Persone

Jeremy Corbyn

Jeremy Bernard Corbyn nato a Chippenham il 26 maggio 1949 è un politico inglese. Dal 2015 è leader del partito Laburista e dell'opposizione e dal 1983 membro della Camera dei comuni. Alle elezioni dell’8 giugno 2017 il leader Labour che ha riportato il partito ai livelli del 2010 recuperando una trentina di seggi, ha invitato Theresa May, che ha perso voti e seggi, a dimettersi: “It is time for Theresa May to go”.

Figlio di un ingegnere e di una insegnante di matematica conosciutisi durante la Guerra civile spagnola, Jeremy cresce in un clima di attivismo politico destinato a segnarne tutte le scelte future. Dopo essere stato funzionario sindacale, diventa deputato nel collegio londinese di Islington a 34 anni.

Le sue cause spaziano dai diritti dei lavoratori alla pace in Irlanda del Nord e in Palestina. Per il leader sudafricano Nelson Mandela, allora in cella nelle galere del regime razzista sostenuto dai governi di Margaret Thatcher, si fa pure arrestare. Difensore del disarmo nucleare, contrario all'interventismo militare, é radicale anche nella vita privata.

Vegetariano, astemio e ambientalista, si è sposato 3 volte: la seconda moglie, Claudia Bracchitta, origini italiane, gli ha dato tre figli e ha divorziato nel 1999, pare per aver voluto iscrivere uno dei ragazzi alla scuola privata. L'attuale consorte è cilena e gli ha portato in dote il micio El Gato. La svolta nel suo destino arriva nel 2015, quando viene eletto a sorpresa leader dei laburisti, sull'onda del rifiuto dilagante nella base verso ex blairiani liberal.

Durante la campagna elettorale per le elezioni anticipate dell’8 giugno 2017 volute dalla premier May Corbyn, il leader molto amato dai giovani, riempie le piazze e conquista consensi. Il suo programma prevede investimenti pubblici, rilancio del welfare, aumento delle tasse sui ricchi e una soft brexit.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Jeremy Corbyn

    «State opening» e discorso della Regina: le tappe della Brexit di Boris Johnson

    Al contrario, i Laburisti, e in particolare il loro leader uscente Jeremy Corbyn, pagano con una sconfitta di dimensioni storiche le incertezze sulla Brexit messe in mostra fin dal giorno del referendum e sfociate recentemente in una tardiva adesione all'ipotesi di una seconda consultazione popolare, per giunta con una deliberata astensione sulla posizione da prendere: un atteggiamento incredibile per gli standard politici britannici.

    – di Claudio Martinelli

    Johnson stravince grazie all'Inghilterra profonda

    Il partito laburista di Jeremy Corbyn ha subito la peggiore sconfitta dal dopoguerra, pagando per la propria ambiguità e il profondo anacronismo paleo-socialista, mentre i liberaldemocratici di Jo Swinson non sono riusciti a capitalizzare le... Una sconfitta rovente per Corbyn che in alcuni casi ha perso collegi fedeli al labour da decenni. ... Considerando che in questa percentuale ci sono molti voti ex laburisti passati ai Tory e che i laburisti rimasti fedeli a Corbyn sono in grande...

    – Marco Niada

    Perché ha vinto Boris Johnson e la disfatta del Labour di Corbyn

    Lo splendido assist di Jeremy Corbyn e del suo manifesto elettorale che sembrava uscito da un film di Ken Loach hanno messo le ali a Boris Johnson e alla Brexit. ... Certo non nel Labour di Corbyn, del quale non si è mai capito se era favorevole o contrario all'uscita del Regno Unito dall'Europa. ... Nonostante la vittoria, il Tory è un partito lacerato la cui fortuna maggiore è stata quella di avere come avversario l'evanescente Corbyn, capace di presentare un programma economico da...

    – di Attilio Geroni

    Il voto in Gran Bretagna, la sfida vinta di Boris Johnson

    I laburisti guidati da Jeremy Corbyn invece hanno perso 71 seggi, vincendone solo 191. ... Il destino di Corbyn dipende invece dall'entità della sconfitta. ... Sono entrambe solide roccaforti laburiste, quindi se dovessero cadere in mano Tory sarebbe un pessimo segnale per Jeremy Corbyn. ... Riflettori puntati anche sulle circoscrizioni londinesi dei due leader: Islington North è territorio laburista e dovrebbe confermare la fiducia a Corbyn, mentre Johnson potrebbe avere qualche difficoltà...

    – di Nicol Degli Innocenti

    Il Regno Unito al voto dice sì o no alla Brexit (ancora una volta)

    Il sistema uninominale secco alla fine ha spinto gli elettori verso una scelta binaria: Boris Johnson con la sua promessa di portare la Gran Bretagna fuori dall'Unione europea o Jeremy Corbyn con il suo radicale progetto di ristrutturazione... L'ultimissimo sondaggio di ComRes per il quotidiano conservatore Daily Telegraph, reso noto ieri sera, prevede il 41% di consensi per Johnson e il partito di Corbyn al 36%, il risultato migliore per l'opposizione dall'inizio della campagna...

    – di Nicol Degli Innocenti

    Elezioni Regno Unito, Boris Johnson favorito con l'incognita hard Brexit

    Conservatori, Laburisti, Liberaldemocratici. I principali partiti dell'Isola sono in trincea per il voto del 12 dicembre. La posta in palio è soprattutto la Brexit, ma i consensi si sposteranno anche per i rispetti manifesti politici. Ecco cosa propongono e chi è favorito

    – di Alb.Ma.

    Regno Unito al voto. Gli ultimi sondaggi, le incognite e i fattori di disturbo

    Il 12 dicembre è il giorno della verità (forse) per il destino del Regno Unito nell'Unione Europea. Le elezioni anticipate, chieste dal premier conservatore Boris Johnson, serviranno per chiarire una volta per tutte la strada che Londra sceglierà per dare corso al Referendum del giugno 2016 con il quale i cittadini britannici hanno scelto di abbandonare il percorso comunitario con uno storico voto. Quasi tutti i sondaggi sono concordi nel ritenere che i Tories, guidati dall'ex sindaco di Lon...

    – Infodata

1-10 di 300 risultati