Persone

Janet Yellen

Janet Louise Yellen è nata il 13 agosto del 1946 a Brooklyn ed è un'economista e politica statunitense, dal 3 febbraio 2014 è presidente della Federal Reserve. Il suo mandato scade a febbraio 2018 e il successore indicato dal presidente Trump è l’avvocato repubblicano Jerome Powell.

Dal 18 febbraio del 1997 al 3 agosto del 1999 è stata Direttore del Consiglio dei Consulenti Economici.

Tra il 14 giugno del 2004 ed il 4 ottobre del 2010 ha assunto la carica di Presidente della Federal Reserve di San Francisco.

Dal 4 ottobre del 2010 al 3 febbraio del 2014 è stata Vice Presidente della Federal Reserve.

Janet Yellen ha studiato economia all'Università Brown ed a Yale.

Dottoressa in economia, la Yellen ha lavorato per diversi anni come docente universitaria di macroeconomia.

Negli anni novanta è stata scelta dal Presidente Clinton come presidente del Consiglio dei Consulenti Economici, quindi è stata membro del consiglio dei governatori del Federal Reserve System.

Successivamente è diventata membro votante della Federal Open Market Committee e per sei anni presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco.
Nel 2010 è stata nominata da Barack Obama vicepresidente della Federal Reserve, carica che ha mantenuto per quattro anni, prima di succedere a Ben Bernanke nella presidenza della Federeal Reserve.

La Janet è la prima donna a rivestire questo ruolo ed è risultata essere nel 2014 la seconda donna più potente, nella lista delle 100 donne più potenti del mondo secondo Forbes.


Janet Yellen è coniugata con il collega economista George Akerlof, vincitore nel 2001 del Nobel per l'economia.

Ultimo aggiornamento 05 novembre 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Janet Louise Yellen | Federal Reserve Bank | San Francisco | Ben Bernanke | Università Brown | Barack Obama | Università di Yale | George Akerlof | Federeal Reserve | Federal Open Market Committee |

Ultime notizie su Janet Yellen

    La ritirata dei falchi alla Bce

    Se è vero che i falchi della Bce sono diventati più colombe, le spiegazioni possono essere due: è una scelta tattica, dovuta a interessi personali o nazionali di singoli banchieri. L'altra spiegazione può essere: è una decisione strategica, motivata dalla crescente incertezza. In questo caso

    – di Donato Masciandaro

    Fed cauta sui prossimi rialzi: resterà «paziente» sui tassi

    E' una Federal reserve molto cauta, quella che emerge dalla prima riunione dell'anno del Fomc, il Comitato di politica monetaria. Pur ribadendo la solidità della ripresa americana, la Banca centrale Usa ritiene che «alla luce degli sviluppi economici e finanziari globali, e alle deboli pressioni

    – di Riccardo Sorrentino

    Tassi Usa, a sorpresa cambia il vento: dopo 10 rialzi ora possono scendere

    Qualche giorno prima di Natale (19 dicembre) la Federal Reserve guidata da Jerome Powell ha alzato i tassi di interesse Usa portandoli in un range compreso tra 225 e 250 punti base. Nel complesso si è trattato della decima stretta di fila all'interno di un ciclo di normalizzazione avviato a

    – di Vito Lops

    Powell: Fed pronta a cambiare rotta sui tassi

    La Fed è pronta a cambiare strada. Se le condizioni finanziarie dovessero diventare troppo restrittive - e quindi, se la Borsa dovesse scendere ancora - la politica monetaria potrebbe anche prendere una pausa. Al momento non ci sono però le condizioni. Il presidente della Federal reserve Jim

    – di Riccardo Sorrentino

    Il crollo di Apple (-10%) travolge Wall Street. Corsa a oro e yen, balzo dello spread

    L'aria di tempesta su Wall Street contagia le Borse europee: con l'eccezione di Milano e Londra (che limitano le perdite), i listini pagano il taglio delle stime di Apple sul trimestre ottobre-dicembre e con esso i timori per un rallentamento della congiuntura globale. Chiusura in forte calo a New

    – di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

    La Fed non cede a Trump e alza i tassi. Prudenza sulle strette nel 2019

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTENEW YORK - La Federal Reserve ha alzato i tassi a breve di 25 punti base, al 2,25-2,50 per cento. Ha annunciato però un rallentamento della futura stretta, indicando per il 2019 due nuovi possibili rialzi (e non più tre, come a settembre). Ha rivisto inoltre al ribasso le

    – di Riccardo Barlaam

    Orsi, tori e Tweet: sul 2019 dei mercati la visibilità è zero

    Se fino a due giorni fa i mercati assistevano terrorizzati alle altalenanti trattative commerciali tra Cina e Stati Uniti, ieri è bastato un Tweet di Donald Trump per cambiare l'umore. «Conversazioni produttive con la Cina - ha scritto il Presidente Usa -. Aspettatevi importanti annunci». Così le

    – di Morya Longo

    L'economia Usa corre. Ma il merito di chi è?

    Dire che le elezioni di metà mandato negli Usa sono una sorta di referendum sul presidente e che il partito di quello in carica ottiene buoni risultati quando gli indicatori economici sono positivi è un'ovvietà. Nell'era di Donald Trump, invece, questa regola - come molte altre, d'altronde - viene

    – di Angus Deaton, Barry Eichengreen, Rana Foroohar, Glenn Hubbard e Edmund S. Phelps

1-10 di 1062 risultati