governatori.

Dal 12 febbraio 2013 è presidente del consiglio dei governatori del Meccanismo europeo di stabilità (European Stability Mechanism - ESM).

Tra il 1985 ed il 1991 ha frequentato il corso di laurea in economia e politica agraria presso l'Università di Wageningen.

Nel 1991 ha ottenuto la laurea in ingenieur, titolo equipollente ad un Master of Science.

Dal 1991 ha svolto l'attività di ricercatore in economia presso l'University College Cork in Irlanda.

Negli anni '90 è sceso in politica, prima come membro del consiglio municipale di Wageningen (1994–1997) poi come membro della Tweede Kamer, la camera bassa dei Paesi Bassi nelle legislature (2000–2002) e (2002–2012).

Nel marzo del 2013 Dijsselbloem ha guidato i negoziati per la gestione della "Crisi finanziaria di Cipro".

Dall'inizio del 2015 è impegnato nelle trattative per la gestione della crisi del debito greco, trattative rese più difficili dal recente pronunciamento negativo del popolo greco contro la politica di austerity proposta dall'UE.

A proposito del recente referendum greco Jeroen Dijsselbloem ha detto che "Il risultato è molto spiacevole per il futuro della Grecia" tuttavia mantenere la Grecia nell'unione europea, ha aggiunto il politico "rimane il loro obiettivo e il mio obiettivo".

Jeroen Dijsselbloem è sposato ed è padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Jeroen Dijsselbloem | Grecia | Governo Rutte | Olanda | Science | Tweede Kamer | Irlanda | Wageningen |

Ultime notizie su Jeroen Dijsselbloem

    L'ex presidente dell'Eurogruppo Dijsselbloem si pente: «Abbiamo chiesto troppo alla Grecia»

    L'ammissione arriva dall'ex capo dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, il seguace più intransigente del verbo di austerità dell'ex ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, in un'intervista rilasciata alla televisione olandese. «Sulle riforme, abbiamo chiesto molto, troppo, al popolo greco», ha affermato Dijsselbloem al programma di attualità Nieuwsuur in un momento di sincerità e prendendo in contropiede tutti i presenti in studio visto che era stato sempre considerato un...

    – di Vittorio Da Rold

    Il socialista portoghese Centeno eletto presidente dell'Eurogruppo

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEBRUXELLES - Il ministro delle Finanze portoghese Mario Centeno è stato eletto oggi qui a Bruxelles nuovo presidente dell'Eurogruppo, il consesso dei ministri finanziari della zona euro. L'uomo politico prende il posto dell'olandese Jeroen Dijsselbloem, il cui mandato scade

    – di Beda Romano

    Conti, riforme, aiuti: la grande lente dell'Eurogruppo

    Eurogruppo, si cambia. Oggi pomeriggio i 19 ministri delle Finanze dell'area euro scelgono il loro nuovo presidente. Da metà gennaio succederà all'olandese Jeroen Dijsselbloem, il "falco" del rigore, conosciuto in Italia soprattutto per i ripetuti inviti a «non esagerare con le richieste di

    – di Chiara Bussi

    Eurogruppo, ecco i quattro candidati alla presidenza. Lunedì il voto

    BRUXELLES - Sono quattro i ministri delle Finanze che si sono candidati alla guida dell'Eurogruppo, il consesso ministeriale della zona euro. Oltre al portoghese Mario Centeno, appoggiato anche dall'Italia, si sono presentati lo slovacco Peter Kazimir, la lettone Dana Reizniece-Ozola e il

    – dal nostro corrispondente Beda Romano

    Eurogruppo, l'Italia punta sul portoghese Centeno alla presidenza

    Puntano sul ministro portoghese Mario Centeno le carte socialiste per la presidenza dell'Eurogruppo. Tra i sostenitori del titolare dei conti del Portogallo entra anche l'Italia, in vista delle candidature che saranno presentate domani e della decisione che sarà assunta a Bruxelles lunedì. Si

    – di G.Tr.

    Eurogruppo, d'accordo con Bce su nuove regole sofferenze, Visco richiama alla prudenza - Abi contraria

    Sulle sofferenze bancarie e il loro trattamento continua lo scontro tra Italia da un lato e Bce-eurogruppo dall'altro. Una saga o meglio una battaglia molto importante per il futuro del sistema creditizio italiano e la sua redditività dopo che il paese ha dovuto per primo in Europa applicare le regole del bail-in nei salvataggi bancari. Ma andiamo con ordine.  La vigilanza Bce guidata dalla francese Nouy non demorde - riporta l'Ansa - sulla necessità, per le banche italiane, di smaltire i credit...

    – Vittorio Da Rold

1-10 di 469 risultati