Persone

Indro Montanelli

Indro Montanelli è stato un giornalista, da molti considerato il più grande giornalista italiano di sempre. Iniziò la sua carriera sotto il regime fascista, in principio aderendovi ma distanziandosene poco dopo. L'allontanamento dal partito fascista gli costò notevoli difficoltà, tra cui il dover lavorare per un certo periodo all'estero. Durante il regime e poi durante la guerra fu inviato in diversi paesi d'Europa, raccontando diversi fronti della guerra. Ebbe anche un'esperienza negli Stati Uniti che lo influenzò profondamente, portandolo ad adottare uno stile semplice che potesse essere compreso anche dal “lattaio dell'Ohio”. Sul finire della guerra Montanelli passò alla resistenza, fu imprigionato e condannato a morte ma si salvò grazie all'intercessione del cardinale di Milano.

Dopo la guerra inizialmente non poté lavorare al Corriere della Sera per i suoi trascorsi fascisti, ma poi iniziò una collaborazione che continuò fino al 1973. Proprio in quell'anno la proprietà aveva optato per una svolta politica del giornale, con cui Montanelli non era d'accordo e che lo portò a dimettersi. Fino al 1974 collaborò con la Stampa per poi fondare il Giornale. Pochi anni dopo nella compagine societaria del Giornale entròSilvioBerlusconi, consentendo con i propri capitali di proseguire l'attività. La coesistenza tra Berlusconi e Montanelli proseguì senza problemi fino al 1994, anno della discesa in politica di Berlusconi, che chiese al giornale di appoggiarlo. In disaccordo, Montanelli lasciò. Fondò quindi la Voce, in onore di Giuseppe Prezzolini, che però ebbe vita breve, e tornò, quindi, al Corriere della Sera dove lavorò fino alla sua morte. Fu sempre un personaggio integerrimo, tanto da rifiutare la nomina a senatore a vita, affermando che per un giornalista è necessario tenersi a distanza di sicurezza dal potere.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Società dell'informazione | Indro Montanelli | Giornale | Silvio Berlusconi | Giornalista | Giuseppe Prezzolini | Stati Uniti d'America | Partito Fascista Repubblicano |

Ultime notizie su Indro Montanelli

    Donald for President. Again

    C'è un paese il cui presidente uscente rifiuta la sconfitta elettorale e lancia accuse infondate di brogli contro l'avversario; un presidente che dieci giorni dopo il voto continua a proclamarsi vincitore, rifiuta una transizione pacifica e si è chiuso nel suo palazzo dopo averlo circondato da un muro. A un suo cenno, milizie tribali a lui fedeli, e armate, possono far precipitare il paese nel caos. Comprensibilmente, penserete che questo post sia dedicato a una nazione africana della fascia s...

    – Ugo Tramballi

    IL MONDO ERA BELLO QUANDO C'ERA CARMELO BENE

    "Carmelo Bene", art by Origa, original pen&ink, 15×15, 2008, 60×60 su tela. Disponibili ancor 3 pezzi. origa.foundation@gmail.com Carmelo Bene, attore, scrittore e regista intelligente, impetuoso e imprevedibile, in assoluto l'unico e autentico genio del teatro del Novecento, è nato l'1 settembre 1937 a Campi Salentina (Lecce). I suoi genitori, Umberto e Amelia Secolo, gestiscono una fabbrica di tabacco. Da bambino è timido e introverso. Sua madre è molto cattolica, così viene obbligato a ...

    – Graziano Origa

    "La rimozione delle statue"

    Più che schierarci tra bisogno di commemorazione agiografica e furore iconoclasta, dovremmo prima di tutto assumerci la responsabilità di essere migliori dei cattivi maestri

    – di Vittorio Lingiardi e Guido Giovanardi

    Il trionfo dell'iconoclastia antirazzista

    Mentre cadono le statue dei colonizzatori "razzisti", si riflette sul potere delle immagini e sulla tutela dei monumenti

    – di Giuditta Giardini

    Da Lincoln a Montanelli, passando per Churchill

    "Non che questo rosso non sia appariscente. Ma è sempre meglio di quel bischero che aveva deciso di pittare d'oro la mia statua. Mi aveva scambiato per un Creso?", avrebbe commentato Indro Montanelli. Sarebbe stato il primo a non dare importanza allo sfregio dell'altra notte a Milano, ai Giardini Montanelli che il Vecchio avrebbe continuato a chiamare col più neutro Giardini Pubblici. Con una grande foto in prima, il Corriere della Sera scrive: "Oltraggio a Montanelli". Sempre meglio del titolo...

    – Ugo Tramballi

    Addio a Gervaso, scrittore colto e ironico, signore degli aforismi

    Roberto Gervaso aveva 82 anni. Giornalista, divulgatore, autore di libri, lascia la moglie Vittoria e la figlia Veronica che su Twitter l'ha ricordato così: "Sei stato il più grande, colto e ironico scrittore che abbia mai conosciuto. E io ho avuto la fortuna di essere tua figlia"

    Milano, Napoli, Roma e Verona prima e dopo il 4 maggio. Le mappe della mobilità

    Il coronavirus ci ha cambiato. Con noi sono cambiate le nostre abitudini. Ci affacciamo all'attesa e temuta Fase 2 con voglia di ripartire e la consapevolezza che tante cose non sono ancora come prima. La mobilità ha subito grandi cambiamenti. Per settimane siamo stati costretti a casa e le nostre città ne hanno risentito. Deserte come non le abbiamo mai viste. Nei luoghi di lavoro ma anche in prossimità dei suoi simboli. Fotografarli con i dati e raccontare quanto le diverse fasi della pandemia...

    – Infodata

1-10 di 227 risultati