Ultime notizie:

InItalia

    Quante persone sono state vaccinate nel mondo?

    Israele il 6 gennaio ha già vaccinato il 17% della popolazione che rappresenta il più alto tasso di immunizzazione al mondo. E' quanto risulta dai dati del portale Our World in Data, frutto di una collaborazione con l'Università di Oxford e che misura il numero di persone che hanno ricevuto una prima dose del vaccino Covid. Nello specifico, Israele registra un tasso di 17,14 dosi per 100 abitanti, seguito da Emirati Arabi (8,35) Bahrein (3,49) e Stati Uniti (1,46). L'Italia con oltre 320 mila ...

    – Infodata

    Quante persone sono state vaccinate nel mondo? Il primato mondiale di Israele e quello europeo dell'Italia

    Israele il 6 gennaio ha già vaccinato il 17% della popolazione che rappresenta il più alto tasso di immunizzazione al mondo. E' quanto risulta dai dati del portale Our World in Data, frutto di una collaborazione con l'Università di Oxford e che misura il numero di persone che hanno ricevuto una prima dose del vaccino Covid. Nello specifico, Israele registra un tasso di 17,14 dosi per 100 abitanti, seguito da Emirati Arabi (8,35) Bahrein (3,49) e Stati Uniti (1,46). L'Italia con oltre 320 mila ...

    – Infodata

    Perché abbiamo bisogno dei ribelli (anche) per combattere il Covid-19

    Non ci fanno sentire a nostro agio, li etichettiamo come rompiscatole, tendiamo ad evitarli per non sentire quella spiacevole sensazione di "conflitto" che spesso rischia di minare la nostra autostima: eppure abbiamo terribilmente bisogno di loro, del loro punto di vista "alternativo", del loro dito ostinatamente puntato verso la luna. Abbiamo bisogno di loro anche quando ci ricordano che, nonostante i pomposi vestiti del nostro ego, siamo in realtà vergognosamente nudi, proprio come l'imperator...

    – Emiliano Pecis

    Come il Covid-19 ha aumentato le disuguaglianze tra generazioni

    L'autore di questo post, Nicolò Fraccaroli, è Postdoctoral Research Associate alla Brown University presso il Watson Institute for International and Public Affairs a Providence, Stati Uniti. Ha un dottorato in economia presso l'Università di Roma Tor Vergata e un Master in politica economica europea presso la London School of Economics. Ha lavorato alla Banca centrale europea nel team di affari europei e internazionali e alla Banca d'Inghilterra sulle riforme post-Brexit. - Nel dibattito italia...

    – Econopoly

    Reddito di cittadinanza: davvero al Sud hanno fatto così tante richieste?

    Dopo un mese dall'introduzione ufficiale, sono state presentate 1.016.977 domande di reddito di cittadinanza. Qualche partito politico parla di "flop", a causa delle poche - si sostiene - richieste rispetto al numero di poveri in Italia, e di boom di domande al sud, come prova della domanda di assistenzialismo del Mezzogiorno. In questo articolo cerchiamo di analizzare i dati sul reddito di cittadinanza (RdC) per capire fino a che punto queste preliminari analisi siano corrette, oppure se si tra...

    – Tortuga

    Il progetto di un padre per suo figlio (e gli altri); nel Veneziano la prima clinica Feldenkrais per i bambini (e non solo) con disabilità

    Aiutare il proprio figlio, e dalla propria esperienza imparare ad aiutare altre persone. "Tutto nasce cinque anni fa, quando nasce il nostro Riccardo. Ci sono delle complicazioni, il bambino riporta dei danni. Paralisi cerebrale può significare tante cose diverse: nel nostro caso tetraparesi spastica, significa incapacità di usare gli arti, parlare, alimentarsi da solo. Non ci hanno dato prospettive di miglioramento, a noi sembrava  impossibile". Cinque anni dopo, la determinazione di papà Ch...

    – Barbara Ganz

    In Italia 35 milioni passano due ore al giorno sui social network. Ecco cosa fanno

    Connessi in mobilità, attivi sui social media, convolti nelle conversazioni sulle chat di instant messagging, catturati dai video anche in formati più lunghi rispetto agli snack del passato. E poi sempre più innamorati delle Stories, prevalentemente sul social fotografico di casa Zuckerberg

    – di Giampaolo Colletti

    Vivere con un cane o un gatto aiuta 9 anziani su 10

    Un animale domestico per un anziano è uno stimolo a muoversi, a socializzare, a donare affetto. Che un cane o un gatto migliori la salute fisica e psichica è ben chiaro agli "over 65" che hanno un animale da compagnia: in nove su dieci pensano che vivere con un pet abbia un impatto positivo su salute e umore, riduca la sensazione di solitudine e aumenti la serenità. Con il passaparola, se ne sono accorti anche quelli che il pet non ce l'hanno: 7 su 10 tra loro sono convinti che la propria vita m...

    – Guido Minciotti

1-10 di 102 risultati