Aziende

Italgas

Italgas è leader in Italia ed è uno dei principali operatori in Europa nella distribuzione del gas naturale. Vanta 180 anni di esperienza ed è la società che ha accompagnato lo sviluppo economico e sociale del Paese favorendone la crescita sostenibile.

La società è quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

Fondata nel 1837 a Torino, come Compagnia di Illuminazione a Gaz per la Città di Torino, nel corso degli anni ha cambiato più volte denominazione, divenendo prima Società Italiana per il Gas e infine Italgas S.p.A.

Nel 1967 la Società passò sotto il controllo di Eni, già allora uno dei più importanti gruppi energetici al mondo. A partire dal 1970 Italgas si rese protagonista del processo di metanizzazione del Paese rafforzando notevolmente la propria presenza anche nel centro-sud.

Nel 2016, nell'ambito di un progetto di riorganizzazione industriale di Snam, Italgas viene separata e quotata in Borsa dopo 13 anni di assenza in conseguenza del delisting operato da Eni nel 2003.

Italgas detiene la partecipazione totalitaria di Italgas Reti, alla quale fanno capo le partecipazioni azionarie nelle Controllate e Collegate. Attraverso le Controllate e Collegate opera in 1.582 Comuni, gestisce una rete che si estende complessivamente per circa 65.000 chilometri con 7,4 milioni di utenze servite.

Le principali partecipazioni azionarie, per numero di utenze servite, riguardano le società Napoletanagas (99,69%), ACAM Gas (100%), Toscana Energia (48%), Metano S. Angelo Lodigiano (50%) e Umbria Distribuzione Gas (45%).

Al 31 dicembre 2018 i ricavi totali della società ammontavano a 1.176,2 milioni di euro, mentre gli utili netti erano pari a 313,7 milioni di euro.

Il Presidente di Italgas dallo scorso aprile 2019 è Alberto Dell'Acqua (l'AD Paolo Gallo è stato confermato).

Ultimo aggiornamento 26 aprile 2019

Ultime notizie su Italgas

    Piazza Affari chiude a -1,1% nel Conte-day, spread cala a 204 punti, sprint Juve

    A Piazza Affari hanno terminato in territorio negativo i titoli bancari sebbene in recupero sul finale grazie al restringimento dello spread. In difficoltà anche i titoli del settore energetico a causa della flessione a New York del prezzo del greggio (-1,7%). Bene il titolo Juventus con i tifosi che sognano di poter affiancare Neymar a Cr7

    – di Paolo Paronetto e Corrado Poggi

    Milano chiude debole in linea con l'Europa, Tenaris paga turbolenze Argentina

    Le Borse del Vecchio Continente, dopo un tentativo di rimbalzo in avvio di contrattazioni, hanno ritracciato chiudendo appena sotto la parità una seduta incolore. Intanto lo spread BTp e bund decennale ha chiuso in lieve calo. Crollano peso argentino e Borsa di Buenos Aires

    – di Flavia Carletti

    Piazza Affari paga la crisi e chiude a -2,5%, lo spread s'impenna oltre 240

    Il Tesoro ha collocato 6,5 miliardi di Bot a un anno con rendimenti in salita allo 0,107%. Anche sul mercato secondario, i rendimenti dei titoli di stato sono tutti in forte rialzo, con quello dei decennali che si è spinto sopra l'1,8% dall'1,5% di ieri . Trump alimenta altri dubbi su negoziato con Cina: giù Wall Street e lo yuan scivola

    – di Eleonora Micheli e Andrea Fontana

    Italgas, la sfida nella tecnologia per aumentare efficienza e ricavi

    Il target, anche con l'intelligenza artificiale, è migliorare l'allocazione degli investimenti e avere margini più alti. Il rischio del rialzo dei tassi: la società ribatte che di fatto l'indebitamento è per quasi il 100% a tasso fisso

    – di Vittorio Carlini

    Borse affossate da nuovi dazi Trump. A Piazza Affari ko St e Cnh, spread a 203

    I nuovi dazi annunciati dal presidente Trump per 300 miliardi di dollari riaccendono le tensioni sui mercati. Le Borse del Vecchio Continente hanno registrato flessioni fino a tre punti percentuali, soprattutto su titoli tecnologici e auto. Il Ftse Mib chiude a -2,4% con vendite su Pirelli e Ferrari. Si salvano solo le utility

    – di Flavia Carletti ed Enrico Miele

    Trimestrali e caos dazi gelano Europa. A Piazza Affari salve Campari e Amplifon

    L'attacco di Trump a Pechino rischia di fare saltare il banco durante i colloqui di Shanghai sul commercio. Intanto, cresce l'attesa per la riunione della Fed: domani potrebbe tagliare i tassi di un quarto di punto. Sull'azionario prosegue la stagione delle trimestrali, a Milano vendite sui bancari e gli industriali. Tra le valute ancora giù la sterlina sui timori di un no-deal per la Brexit. Spread arriva fino a 203 punti e poi chiude a 198

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

1-10 di 364 risultati