Aziende

Interpump

Interpump è il maggiore produttore mondiale di pompe a pistoni ad alta pressione, nonché uno dei principali gruppi che operano nel settore dell’oleodinamica a livello mondiale. L’azienda nasce nel 1977 in provincia di Reggio Emilia da un’idea del fondatore Fulvio Montipò con la produzione di pompe a pistoni ad alta pressione.

Grazie al successo dei primi anni di attività, l’azienda cresce e negli anni ’90 comincia ad affacciarsi anche su altri settori dopo l’acquisizione di aziende leader nella produzione di macchine per la pulizia professionale e di motori elettrici. In seguito, nel 1996, Interpump Group S.p.A. viene quotata alla Borsa di Milano e continua l’espansione verso altri settori attraverso l’acquisizione di diverse aziende operanti nel settore oleodinamico, che le permettono di diventare in poco tempo il punto di riferimento e maggiore produttore mondiale di prese di forza. Nel 2005 le aziende del ramo di produzione di macchine per la pulizia industriale e professionale sono state cedute e il gruppo ha adottato una strategia attraverso la quale si punta ad un ulteriore rafforzamento nel settore della produzione di pompe a pressione e oleodinamiche e delle prese di forza.

Nel 2016 l’impero di Montipò, presidente e amministratore delegato, conta 50 stabilimenti nel mondo, 6.000 dipendenti e un fatturato di 900 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Azienda | Produzione | Interpump Group S.p.A. | Borsa Valori |

Ultime notizie su Interpump

    Europa si riaccende dopo il voto Usa. Piazza Affari +1,42% con spread a 290

    Dopo alcune sedute d'attesa, le Borse europee si sono risvegliate (segui qui l'andamento degli indici) sull'onda delle elezioni di Midterm, con il Partito Democratico che ha riconquistato la Camera dei rappresentanti. Le Borse mondiali, infatti, paradossalmente guardano con un certo ottimismo a un

    – di Eleonora Micheli

    L'Orso di Piazza Affari prosciuga lo sconto dell'Ipo Piovan

    Piovan debutta venerdì 19 ottobre sul segmento Star di Piazza Affari. Un'altra matricola che arriva in listino senza essere passata da un collocamento aperto al pubblico, bensì riservato ai soli investitori istituzionali. Il "vantaggio" per il retail è che la società debuttante diventa disponibile

    – di Antonella Olivieri

    Borsa, quelle «mid cap» italiane che resistono e fanno shopping

    «Acquisitore seriale». L'imprenditore, che facendo professione di understatement preferisce l'anonimato, descrive così il suo gruppo. La definizione può sembrare eccessiva. Anche un po' arrogante. Eppure, guardando ai numeri, la realtà è quella. C'è un mondo di medie imprese a Piazza Affari, di cui

    – di Vittorio Carlini

    Interpump, domande & risposte

    Quali le considerazioni dell'analisi tecnica su Interpump?Fase di consolidamento per il titolo Interpump dopo un rally pluriennale. Il titolo ha toccato un massimo in area 30 euro a inizio anno . Da allora si muove all'interno di una range che ha come base il supporto in area 26 euro. Tutti i

    Interpump, dalle acquisizioni il 10% di crescita in più all'anno

    Diversificare. E' tra le parole d'ordine di Interpump. Diversificare sia attraverso l'espansione all'estero che, soprattutto, con la maggiore articolazione dei mercati di applicazione. L'obiettivo? De-correlare il più possibile il business dal ciclo economico. Slegarlo dalla volatilità del Pil.

    – di Vittorio Carlini

    Portafoglio anti-crisi di Mediobanca: puntare su Eni, Prysmian, Leonardo e Autogrill

    Nel quadro di incertezza per la situazione politica italiana, è consigliabile ridurre l'esposizione sui titoli del settore finanziario (non solo banche ma anche risparmio gestito e immobiliare) e puntare invece su un basket di società legate a differenti dinamiche: Eni grazie al supporto dei prezzi

    – di Andrea Fontana

    Alpitour, Tamburi sale al 70% del capitale

    Giovanni Tamburi diventa il padrone di Alpitour. In vista dell'estate, la banca d'affari Tamburi Investment Partners, boutique milanese che ha costruito un invidiabile portafoglio nel Made in Italy (da Moncler a Eataly a Beta Utensili), fa un secondo affondo sullo storico marchio del turismo e sale

    – di Simone Filippetti

    In 15 anni le small cap battono tutti: valore triplicato per l'indice Star

    «Piccolo è bello» era il motto dell'Italia degli Anni '90, quella del NordEst che trainava il paese. Poi, "Piccolo" non è stato più bello: era iniziata l'era dei colossi e delle mega-multinazionali. Adesso, invece, sta a vedere che «Piccolo è (di nuovo) bello»: le Pmi di Piazza Affari sono state

    – di Simone Filippetti

    Perché la guerra dei dazi di Trump danneggia anche gli Stati Uniti

    A Wall Street la guerra commerciale avviata da Donald Trump ha assunto subito i contorni di un boomerang. Per difendere i settori dell'acciaio e dell'alluminio (che negli Stati Uniti producono meno dello 0,5% del Pil) e per tirare un calcio alla Cina (che però nel settore dell'acciaio è solo il

    – di Morya Longo

1-10 di 101 risultati