Persone

Janet Yellen

Janet Louise Yellen è nata il 13 agosto del 1946 a Brooklyn ed è un'economista e politica statunitense, dal 3 febbraio 2014 è presidente della Federal Reserve. Il suo mandato scade a febbraio 2018 e il successore indicato dal presidente Trump è l’avvocato repubblicano Jerome Powell.

Dal 18 febbraio del 1997 al 3 agosto del 1999 è stata Direttore del Consiglio dei Consulenti Economici.

Tra il 14 giugno del 2004 ed il 4 ottobre del 2010 ha assunto la carica di Presidente della Federal Reserve di San Francisco.

Dal 4 ottobre del 2010 al 3 febbraio del 2014 è stata Vice Presidente della Federal Reserve.

Janet Yellen ha studiato economia all'Università Brown ed a Yale.

Dottoressa in economia, la Yellen ha lavorato per diversi anni come docente universitaria di macroeconomia.

Negli anni novanta è stata scelta dal Presidente Clinton come presidente del Consiglio dei Consulenti Economici, quindi è stata membro del consiglio dei governatori del Federal Reserve System.

Successivamente è diventata membro votante della Federal Open Market Committee e per sei anni presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco.
Nel 2010 è stata nominata da Barack Obama vicepresidente della Federal Reserve, carica che ha mantenuto per quattro anni, prima di succedere a Ben Bernanke nella presidenza della Federeal Reserve.

La Janet è la prima donna a rivestire questo ruolo ed è risultata essere nel 2014 la seconda donna più potente, nella lista delle 100 donne più potenti del mondo secondo Forbes.


Janet Yellen è coniugata con il collega economista George Akerlof, vincitore nel 2001 del Nobel per l'economia.

Ultimo aggiornamento 05 novembre 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Janet Louise Yellen | Federal Reserve Bank | San Francisco | Ben Bernanke | Università Brown | Barack Obama | Università di Yale | George Akerlof | Federeal Reserve | Federal Open Market Committee |

Ultime notizie su Janet Yellen

    Recessione, il commercio spaventa più della curva dei rendimenti

    Potrebbe essere battezzato l'asse della paura. Corre dagli Stati Uniti alla Cina, dalla Gran Bretagna all'Argentina, dalla Germania fino all'Italia, dalla Corea del Sud al Giappone. Un asse globale che stringe d'assedio l'economia globalizzata. E che ruota attorno al simbolo stesso di questa globalizzazione - e adesso della nuova paura: il commercio.

    – di Marco Valsania

    Banche centrali, non solo Lagarde: è il momento dei giuristi

    Il primo è stato Haruhiko Kuroda, nel 2013. Poi è arrivato Jerome Powell nel 2018. Ora è Christine Lagarde a aggiungersi al numero dei grandi banchieri centrali con una formazione prevalentemente giuridica. Una scelta sorprendente, in un momento in cui il ciclo economico ha cambiato natura - come

    – di Riccardo Sorrentino

    Trump attacca ancora Powell: ci vorrebbe Draghi al suo posto

    In una intervista a Fox News il presidente americano è ritornato sulle politiche monetarie della Fed e sul mancato taglio dei tassi. Minacciando addirittura di licenziare il governatore centrale (anche se non è nei suoi poteri...)

    – di Riccardo Barlaam

    Fed, Powell: «I tagli dei tassi arriveranno»

    NEW YORK - La sua poltrona scotta. Ma la barra della Fed resta dritta. I tagli arriveranno. Perché da maggio «sono riemerse correnti contrarie» dalle dispute commerciali e dal rallentamento della crescita mondiale. Ma «la Fed è indipendente». Non guarda al breve termine e ai sondaggi. Piuttosto:

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Ecco perché la Fed sta pensando di cambiare tutto sull'inflazione

    «Sono molto preoccupato sull'inflazione. Si è rotto il collegamento tra economia reale e andamento dei prezzi al consumo». Parole forti, quelle pronunciate di recente dal presidente della Fed di St Louis, James Bullard. Parole che alimentano le possibilità che presto la banca centrale degli Stati

    – di Vito Lops

    Trump silura il suo candidato per la Fed Stephen Moore

    NEW YORK - Travolto dalle critiche delle senatrici repubblicane, il giornalista economico e commentatore televisivo conservatore Stephen Moore non è più tra i candidati per una poltrona nel board della Federal Reserve. Il presidente Donald Trump lo ha confermato in un tweet per evitare ulteriori

    – di Riccardo Barlaam

    Le parole a singhiozzo della Banca Centrale Usa

    In un contesto macroeconomico di crescente incertezza, l'unico contributo che una banca centrale può fare è aumentare le certezze, influenzando le aspettative, e lo strumento è uno solo: le parole. La Fed purtroppo parla a singhiozzo, omettendo informazioni rilevanti, oppure offrendone di inutili.

    – di Donato Masciandaro

    La ritirata dei falchi alla Bce

    Se è vero che i falchi della Bce sono diventati più colombe, le spiegazioni possono essere due: è una scelta tattica, dovuta a interessi personali o nazionali di singoli banchieri. L'altra spiegazione può essere: è una decisione strategica, motivata dalla crescente incertezza. In questo caso

    – di Donato Masciandaro

1-10 di 1071 risultati