Ultime notizie:

James Hillman

    Ma se per ipotesi domani muoio, che cosa lascio?

    Caro Diario, è da un po' che questa domanda mi fa compagnia, e che penso di parlartene, però l'argomento è scivoloso assai, basta un nonnulla e si finisce nel triste, nel patetico, o, peggio ancora, nel banale, e per questo non mi decido mai. No amico mio, la cosa non inizia con il Covid-19, comincia con la morte di mio fratello Gaetano, con a ruota quella di nostra madre Fiorentina, tra una cosa e l'altra siamo stati 4 - 5 anni in compagnia della Nera Signora, è stato lì che si è presa la sua s...

    – Vincenzo Moretti

    Cuore tenero o matto da legare?

    Alla scoperta del nostro muscolo involontario, centrale per l'esistenza umana ma anche pulsante di rimandi simbolici, culturali e artistici

    – di Vittorio Lingiardi

    Psiche città aperta

    Nella rubrica al debutto i due terapeuti si impegnano ad accogliere l'invito di James Hillman ad «aprire le finestre dei nostri studi»

    – di Vittorio Lingiardi e Guido Giovanardi

    Luigi, il master Nib e il Rione Sanità

    Caro Diario, giusto una settimana fa sono stato a Salerno, alla bellissima Stazione Marittima progettata dallo studio dell'architetta anglo-irachena Zaha Hadid, per incontrare architette/i e ingegneri che stanno frequentando il Master NIB in Progettazione|BIM & Architettura|Ambiente. Ad accompagnarmi alla scoperta di questo nuovo interessante micromondo è stato Luigi Centola, salernitano per nascita e anche un po' per cultura, architetto per professione e connettore per vocazione, nel senso che ...

    – Vincenzo Moretti

    Dominare e sottomettere? Non è naturale

    Il potere degli uomini sugli uomini, dei maschi sulle femmine, di noi sugli animali, di noi sulle macchine e delle macchine su di noi

    – di Francesca Rigotti

    Antonio che cerca i suoni dell'universo e insegna la felicità alla figlia

    Caro Diario, questa volta le cose che di solito ti racconto all'inizio te le dico alla fine, prima leggi la storia di Antonio Perreca, l'ho incontrato qualche giorno fa a Bacoli al Parco Cerillo e ho deciso che nelle mie storie di #lavorobenfatto una persona così non poteva mancare. Buona lettura. «Caro Vincenzo, penso di dover iniziare dal momento cruciale della mia vita, la nascita di mia figlia Lucienne. Tieni presente che quando scopro che la mia ragazza aspetta una bambina io ho 19 anni ...

    – Vincenzo Moretti

    Alessandro, Besafe Rate e Forrest Gump

    Caro Diario, Alessandro Bartolucci è un'altra delle persone che ho conosciuto a #JMO2019, se ti ho detto che ogni anno è un crogiolo di belle connessioni una ragione c'è. Ha raccontato la sua ultima creatura alla voce idee imprenditoriali, si chiama Besafe Rate. Ora ti devo dire che mentre la sua idea mi è piaciuta subito molto - del resto non devi essere un genio per capire che se uno dice di avere la soluzione per tenere insieme l'esigenza dell'albergatore di vendere camere e non doverle rimbo...

    – Vincenzo Moretti

    Giulio, la bottega e i bisnonni

    Caro Diario, Giulio l'ho conosciuto qualche giorno fa al Camp di Grano, è uno dei partecipanti, ma sì, uno dei campisti arrivati quest'anno per vivere questa straordinaria esperienza di vita, di comunità e di innovazione sociale. ?Stavamo in bottega e ognuno era impegnato a fare quello che doveva fare quando il mio quinto senso e tre quarti - il quinto e mezzo come sai lo possiede solo Dylan Dog - ha cominciato a pizzicare. E' stato precisamente quando Jepis gli ha chiesto se si poteva occupare l...

    – Vincenzo Moretti

    Tutti pazzi per gli insetti

    Perché gli insetti (e i ragni, che non sono insetti) esercitano cotanto fascino sugli scrittori? Le riviste di entomologia sono ricche di articoli sulla presenza degli insetti negli ecosistemi letterari, artistici e nelle tradizioni culturali in genere: è stato calcolato che nel 10% delle poesie di

    – di Gilberto Corbellini

    Anna e una casa sulla collina, tra Scarlino e il mare

    Caro Diario, oggi ti racconto di una donna che appena l'ho vista mi è venuta in mente Josephine Baker. No, no, non perché canta in un coro e come solista studia gli standard jazz di Gershwin, e che ne potevo sapere io, di lei conoscevo solo quello che aveva scritto per il racconto della Maremma del lavoro ben fatto che abbiamo ideato con Robi Veltroni e i Maremmans. No no, la Josephine Baker che dico io è quella citata da James Hillman ne Il Codice dell'anima, quella che definisce vocazione «la ...

    – Vincenzo Moretti

1-10 di 27 risultati