Persone

Jean-Luc Mélenchon

Jean-Luc Mélenchon (nato a Tangeri, 19 agosto 1951) è un politico francese, il più anziano dei candidati alle presidenziali. Mélenchon è stato escluso dal secondo turno e non andrà però al ballottaggio avendo ottenuto al primo il 19,6% dei voti.

E’ stato eletto senatore socialista già nel 1976 e nel 1988 è tra i fondatori della corrente di sinistra del PS, che lascia a fine del 2008 per creare il parti de gauche (sul modello del tedesco Die Linke) con il quale si è presentato alle presidenziali del 2012 raccogliendo l’11% dei suffragi.

Per la corsa delle presidenziali del 2017 ha creato un nuovo movimento “La France insoumise” (la Francia ribelle) sostenuto anche dal parttito comunista, con l’obiettivo di riunire tutta la sinistra radicale.

Ammiratore di Fidel Castro e Hugo Chavez e appassionato di nuove tecnologie, ha promesso durante la campagna elettorale iper tech e molto social (per moltiplicare i suoi comizi ha utilizzato degli ologrammi) “una rivoluzione dei cittadini per mettere fine alla monarchia”.

Ultimo aggiornamento 24 aprile 2017

Ultime notizie su Jean-Luc Mélenchon

    Francia in deficit, perché la mossa di Macron è un assist a Salvini

    Il movimento ha incassato il sostegno esterno di forze populiste di destra (Rassemblement national, Lega), sinistra (la La France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon) o entrambi (i Cinque stelle, ancora oggi difficili da catalogare su una sponda o l'altra dell'arco parlamentare) .

    – di Alberto Magnani

    Il pericolo gilet gialli e la parabola di Macron, isolato e silenzioso

    L'estrema destra del Front National, ora ribattezzato Rassemblement National, e l'estrema sinistra de La France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon, avevano ottenuto assieme, al primo turno delle presidenziali, oltre il 40% dei voti contro il 24% di Macron.

    – di Attilio Geroni

    Gilet gialli, la rivolta anti-Macron nata con la scusa del carburante

    Il secondo è l'aver messo d'accordo la sinistra radicale di Jean-Luc Mélenchon e la destra post fascista di Marine Le Pen, almeno nel tentativo di accreditarsi come leader ideali della rivolta delle periferie contro il «governo dei ricchi» di Macron.

    – di Alberto Magnani

    Chi sono i gilet gialli che stanno assaltando Parigi (e Macron)

    Nel frattempo però le sollevazioni hanno incassato consensi fra le frange estreme di destra e sinistra, ottenendo l'appoggio di Marine Le Pen (leader della forza di ultradestra Rassemblement National, erede del neofascista Front National) e Jean-Luc Mélenchon (fondatore di France insoumise, «Francia indomita», sigla di sinistra radicale simile all'esperimento spagnolo di Podemos).

    – di Alb.Ma.

    Il declino della sinistra in Europa: persi 16 milioni di voti in 7 anni

    Grün ist das neue Rot, il verde è il nuovo rosso. Il gioco di parole scelto dal quotidiano tedesco Bild per le elezioni bavaresi riesce a riassumere, in un colpo solo, due momenti di rottura per la politica tedesca: l'exploit dei Verdi e il tracollo della Sozialdemokratische Partei Deutschlands, il

    – di Alberto Magnani

    Così Benalla indebolisce Macron. Due mozioni di sfiducia contro il governo

    Promotori i repubblicani, quindi il centrodestra - la cui mozione è stata respinta - ma anche tre partiti di sinistra fra cui la France insoumise il cui presidente Jean-Luc Mélenchon denuncia: «Questo affare non riguarda qualcosa che non funzionato ma un metodo di gestione».

    – di An.Man.

    Le tensioni antisemite che agitano la Francia

    «Tutti, senza eccezione, sono invitati». E' toccato a Daniel Knoll, uno dei figli di Mireille Knoll, la superstite dell'Olocausto accoltellata e data alle fiamme nella sua casa in un delitto antisemita, tentare di soffocare le polemiche degli ultimi giorni e "aprire" le Marce bianche di denuncia

    – di Riccardo Sorrentino

1-10 di 107 risultati