Persone

Indro Montanelli

Indro Montanelli è stato un giornalista, da molti considerato il più grande giornalista italiano di sempre. Iniziò la sua carriera sotto il regime fascista, in principio aderendovi ma distanziandosene poco dopo. L'allontanamento dal partito fascista gli costò notevoli difficoltà, tra cui il dover lavorare per un certo periodo all'estero. Durante il regime e poi durante la guerra fu inviato in diversi paesi d'Europa, raccontando diversi fronti della guerra. Ebbe anche un'esperienza negli Stati Uniti che lo influenzò profondamente, portandolo ad adottare uno stile semplice che potesse essere compreso anche dal “lattaio dell'Ohio”. Sul finire della guerra Montanelli passò alla resistenza, fu imprigionato e condannato a morte ma si salvò grazie all'intercessione del cardinale di Milano.

Dopo la guerra inizialmente non poté lavorare al Corriere della Sera per i suoi trascorsi fascisti, ma poi iniziò una collaborazione che continuò fino al 1973. Proprio in quell'anno la proprietà aveva optato per una svolta politica del giornale, con cui Montanelli non era d'accordo e che lo portò a dimettersi. Fino al 1974 collaborò con la Stampa per poi fondare il Giornale. Pochi anni dopo nella compagine societaria del Giornale entròSilvioBerlusconi, consentendo con i propri capitali di proseguire l'attività. La coesistenza tra Berlusconi e Montanelli proseguì senza problemi fino al 1994, anno della discesa in politica di Berlusconi, che chiese al giornale di appoggiarlo. In disaccordo, Montanelli lasciò. Fondò quindi la Voce, in onore di Giuseppe Prezzolini, che però ebbe vita breve, e tornò, quindi, al Corriere della Sera dove lavorò fino alla sua morte. Fu sempre un personaggio integerrimo, tanto da rifiutare la nomina a senatore a vita, affermando che per un giornalista è necessario tenersi a distanza di sicurezza dal potere.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Società dell'informazione | Indro Montanelli | Giornale | Silvio Berlusconi | Giornalista | Giuseppe Prezzolini | Stati Uniti d'America | Partito Fascista Repubblicano |

Ultime notizie su Indro Montanelli

    Spadolini tra cronaca e storia le tante vite di un italiano unico

    Questo libro di Cosimo Ceccuti su Giovanni Spadolini è un libro a sua insaputa. Non si tratta di un gioco di parole e tanto meno di una frase a effetto. Perché le cose stanno così. Un allievo di Ceccuti, Gabriele Paolini, ha pensato di mettere in fila i maggiori contributi di Ceccuti dedicati

    – di Paolo Armaroli

    Omaggio alla Luna per Calici di Stelle

    Numerosi gli eventi dedicati allo sbarco sulla Luna per questa manifestazione che si svolge nelle piazze e nei luoghi più belli di oltre 200 Città del Vino e in centinaia di cantine aderenti al Movimento

    – di Giambattista Marchetto

    Paolo Bricco del Sole 24 Ore tra i vincitori del Premiolino

    Paolo Bricco, inviato speciale del Sole 24 Ore, è tra i vincitori del «Premiolino», uno dei più antichi e prestigiosi riconoscimenti di settore. Bricco è tra i vincitori della 59° edizione per la sua rubrica quindicinale, pubblicata ogni 15 giorni (la domenica) nella pagina di Commenti e nella

    – di Stefano Salis

    Senatori a vita, il limite che esiste già

    E' un prestigioso club nato con la Repubblica che ha tra i propri iscritti politici, giuristi, industriali, scienziati, poeti, musicisti e scultori. Alcuni dei quali premi Nobel. L'albo d'oro del circolo, fondato più di 70 anni fa, è un elenco di 48 nomi: dieci sono entrati come membri di diritto ma

    – di Riccardo Ferrazza

    E la squadra degli eroi sparì dal cielo sopra Torino

    Un indovino gli disse. Anzi, una zingara gli tracciò il destino. Quella donna disse ad Aldo Ballarin, statuario terzino destro del Grande Torino, che sarebbe morto giovane in un incidente aereo. La zingara girovagava nelle vie di una Trieste catapultata nella lotta etnica e politica che si trascinò

    – di Maria Luisa Colledani

    Scaroni: «Dall'Eni al Milan, manager mai sotto padrone»

    «Sono arrivato a Milano da Vicenza a 17 anni per frequentare la Bocconi. Non conoscevo le strade. Quando dovevo andare a San Babila, chiedevo le indicazioni ai passanti. Se, allora, qualcuno mi avesse detto che, tanto tempo dopo, sarei diventato presidente del Milan, lo avrei guardato incredulo».

    – di Paolo Bricco

1-10 di 206 risultati