Aziende

Ibm

International Business Machines Corporation, comunemente conosciuta come Ibm o Big Blue, è la più grande azienda informatica del mondo ed anche una delle più antiche. Con un organico di 400 mila dipendenti circa, la società americana opera nel complesso in 170 Paesi e produce microprocessori, supercomputer, server, software per lo sviluppo e la gestione di infrastrutture informatiche.

Fondata nel 1888 ad Endicott, vicino a New York, l’azienda ha assunto l’attuale ragione sociale nel 1911, per volontà di Thomas J. Watson che ha rilevato l’attività di Hermann Hollerith, l’inventore della scheda perforata. Dopo la quotazione alla Borsa di New York, nel 1927 è stata inaugurata la filiale italiana e nel 1995 è nata la divisione software della società. Nel 2004 Ibm Corporation ha ceduto a Lenovo (azienda leader in Cina e sui mercati asiatici attiva nella produzione di PC, Cellulari, server e periferiche) Pc Global, la parte dell'azienda che produce computer desktop e portatili.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Software | IBM | Big Blue | Hermann Hollerith | Thomas J. Watson | Wall Street | Ibm Corporation | New York | International Business Machines Corporation |

Ultime notizie su Ibm

    Dall'università al Distripark, ecco le mosse per il "Cantiere Taranto"

    Lo stesso Fioramonti aveva presentato P-Tech, ideato da Ibm e avviato con la collaborazione del Politecnico di Bari e dell'assessorato al Diritto allo Studio e al Lavoro della Regione Puglia, che punta a creare un collegamento tra scuola secondaria, università e lavoro per potenziare le competenze digitali.

    – di Manuela Perrone

    Cercate i talenti nella neurodiversità, perché la normalità non rende

    In un mio precedente articolo parlavo dell'importanza della diversità per la società ma soprattutto per le aziende visto il dimostrato ritorno economico di chi la mette in atto: la cultura dell'inclusione, che la diversità pretende, è redditizia anche in termini economici. Avere nel proprio ambiente lavorativo persone di entrambi i sessi, di tutti i gender, di tutte le etnie, di qualsiasi religione, di tutte le età, richiede uno "sforzo" a tutti noi, che ci rende migliori (quindi più performanti...

    – Emiliano Pecis

    Le connessioni della scienza raccontate con 150 anni di articoli di Nature

    https://www.youtube.com/watch?v=GW4s58u8PZo&t=6s Per festeggiare i 150 anni di "Nature" è stata ideata e concepita questa datviz con i dati di tutte le pubblicazioni apparse in 150 anni di storia della rivista scientifica. Qui trovate il tool interattivo. Come ha dichiarato al quotidiano Repubblica uno degli ideatori, l'italiano Mauro Martino, direttore del Visual Ai Lab di Ibm Research e docente della Northeastern University di Boston, è stato scelto come criterio quello di rappresentare le co...

    – Luca Tremolada

    Die Off

    Caro Diario, questo è il racconto - nelle intenzioni transmediale - a più teste e più mani che stiamo realizzando in Aula O quest'anno. Sta cominciando a prendere forma e consistenza, speriamo ne acquisti sempre di più, perciò conviene che abbia uno spazio suo autonomo. In ogni caso, ti consiglio di non perderti il lavoro che ha alle spalle questa storia, lo trovi qui. Buona lettura. DIE OFF di Vincenzo Moretti, Maria D'Ambrosio, Antonino Aversa, Luisa Bevo, Antonio Casaccio, Valeria De Martin...

    – Vincenzo Moretti

    Nature, lo studio della scienza raccontato con 150 anni di articoli

    https://www.youtube.com/watch?v=GW4s58u8PZo&t=6s Per festeggiare i 150 anni di "Nature" è stata ideata e concepita questa datviz con i dati di tutte le pubblicazioni apparse in 150 anni di storia della rivista scientifica. Qui trovate il tool interattivo. Come ha dichiarato al quotidiano Repubblica uno degli ideatori, l'italiano Mauro Martino, direttore del Visual Ai Lab di Ibm Research e docente della Northeastern University di Boston, è stato scelto come criterio quello di rappresentare le co...

    – Luca Tremolada

    Cloud e software à la carte: la customizzazione è in via di estinzione?

    L'autore di questo post è Silvano Joly, country manager di Centric Software Italia, che dal 1995 lavora in aziende high tech seguendo il mercato italiano e del Mediterraneo - Da alcuni anni nell'Information Technology sono in corso 3 nuovi trend, forse rivoluzionari: 1. virtualizzazione dell'hardware, che ora è nel cosiddetto Cloud, 2. uso di programmi applicativi in modalità software as a service, SaaS, cioè "erogati" on line, 3. l'esigenza di usare programmi "out of the box", come li hanno...

    – Econopoly

    Nasce Gaia-X. L'Europa del cloud sfida Amazon, Microsoft e Alibaba

    Il governo tedesco svela il 29 ottobre «Gaia X», una infrastruttura cloud europea pensata per competere con lo strapotere dei colossi tech statunitensi e cinesi. Ma anche la Francia si prepara a lanciare un suo modello in Europa

    – di Alberto Magnani e Luca Tremolada

1-10 di 2070 risultati