Persone

Jeremy Corbyn

Jeremy Bernard Corbyn nato a Chippenham il 26 maggio 1949 è un politico inglese. Dal 2015 è leader del partito Laburista e dell'opposizione e dal 1983 membro della Camera dei comuni. Alle elezioni dell’8 giugno 2017 il leader Labour che ha riportato il partito ai livelli del 2010 recuperando una trentina di seggi, ha invitato Theresa May, che ha perso voti e seggi, a dimettersi: “It is time for Theresa May to go”.

Figlio di un ingegnere e di una insegnante di matematica conosciutisi durante la Guerra civile spagnola, Jeremy cresce in un clima di attivismo politico destinato a segnarne tutte le scelte future. Dopo essere stato funzionario sindacale, diventa deputato nel collegio londinese di Islington a 34 anni.

Le sue cause spaziano dai diritti dei lavoratori alla pace in Irlanda del Nord e in Palestina. Per il leader sudafricano Nelson Mandela, allora in cella nelle galere del regime razzista sostenuto dai governi di Margaret Thatcher, si fa pure arrestare. Difensore del disarmo nucleare, contrario all'interventismo militare, é radicale anche nella vita privata.

Vegetariano, astemio e ambientalista, si è sposato 3 volte: la seconda moglie, Claudia Bracchitta, origini italiane, gli ha dato tre figli e ha divorziato nel 1999, pare per aver voluto iscrivere uno dei ragazzi alla scuola privata. L'attuale consorte è cilena e gli ha portato in dote il micio El Gato. La svolta nel suo destino arriva nel 2015, quando viene eletto a sorpresa leader dei laburisti, sull'onda del rifiuto dilagante nella base verso ex blairiani liberal.

Durante la campagna elettorale per le elezioni anticipate dell’8 giugno 2017 volute dalla premier May Corbyn, il leader molto amato dai giovani, riempie le piazze e conquista consensi. Il suo programma prevede investimenti pubblici, rilancio del welfare, aumento delle tasse sui ricchi e una soft brexit.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Jeremy Corbyn

    Brexit, May: «Fuori da Ue futuro radioso». Ma arriva la mozione di sfiducia

    La premier è stata anche criticata per la mancanza di idee nuove e una visione convincente del futuro soprattutto per i giovani, in netto contrasto con il partito laburista che è stato galvanizzato dal leader Jeremy Corbyn e dalle sue proposte... La premier ha aspramente criticato il leader laburista, dichiarando che «milioni di persone che non hanno mai sostenuto i conservatori in passato sono disgustati da quello che Corbyn ha fatto al Labour.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, Corbyn e il Labour puntano a elezioni e nuovo referendum

    Un’uscita dall’Unione Europea senza un accordo sarebbe «un disastro nazionale», ha dichiarato il leader laburista Jeremy Corbyn. ... GUARDA IL VIDEO / Brexit: Corbyn apre a un nuovo referendum ... Se non sarà possibile andare al voto «tutte le opzion sono sul tavolo», ha detto Corbyn, compresa quella di un secondo referendum. ... Corbyn oggi ha ringraziato Starmer e scherzando ha detto che se è riuscito a convincere i delegati laburisti non avrà problemi ad arrivare a un’intesa...

    – di Nicol Degli Innocenti

    May sfida l'Ue, ma su Brexit la partita più difficile è in Parlamento

    Ad aiutarla più del suo partito è, ancora una volta, l’attempato signor Corbyn. ... Se il “no” parlamentare alla Brexit porterà, prima ancora di un nuovo referendum, alla caduta del governo e a elezioni anticipate, Jeremy Corbyn, sarà il migliore alleato di Theresa May: il partito conservatore troverebbe la forza per riunirsi con l’ obiettivo di tenere il Labour lontano dal potere.

    – di Leonardo Maisano

    Brexit: si allarga il fronte per un secondo referendum

    Momentum, il movimento che sostiene il leader del partito Jeremy Corbyn, ha detto che un dibattito sulla questione è «assolutamente inevitabile» a 200 giorni dalla data prevista di Brexit.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, il poker infinito che logora Londra

    In questo scorcio di 2018 la premier Theresa May può cadere vittima dell’imboscata degli eurofobi ed essere costretta a lasciare la guida del Paese e del partito all’ex ministro degli Esteri Boris Johnson; il Regno Unito può andare a elezioni anticipate con chance di vittoria per il radical-laburista Jeremy Corbyn; o può, al contrario, assistere all’implosione del Labour sotto la spinta dei moderati, prologo alla nascita di una nuova terza forza insieme a LibDem e a...

    – di Leonardo Maisano

    Blair o Corbyn? Se il confronto con il M5S maschera la vera divisione nel Pd

    Non a caso Renzi nel suo discorso di sabato scorso all'assemblea del partito ha citato tra le contestazioni di una parte della platea Tony Blair, mentre il leader della minoranza di sinistra Andrea Orlando fa riferimento all'attuale leader del Labour Jeremy Corbyn.

    – di Emilia Patta

    Gran Bretagna, Theresa May esce rafforzata dalle amministrative

    LONDRASospiro di sollievo a Downing Street: i risultati delle elezioni amministrative di ieri in Gran Bretagna non hanno portato alla temuta sconfitta del partito conservatore. In molte aree del Paese i Tories hanno "ereditato" tutti i voti di Ukip, il partito anti-Ue che come previsto è stato

    – di Nicol Degli Innocenti

    Theresa May rischia di perdere anche la roccaforte di Westminster

    LONDRA - Effetto Brexit sulle elezioni amministrative in Gran Bretagna. Il voto di oggi per eleggere 4.400 consiglieri in 150 circoscrizioni è il primo test per il Governo di Theresa May dalle disastrose elezioni dell'anno scorso che avevano fatto perdere al partito conservatore la maggioranza in

    – di Nicol Degli Innocenti

1-10 di 178 risultati