Persone

Ignazio Visco

Ignazio Visco è nato il 21 novembre del 1949 a Napoli ed è un economista italiano. Governatore della Banca d'Italia dal 1° novembre 2011 e riconfermato per un secondo mandato il 27 ottobre 2017.

In quanto Governatore della Banca d'Italia, è anche Presidente del Direttorio integrato dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS), membro del Consiglio direttivo e del Consiglio generale della Banca centrale europea (BCE), del Consiglio generale del Comitato europeo per il rischio sistemico (CERS), del Consiglio di amministrazione della Banca dei regolamenti internazionali (BRI), del Comitato direttivo del Financial Stability Board (FSB), dei Consigli dei governatori della Banca Mondiale, della Banca asiatica di sviluppo (ADB), del Fondo monetario internazionale (FMI) e della Banca interamericana di Sviluppo (IADB); partecipa alle riunioni finanziarie del G7, del G10 e del G20.

Laureatosi nel 1971 in Economia e Commercio alla Sapienza di Roma con il massimo dei voti, viene assunto l’anno successivo in Banca d’Italia ed inviato alla University of Pennsylvania per completare gli studi qui consegue un Master of Arts (1974) e un Ph.D. in Economics (1981).

Tornato in Italia nel 1974, è assegnato al Servizio Studi, di cui diviene Capo nel 1990. Coordina il Gruppo di lavoro per la costruzione del Modello trimestrale dell'economia italiana (1983-86), partecipa allo studio e alla definizione di interventi di politica monetaria e del cambio, rappresenta l'Istituto e ricopre incarichi in organismi nazionali (tra i quali, Istat, CNEL, CNR e Presidenza del Consiglio dei Ministri) e internazionali (OCSE, UE, BRI).

Dal 1997 al 2002 è chief economist e direttore del dipartimento economico dell'Ocse.

Autore di diverse pubblicazioni,è stato co-direttore della rivista Politica economica, membro del Gruppo consultivo per il settore economia della Società Editrice "Il Mulino", del Comitato consultivo della Scuola Normale Superiore di Pisa, del Comitato scientifico della Scuola Superiore di Economia (SSE) di Venezia e presidente del Consiglio scientifico dell'International Center for Monetary and Banking Studies di Ginevra.

E' membro della Società Italiana degli Economisti, della Società Italiana di Statistica, dell'American Economic Association, del Consiglio italiano per le Scienze Sociali e dell'Associazione "Il Mulino".

Ha ricevuto diverse onorificenze: Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (2 giugno 1991), Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (27 dicembre 1993), Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (2 giugno 2002), Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (2 giugno 2007) e Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (25 ottobre 2011).

Ignazio Visco è sposato ed è padre di tre figlie.

Ultimo aggiornamento 27 ottobre 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Ignazio Visco | Repubblica Italiana | Ocse | Consiglio nazionale delle ricerche | Istat | Cnel | Società Italiana di Statistica | Presidenza del Consiglio dei Ministri | International Studies | Global | American Economic Association | Eastern Economic Association | Comitato Economico | Bri | Banca d'Italia | Master | International Center for Monetary | Società Editrice Il Mulino | Mario Draghi | Of Arts | Scuola Superiore di Economia | Supplenti | Quantitative Economics |

Ultime notizie su Ignazio Visco

    Bce, vigilanza bancaria al rinnovo: test a testa Enria-Donnery

    E' una corsa disputata fino all'ultimo miglio quella tra il presidente dell'European banking authority Andrea Enria e il vice-governatore della Banca centrale irlandese Sharon Donnery, che si contendono la poltrona di chair dell'SSM (Single supervisory mechanism) responsabile per la vigilanza

    – di Isabella Bufacchi

    La lezione di Bankitalia al governo. "Prediche inutili"? Speriamo di no

    Nell'intervento di ieri alla giornata mondiale del risparmio il governatore Ignazio Visco ha ribadito quanto sia decisiva la produttività e quanto poco possa fare la spesa pubblica corrente (il cui largo utilizzo non ha mai funzionato negli ultimi... ...poco" (poco dopo Visco scrive peraltro che "le condizioni per fare impresa sono meno favorevoli che nel resto d'Europa").

    – Beniamino Piccone

    Gualteri (Parlamento Europeo): preoccupazione per la manovra

    La delegazione della commissione, presenti tutti i gruppi parlamentari, ha visto per prima la Febaf (Federazione banche e assicurazioni e finanza) guidata da Luigi Abete, presenti Bianca Maria Farina (Ania), Gian Maria Gros-Pietro (IntesaSanPaolo) e Giovanni Sabatini (Abi), e a seguire il vertice della Banca d'Italia, il Governatore Ignazio Visco, e i vice Fabio Panetta e Luigi Federico Signorini.

    – di Carlo Marroni

    Lo spread comincia a pesare sulle tasche degli italiani

    Il governatore Ignazio Visco è stato esplicito: «dalla fine di maggio (da quando cioè lo spread ha iniziato ad aumentare, ndr) il costo che le banche sopportano per raccogliere fondi sotto forma di obbligazioni è più che raddoppiato». ... «Questi andamenti finiscono per incidere negativamente sul costo e sulla disponibilità di credito per famiglie e imprese», ha osservato Visco, che ha proseguito: «ad attenuare finora la trasmissione delle tensioni ai prestiti bancari hanno contribuito la più...

    – di Laura Serafini

    Non scherzate sul rischio sovrano: da Visco idee semplici per tempi difficili

    Ignazio Visco ha ricordato infatti che, nonostante un rallentamento congiunturale più forte che nel resto d'Europa, il debito pubblico italiano è sostenibile e i fondamentali dell'economia sono buoni. ... Visco ha infatti spiegato che a giugno scorso il coefficiente patrimoniale relativo al capitale di migliore qualità delle aziende di credito italiane era risalito al 13,2 per cento. ... Dovrebbe cercare di far valere le proprie ragioni in Europa senza andare allo scontro istituzionale, dice Visco.

    – di Rossella Bocciarelli

    Moscovici: «Non temiamo rischio contagio da spread Italia»

    «No. E comunque noi non commentiamo l'andamento dei mercati». Lo ha detto il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici in conferenza stampa nella sede della rappresentanza Ue in Italia rispondendo a chi chiedeva se ci sia un timore di "rischio contagio", visto anche l'andamento dello

    Lettera Ue all'Italia: nella manovra deviazione senza precedenti. Ecco il testo

    «Deviazione significativa da taglio del deficit strutturale». Il bilancio italiano,si legge nella lettera ricevuta dal ministro dell'Economia Giovanni Tria con cui l'esecutivo Ue chiede chiarimenti ed esprime formalmente i rilievi sul progetto di legge di bilancio, mostra una deviazione «senza

1-10 di 1362 risultati