Persone

Jeremy Corbyn

Jeremy Bernard Corbyn nato a Chippenham il 26 maggio 1949 è un politico inglese. Dal 2015 è leader del partito Laburista e dell'opposizione e dal 1983 membro della Camera dei comuni. Alle elezioni dell’8 giugno 2017 il leader Labour che ha riportato il partito ai livelli del 2010 recuperando una trentina di seggi, ha invitato Theresa May, che ha perso voti e seggi, a dimettersi: “It is time for Theresa May to go”.

Figlio di un ingegnere e di una insegnante di matematica conosciutisi durante la Guerra civile spagnola, Jeremy cresce in un clima di attivismo politico destinato a segnarne tutte le scelte future. Dopo essere stato funzionario sindacale, diventa deputato nel collegio londinese di Islington a 34 anni.

Le sue cause spaziano dai diritti dei lavoratori alla pace in Irlanda del Nord e in Palestina. Per il leader sudafricano Nelson Mandela, allora in cella nelle galere del regime razzista sostenuto dai governi di Margaret Thatcher, si fa pure arrestare. Difensore del disarmo nucleare, contrario all'interventismo militare, é radicale anche nella vita privata.

Vegetariano, astemio e ambientalista, si è sposato 3 volte: la seconda moglie, Claudia Bracchitta, origini italiane, gli ha dato tre figli e ha divorziato nel 1999, pare per aver voluto iscrivere uno dei ragazzi alla scuola privata. L'attuale consorte è cilena e gli ha portato in dote il micio El Gato. La svolta nel suo destino arriva nel 2015, quando viene eletto a sorpresa leader dei laburisti, sull'onda del rifiuto dilagante nella base verso ex blairiani liberal.

Durante la campagna elettorale per le elezioni anticipate dell’8 giugno 2017 volute dalla premier May Corbyn, il leader molto amato dai giovani, riempie le piazze e conquista consensi. Il suo programma prevede investimenti pubblici, rilancio del welfare, aumento delle tasse sui ricchi e una soft brexit.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Jeremy Corbyn

    Brexit, Johnson lavora a un nuovo accordo sulle frontiere irlandesi

    LONDRA - Boris Johnson dichiara che un accordo con l'Unione Europea è possibile mentre il leader laburista Jeremy Corbyn promette un secondo referendum su Brexit. ... Corbyn oggi ha promesso che se i laburisti vinceranno le prossime elezioni ci sarà una seconda consultazione popolare sull'appartenenza alla Ue. ... Corbyn ha dichiarato che in attesa delle elezioni, per le quali non c'è una data, la sua priorità assoluta è evitare un'uscita dalla Ue senza un accordo.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, Westminster chiuso da oggi: per ora niente voto

    Il leader laburista Jeremy Corbyn sostiene di voler andare alle urne al più presto ma solo quando il rischio "no deal" sarà stato neutralizzato e per questo ha mantenuto l'alleanza con gli altri partiti per impedire al premier di cambiare la data delle elezioni una volta passata la mozione.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, lo speaker Bercow fa un passo indietro: dimissioni il 31 ottobre

    Lo speaker della Camera dei Comuni, diventato famoso in tutto il mondo per i suoi «ordeeeer!» durante i dibattiti più concitati, ha annunciato che si dimetterà dal suo ruolo alla fine del mese prossimo. In caso di elezioni anticipate, il suo mandato potrebbe scadere oggi

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, al voto la mozione contro il no-deal. Johnson spinge per nuove elezioni

    Il governo Tory di Boris Johnson è stato battuto ai Comuni nel primo, cruciale voto sulla legge anti-no deal sottoposta dagli oppositori per cercare di obbligare il premier britannico a chiedere all'Ue un nuovo rinvio della Brexit, in mancanza d'accordo, oltre il 31 ottobre. Johnson annuncia una mozione per il voto anticipato

    – di Nicol Degli Innocenti

    Boris l'illusionista a due passi da Downing Street

    Tempo pochi giorni e Boris Johnson sarà il nuovo Primo Ministro britannico. L'unica curiosità è scoprire con che margine vincerà sul rivale Jeremy Hunt. Quanti dei 160mila membri del partito conservatore abilitati a votare esprimeranno la loro preferenza. Una magra curiosità, dato che per il Paese culla della democrazia occidentale moderna non sarà certo un giorno glorioso. I membri del partito rappresentano lo 0,45% dell'elettorato britannico e probabilmente a eleggerlo sarà lo 0,35%. Ma le reg...

    – Marco Niada

1-10 di 265 risultati