Aziende

Ima

Denominata fin dalla sua fondazione nel 1961 con questo acronimo che sta per Industria Macchine Automatiche, Ima S.p.A. è una azienda di Bologna leader mondiale nella costruzione di macchinari automatici per il packaging (imbustaggio e imballaggio) del tè, per la liofilizzazione delle medicine, per il confezionamento di compresse, per l’impacchettamento delle capsule nei tubetti e delle gocce nei flaconi. Quotata alla Borsa di Milano dal 1995 e presente nel segmento Star dal 2001, Ima si è strutturata come una snella multinazionale, con 38 stabilimenti di produzione in Italia, Germania, Francia, Svizzera, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti, India, Malesia, Cina per la quale lavorano circa 5000 dipendenti. Il fatturato consolidato esercizio del 2015 è stato di 1.109,5 milioni di Euro (export: circa 90%).

Dopo l’acquisizione da parte della famiglia Vacchi, nel 1963, del 52% delle azioni, Ima ha iniziato la sua trasformazione in realtà internazionale del business farmaceutico: nel 1976 viene lanciata una macchina per la produzione dei blisters per il confezionamento di medicinali, mentre nel 1982 viene incorporata la Cms, azienda produttrice di macchine astucciatrici per il settore cosmetico e famaceutico. Nel 2003, nell’ottica di una più efficace presenza di I.m.a. S.p.A. sul mercato asiatico, sono state acquisite diverse società cinesi produttrici di macchine automatiche per il settore farmaceutico. Nel 2005 Ima ha concluso un accordo di joint venture con il gruppo spagnolo Telstar nel settore degli impianti di liofilizzazione per l’industria farmaceutica, business che oggi sviluppa circa il 90% dei prodotti biotecnologici (cosmetici e farmaceutici). Nel 2008 è avvenuta l’ultima riorganizzazione del gruppo Ima che ha portato alla nascita di quattro realtà, diversificate in base ai settori di produzione: Ima Flavour Srl (Packaging per tè e caffè), Ima Active Division, Ima Life Srl e Ima Safe Srl (Packaging farmaceutico). L’azienda è pproprietaria di oltre 1.400 tra brevetti e domande di brevetto attivi nel mondo e ha lanciato numerosi nuovi modelli di macchine negli ultimi anni. Oltre 500 dei suoi 5.000 dipendenti sono progettisti impegnati nell'innovazione di prodotto.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Sanità | Macchine automatiche | Packaging | Vacchi | Ima Safe Srl | Ima Life Srl | Ima Flavour Srl | Borsa di Milano | Ima S.p.A. | Cms | I.m.a. S.p.A. | Telstar | Ima Active Division |

Ultime notizie su Ima

    Trivelle. Quanto costa il no. Il rischio arbitrati. E nascono i «caschi gialli»

    Mentre nascono i "caschi gialli", che vogliono protestare a tutela delle risorse nazionali, e si fanno i conti di quanto può costarci la manovra no triv del Governo, nel frattempo comincia al Senato l'iter parlamentare del decreto Semplificazioni nel quale sono attesi tre emendamenti no triv. I

    – di Jacopo Giliberto

    L'università competitiva riparte (anche) dalla didattica

    L'Università italiana cammina sui carboni ardenti e discuterne in chiave costruttiva (come ha fatto questo giornale «Università dimenticata e tutti contro tutti», Il Sole 24Ore 30/11/2018) non è opportuno, è necessario.

    – di Federico Visconti

    Oltre i fuochi

    La terra come polvere di stelle che brillano nel buio più nero. Così saranno il Friuli, ma anche ampie zone del Veneto orientale, nella notte del 5 gennaio. E' la dodicesima notte (dopo il Natale), quella dell'Epifania, che tutte le feste porta via ma con la consolante luce dei falò. La tradizione è

    – di Maria Luisa Colledani

    Gianluca Vacchi e i fondi pronti a mettere in vendita Finvetro

    Gli azionisti di Finvetro, i fondi di private equity e Gianluca Vacchi, valutano il futuro di Finvetro, gruppo con sede nel veronese, fondato nel 1959 e leader di mercato nei settori della produzione e commercializzazione di fari per automotive, oblò per lavatrici, falconeria per profumi, oggettistica per la casa ed in generale nelle produzioni di vetro pressato. Secondo indiscrezioni, subito dopo le festività potrebbe essere scelto un advisor per valutare potenziali compratori. Ma la società, n...

    – Carlo Festa

    Dialogo a distanza per processi smart

    «Ruoti a destra la manopola, proprio quella». Il tecnico segue il suggerimento, problema risolto. Nulla di strano in fondo, a parte la "geografia". Con le indicazioni in arrivo da Imola a materializzarsi in tempo reale a San Paolo sugli smart glass dell'addetto brasiliano, che si vede evidenziare

    – di Luca Orlando

    Il confezionamento sostenibile opportunità per il made in Italy

    «I dati lusinghieri del 2018 non solo superano le nostre aspettative, ma confermano il sorpasso dell'Italia sulla Germania in quanto a leadership nelle tecnologie per il packaging. E le ombre che si vedono all'orizzonte sono legate alle dinamiche complessive della domanda mondiale, non a deficit

    – di Ilaria Vesentini

    L'interesse (smentito) del fondo Elliott per la spagnola Telefónica

    Non c'è solo Pernod Ricard. Il fondo attivista Elliott mette gli occhi sulla compagnia spagnola Telefónica. Sono i media spagnoli che stamattina hanno rilanciato l'indiscrezione inizialmente pubblicata dal sito El Confidencial secondo cui il numero uno di Telefónica, Josè Maria Alvarez Pallete ne

    – di Andrea Biondi

1-10 di 431 risultati