Persone

Jean-Michel Basquiat

Jean-Michel Basquiat (1960 – 1988) è stato un pittore e un writer statunitense. Insieme a Keith Haring è uno dei più importanti esponenti del graffitismo americano.

Nel 1976 Jean-Michel Basquiat ha studiato alla City-as-School di Manhattan, istituto per ragazzi talentuosi ma con difficoltà nelle scuole tradizionali. Nel 1977, all’età di 17 anni ha conosciuto il graffitista Al Diaz, con il quale ha iniziato l’attività di writer, tappezzando i muri di Manhattan con frasi rivoluzionarie e firmandosi Samo, acronimo di Same Old Shit. Nel 1978 Basquiat ha abbandonato gli studi e per guadagnarsi da vivere vendeva cartoline decorate. Ha conosciuto Henry Geldzahler ed Andy Warhol, che l’ha fatto entrare alla sua Factory. Nel 1980 Jean-Michel Basquiat ha debuttato al Time Square Show, retrospettiva che ha segnato la nascita di due avanguardie newyorkesi: la downtown (neopop) e la uptown (rap e graffiti). L’anno successivo ha partecipato al New York/New Wave. Insieme ad Andy Warhol e a Francesco Clemente, nel 1984 Jean-Michel Basquiat ha creato una serie di dipinti a sei mani, commissionati da Bruno Bischofberger. Nel 1985 ha fatto delle esposizioni alla Galerie Bischofberger di Zurigo, alla Mary Boone Gallery di New York e alla Akira Ikeda di Tokyo. Due anni più tardi ha presentato le due opere a New York, nella galleria di Vrej Baghoomian.

Jean-Michel Basquiat è morto nel 1988, all’età di 27 anni, a causa di un’overdose di eroina.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Henry Geldzahler | Diaz Al | Keith Haring | Bruno Bischofberger | Francesco Clemente | Andy Warhol | Manhattan | City-as-School | Jean-Michel Basquiat | Same Old Shit |

Ultime notizie su Jean-Michel Basquiat

    Banksy scrive grandi canzoni (e tifa Napoli): 2 o 3 indizi che lo provano

    Ebbene, gli ultimi background check sul conto del misterioso artista britannico che ha elevato i graffiti a forma assoluta di espressione, sulla scia dei vari Jean-Michel Basquiat e Keith Haring, guardano in direzione di Robert Del Naja, altrimenti noto come 3D, membro fondatore dei Massive Attack, band di punta della scena trip hop di Bristol che andava per la maggiore negli anni Novanta.

    – di Francesco Prisco

    United Colors of Benetton in cerca di rilancio nomina de Castelbajac nuovo direttore artistico

    Un altro punto di contatto fra Castelbajac e Benetton è l’amore per l’arte e le sperimentazioni creative, che Benetton condice anche nel suo atelier della comunicazione Fabrica, a Treviso: il designer francese infatti, dal 1982 ha iniziato a collaborare con artisti contemporanei come Andy Warhol, Keith Haring, Jean-Michel Basquiat, Robert Combas, Loulou Picasso, Ben, Annette Messager, Gérard Garouste, Hervé Di Rosa e Miquel Barcelo per creare “abiti-quadro” .

    – di Chiara Beghelli

    Fatturati in crescita per le aste italiane di arte moderna e contemporanea

    Giugno chiude la stagione primaverile delle aste nazionali di arte moderna e contemporanea con importanti fatturati. A primeggiare è stata questa volta Il Ponte Casa d'aste con una vendita che ha superato i 6 milioni e mezzo di euro con diversi record per artista. Blindarte attira il mondo

    – di Stefano Cosenz

    Molti record per l'arte contemporanea da Sotheby's New York

    La sera del 16 maggio a New York Sotheby's ha proposto due cataloghi a cavallo fra l'arte del dopoguerra e contemporanea, il primo con 26 lotti appartenuti alla Collezione Mandel, tutti venduti per un ricavo di 107,8 milioni di dollari a favore dell'omonima Fondazione benefica, il secondo composto

    – di Giovanni Gasparini

    La collezione Agrati donata a Intesa Sanpaolo

    La collezione Luigi e Peppino Agrati entra nel patrimonio artistico di Intesa Sanpaolo, lo ha deciso il Cavalier Luigi Agrati, scomparso nel 2016, con un atto di donazione. Tra le opere «Triple Elvis» di Andy Warhol , «Financial District» di Jean-Michel Basquiat, un «Concetto spaziale» di Lucio

    – di Marilena Pirrelli

    Nel 2017 Christie's ha guidato la ripresa

    Christie's chiude il 2017 in bellezza con l'aumento del 26% delle vendite globali totali con un fatturato di 5,1 miliardi di sterline (6,6 miliardi di dollari, +21%) e le vendite all'asta in crescita del 38% fino a 4,6 miliardi di sterline (5,9 miliardi di dollari, in crescita del 33%) guidate dal

    – di Silvia Anna Barrilà e Marilena Pirrelli

    Sotheby's: un anno di aste

    Sotheby's chiude la gestione 2017 con un controvalore delle aste pari a 4,7 miliardi di dollari in aumento del 13,1% rispetto al 2016. L'anno 2017 ha visto le vendite inaugurali delle asta di Modern and Contemporary African Art che si è tenuta in maggio con un controvalore di 2,8 milioni di

    – di Maria Adelaide Marchesoni

1-10 di 127 risultati