Le nostre Firme

Isabella Bufacchi

vicecaporedattore corrispondente dalla Germania |  @isa_bufacchi |  LinkedIn |  i.bufacchi@ilsole24ore.com |

Nata a Roma il 17/11/1961 ma poco romana. Ha vissuto tre anni in Canada, Ottawa, dal 1973 al 1976. Nella senior high school Saint Peters a Ottawa è stata stata nominata Winter Carnival Queen: oltre alla performance accademica e sportiva, suonava bene la chitarra classica e parlava tre lingue a livello di madrelingua (italiano, inglese, francese). Ha vissuto dal 1976 al 1984 a Londra dove ha preso il diploma di maturità americano, tre A Levels e un B.A. alla London School of Economics. A Londra il primo lavoro come giornalista: ha lavorato due anni presso la MENA, Middle East News Agency. Da Londra come freelance ha scritto per il Mondo, Capital e Corriere del Ticino.
Rientrata in Italia ha lavorato a Milano nella redazione di Milano Finanza (dal numero zero) e a Roma per MF (dal numero zero). Ha anche lavorato per Plus e Gentemoney prima di entrare al Sole24ore a Roma come vicecaposervizio, era il 17 novembre 1990. Ha ideato e gestito la nascita di Italy24, il primo quotidiano digitale in lingua inglese sull'Italia edito dal gruppo Sole24ore. Dal gennaio 2018 è corrispondente da Francoforte del Sole24ore. E’ stata commentatrice per la Radio BBC Worldservice e la Radio nazionale irlandese RTE sulla politica italiana. Ha scritto due libri su futures e options. Il suo hobby preferito: scrivere brevi racconti. Ha un figlio, si chiama Ivan.

  • Luogo: Francoforte, Germania
  • Lingue parlate: inglese, francese, tedesco, spagnolo
  • Argomenti: mercato dei capitali, ECB watcher, fixed income e debito, strumenti derivati, Germania
  • Premi: Premio Ischia Internazionale di Giornalismo per l’analisi economica, Premio Q8 per giovani giornalisti economici

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Isabella Bufacchi

    «Pacchetto Draghi»: gli effetti su famiglie, investitori e imprese

    La Bce ha annunciato giovedì 12 settembre un pacchetto di nuove misure di politica monetaria "accomodante" per aiutare l'economia in affanno, per proteggere la debole crescita da perduranti rischi geopolitici, e per far risalire l'inflazione: avrà impatti importanti, diretti e indiretti, su famiglie, investitori e imprese

    – di Isabella Bufacchi

    Bce, i falchi del Nord escono allo scoperto: «Pacchetto Draghi sproporzionato»

    Il QE2, il nuovo programma di acquisti netti di attività della Bce che partirà il prossimo 1 novembre al ritmo di 20 miliardi al mese senza una scadenza, è stato votato dal Consiglio direttivo, ma la misura non convenzionale voluta fortemente dal presidente Mario Draghi non avrebbe ottenuto l'ok da cinque governatori di banche centrale su 19 e da due membri del Comitato esecutivo su sei

    – di Isabella Bufacchi

    Draghi spinge la Germania a sostenere la crescita Ue

    L'appello del presidente della Banca centrale europea ai paesi che «possono permettersi» di spingere l'espansione: «Chi ha spazio di bilancio lo usi, la politica monetaria da sola non è sufficiente»

    – di Isabella Bufacchi

    Bce, guida pratica: la cassetta degli attrezzi di Draghi, le prossime mosse

    Forward guidance, taglio dei tassi, Qe2, misure attenuanti per le banche, ritocco Tltro III: quali sono gli strumenti pronti all'uso sulla scrivania di Mario Draghi e che forma può prendere il nuovo pacchetto di misure di stimolo per allentare ulteriormente la politica monetaria della Bce già "altamente accomondante". Le aspettative del mercato sono molto alte

    – di Isabella Bufacchi

    L'eredità di Draghi a Lagarde: un bazooka pronto all'uso

    Il consiglio direttivo della Bce, e Mario Draghi in procinto di passare la mano a Christine Lagarde, dovranno dimostrare ai mercati di saper dare risposte e di saper trovare soluzioni di fronte alle sfide dell'economia e della finanza globali

    – di Isabella Bufacchi

    Guida pratica al voto in Sassonia e Brandeburgo: Afd e Verdi su, Cdu e Spd giù?

    Sono elezioni di peso quelle che si tengono in Sassonia e Brandeburgo. La chiamata alle urne in questi piccoli Stati, entrambi a bassa popolazione, ha un forte potere segnaletico sia sulle diversità ancora esistenti tra Germania Ovest e Germania Est, sia sulle potenzialità del partito di estrema destra Afd e dei Verdi Bündnis 90/Die Grünen

    – di Isabella Bufacchi

1-10 di 1810 risultati