Persone

Jean-Pierre Mustier

Jean-Pierre Mustier è nato il 18 gennaio 1961 a Chamalieres (Francia) ed è stato nominato nuovo amministratore delegato di Unicredit S.p.A. quotata in borsa, carica assunta a partire dal 12 luglio del 2016.

La designazione da parte del cda è arrivata all'unanimità dopo il via libera del comitato nomine.

Mustier è già stato a capo del Corporate & investment banking del gruppo di Piazza Cordusio e succede a Federico Ghizzoni.

Jean-Pierre Mustier ha frequentato l'Ecole Polytechnique (Francia) e l'Ecole des Mines de Paris (Francia), quindi ha fatto carriera nella Société Générale, dove ha lavorato tra il 1987 ed il 2009.
Amministratore delegato dell'asset management di Société Générale (nel periodo dello scandalo legato al trader Jerome Kerviel) è uscito da UniCredit a fine 2014 e da allora è stato partner di Tikehau Capital, fondo di private debt transalpino.

Il suo nome è sempre stato in pole position negli ultimi tempi, grazie soprattutto alla conoscenza diretta del gruppo e insieme all'esperienza maturata nel mercato dei capitali (non secondaria nel caso in cui UniCredit dovesse a breve rivolgersi per un eventuale aumento).

Forte dell'appoggio degli azionisti esteri - dal blocco tedesco agli arabi, i fondi - e di CrTorino, Mustier ha dovuto attendere anche il via libera della vigilanza della Banca centrale europea (Bce).

Mustier è sposato e padre di due figli.

Con la sua nomina UniCredit ha messo fine alla ricerca del nuovo ceo che si protraeva da oltre 40 giorni e che destava preoccupazione anche nelle alte sfere della politica, visto il delicato momento attraversato dal settore finanziario a livello internazionale.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Nomine nelle società | Jean-Pierre Mustier | Amministratore delegato | Federico Ghizzoni | Ecole des Mines | Unicredit S.p.A. | Bce | Ecole Polytechnique | Francia | Jerome Kerviel | Borsa Valori |

Ultime notizie su Jean-Pierre Mustier

    UniCredit, la controllata turca valuta un bond da un miliardo di dollari

    La Turchia continua ad essere una spina nel fianco per UniCredit e il suo ceo Jean-Pierre Mustier. ... Peraltro proprio la banca guidata da Jean-Pierre Mustier nelle scorse settimane si è rivolta a Pimco per raccogliere 3 miliardi di dollari di bond quinquennali.

    – di Luca Davi

    Generali, intesa fra i grandi soci per il terzo mandato a Galateri

    I giochi sarebbero quasi fatti. I grandi soci di Generali sarebbero pronti a mettere mano allo statuto per modificare la norma che fissa in 70 anni il limite di età massima del presidente. Eliminando così quel vincolo che oggi escluderebbe l'attuale numero uno, Gabriele Galateri di Genola, dalla

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

    Industriali battono banchieri: ecco i 50 manager più pagati in Italia nel 2017

    Sergio Marchionne, l'ex amministratore delegato di Fca-Fiat Chrysler somparso il 25 luglio scorso, è stato il manager più pagato nel 2017 fra le società italiane quotate in Borsa, con 46,3 milioni di euro lordi di compensi totali, tra stipendio monetario, bonus e controvalore delle azioni gratuite,

    – di Gianni Dragoni

    UniCredit, il piano B di Mustier: scissione tra Italia e asset esteri

    «One UniCredit, One bank», era lo slogan con cui Jean Pierre Mustier lanciò il piano triennale Transform 2019 di UniCredit. Sarà così anche oltre l'orizzonte del piano? O in prospettiva la banca si dividerà in due? Da qualche settimana circola un piano riservato, probabilmente elaborato da una

    – di Alessandro Graziani

    Parte il processo Sandokan 2 di Unicredit: 3 miliardi di incagli in una jv con Pimco

    Parte il processo Sandokan 2 su 3 miliardi di non performing loan del gruppo Unicredit, la maggioranza dei quali garantiti da immobili e progetti di sviluppo. La riedizione del progetto Sandokan ripartirà con gli stessi partner-investitori di Sandokan 1, cioè il colosso degli investimenti alternativi statunitense Pimco, il gruppo Gwm e il servicer Aurora Recovery Capital. Secondo indiscrezioni, sarebbe infatti già partita la due diligence su una prima tranche per complessivi 800 milioni rispet...

    – Carlo Festa

    Unicredit taglia l'utile a 29 milioni dopo le svalutazioni su Turchia e Iran

    Unicredit ha chiuso il terzo trimestre del 2018 con un utile di soli 29 milioni dopo aver svalutato per 846 milioni la propria quota nella turca Yapi e aver incrementato gli accantonamenti per le sanzioni americane sull'Iran in fase di liquidazione. L'utile rettificato è pari a 875 milioni, in

    Generali, Del Vecchio apre le grandi manovre in vista dell'assemblea

    «Quello in Generali è per Delfin un investimento finanziario a lungo termine, particolarmente interessante ai prezzi attuali e pertanto destinato a salire in maniera consistente». E' con queste parole che Leonardo Del Vecchio ha messo ieri nero su bianco le intenzioni sul Leone di Trieste. Le stesse

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

    Enel primo big industriale per fatturato, UniCredit guida le banche

    La Top 3 dell'Industria dominata dai colossi energetico-petroliferi pubblici, UniCredit leader tra le banche e Generali irraggiungibile nel comparto assicurativo: è una fotografia con molte conferme e poche novità quella che emerge dalle classifiche elaborate dall'Area Studi di Mediobanca per la

    – di Paolo Paronetto

    Mediobanca regge, con addio al Patto. Analisti puntano su appeal liquidità

    La decisione a sorpresa di Vincent Bollorè, che ha comunicato la disdetta con un anno di anticipo al patto di sindacato di Mediobanca, provocando lo scioglimento dell'accordo parasociale dopo oltre 60 anni (il patto è nato nel 1956) non ha provocato particolari scossoni a Piazza Affari. Il titolo

    – di Paolo Paronetto

1-10 di 306 risultati