Persone

Indro Montanelli

Indro Montanelli è stato un giornalista, da molti considerato il più grande giornalista italiano di sempre. Iniziò la sua carriera sotto il regime fascista, in principio aderendovi ma distanziandosene poco dopo. L'allontanamento dal partito fascista gli costò notevoli difficoltà, tra cui il dover lavorare per un certo periodo all'estero. Durante il regime e poi durante la guerra fu inviato in diversi paesi d'Europa, raccontando diversi fronti della guerra. Ebbe anche un'esperienza negli Stati Uniti che lo influenzò profondamente, portandolo ad adottare uno stile semplice che potesse essere compreso anche dal “lattaio dell'Ohio”. Sul finire della guerra Montanelli passò alla resistenza, fu imprigionato e condannato a morte ma si salvò grazie all'intercessione del cardinale di Milano.

Dopo la guerra inizialmente non poté lavorare al Corriere della Sera per i suoi trascorsi fascisti, ma poi iniziò una collaborazione che continuò fino al 1973. Proprio in quell'anno la proprietà aveva optato per una svolta politica del giornale, con cui Montanelli non era d'accordo e che lo portò a dimettersi. Fino al 1974 collaborò con la Stampa per poi fondare il Giornale. Pochi anni dopo nella compagine societaria del Giornale entròSilvioBerlusconi, consentendo con i propri capitali di proseguire l'attività. La coesistenza tra Berlusconi e Montanelli proseguì senza problemi fino al 1994, anno della discesa in politica di Berlusconi, che chiese al giornale di appoggiarlo. In disaccordo, Montanelli lasciò. Fondò quindi la Voce, in onore di Giuseppe Prezzolini, che però ebbe vita breve, e tornò, quindi, al Corriere della Sera dove lavorò fino alla sua morte. Fu sempre un personaggio integerrimo, tanto da rifiutare la nomina a senatore a vita, affermando che per un giornalista è necessario tenersi a distanza di sicurezza dal potere.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Società dell'informazione | Indro Montanelli | Giornale | Silvio Berlusconi | Giornalista | Giuseppe Prezzolini | Stati Uniti d'America | Partito Fascista Repubblicano |

Ultime notizie su Indro Montanelli

    In ricordo di Stefano Carrer, il Sol Levante nel cuore

    «I giornalisti spiegano agli altri quello che loro stessi non hanno capito». A Indro Montanelli, giornalista principe, era consentito tutto, anche di sbeffeggiare la categoria alla quale apparteneva. Ma naturalmente la norma, per quanto paradossale, non si applicava a tutti. Nel 2001, in

    – di Umberto Vattani*

    CIAO A DON TOM

    Se n'è andato anche Don Tommaso Mastrandrea, l'uomo che ha reso Il Giornalino una delle pubblicazioni più amate dagli italiani, un settimanale ricolmo di grandi fumettisti, quelli che difficilmente avrebbero trovato altrove un palcoscenico sul quale esprimersi al meglio. Con Don Tom un'era si chiude inevitabilmente. Roberto Rinaldi (che ringrazio) gli dedica l'omaggio che gli sottraggo, in apertura di post. Era il 1976 l'anno incui il testimone della direzione del Giornalino era passata in m...

    – Luca Boschi

    Donald for President. Again

    C'è un paese il cui presidente uscente rifiuta la sconfitta elettorale e lancia accuse infondate di brogli contro l'avversario; un presidente che dieci giorni dopo il voto continua a proclamarsi vincitore, rifiuta una transizione pacifica e si è chiuso nel suo palazzo dopo averlo circondato da un muro. A un suo cenno, milizie tribali a lui fedeli, e armate, possono far precipitare il paese nel caos. Comprensibilmente, penserete che questo post sia dedicato a una nazione africana della fascia s...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 244 risultati