Persone

Hugo Chavez

Hugo Rafael Chávez Frías è nato il 28 luglio del 1954 a Sabaneta (Venenzuela) ed è deceduto il 5 marzo del 2013 a Caracas.

Dal 2 febbraio del 1999 all'11 aprile del 2002 e dal 14 aprile 2002 al 5 marzo del 2013, è stato Presidente del Venenzuela.

Dal 14 marzo del 2008 al 5 marzo del 2013 è stato Presidente del Partito Socialista Unito del Venezuela.

Come leader della Rivoluzione Bolívariana ha promosso l’integrazione dell'America Latina e l’anti-imperialismo. Ha inoltre criticato la globalizzazione neoliberista e la politica estera statunitense.

Hugo Chavez si è arruolato nell'Accademia di Arti Militari all'età di 17 anni.

Nel 1983, insieme ai propri compagni, ha fondato il Movimiento Bolivariano MBR-200, dottrina nazionalista di sinistra, ispirata alla filosofia del rivoluzionario venezuelano dell'800 Simon Bolivar ed al pensiero comunista e socialista di Marx e Lenin.

Nel 1991 Chavez è diventato colonnello ed è stato protagonista del colpo di Stato delle forze militari che hanno tentato di rovesciare il presidente Carlos Andres Perez.

Nel 1997 Chavez ha creato il partito Movimento Quinta Repubblica alla guida del quale ha vinto le elezioni presidenziali del 1998. Ha indetto un referendum, primo nella storia del Venezuela, per chiedere al popolo il consenso alla stesura di una nuova costituzione, entrata in vigore nel 1999. Nel 2000 e nel 2006 è stato riconfermato presidente.

In politica interna Hugo Chavez ha lanciato le Missioni Bolívariane, con l'obiettivo di combattere le malattie, l'analfabetismo, la malnutrizione, la povertà ed i mali sociali in genere.

In politica estera, invece Chavez si è mosso contro Washington, sostenendo modelli di sviluppo economico alternativi e chiedendo la cooperazione dei Paesi più poveri del mondo, specialmente di quelli sudamericani.

Nel 2011 si è ammalato di una grave malattia che lo ha condotto alla morte due anni dopo.

Hugo Chavez è stato insignito di diverse onorificienze:

— Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine del Liberatore (Venenzuela);

— Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine di Francisco de Miranda (Venenzuela);

— Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo, 2001);

— Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia, 2008).

Chavez era padre di quattro figli, Rosines, Rosa Virginia, Maria Gabriela ed Hugo Rafael, nati da diverse relazioni.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Hugo Chavez | Francisco de Miranda | Carlos Andres Perez | Partito Socialista | America del Sud | Simon Bolivar | Maria Gabriela | Rosa Virginia | Hugo Rafael Chávez Frías | Bolívariana | Infante Dom Henrique | Rivoluzione | Venenzuela |

Ultime notizie su Hugo Chavez

    Venezuela, Maduro rieletto. Affluenza al 46% e accuse di brogli

    Come previsto, Nicolas Maduro è stato rieletto alla presidenza del Venezuela, ma con un crollo del 33% della partecipazione al voto, col suo principale sfidante che si rifiuta di accettare il risultato e con una serie denunce di irregolarità da parte di candidati e media dell'opposizione.

    – di Roberto Da Rin

    Venezuela, una crisi senza vie d'uscita

    E' un Venezuela in fiamme quello di oggi, di contrapposizioni forti e sanguinarie. Per questo, tra chi non partecipa attivamente alla guerra guerreggiata, si scorge quella rassegnazione che nasce quando, alzando gli occhi al cielo, non si vedono più stelle.

    – di Roberto Da Rin

    Venezuela, il voto della disperazione

    Un po' "dictadura", un po'di "dictablanda". Cosa prevarrà? E' questa la domanda retorica che, con sottile ironia caraibica, ci si pone a Caracas, capitale di un Venezuela irriconoscibile. Chi vincerà alle presidenziali del 20 maggio prossimo? Il comunista, l'ultraliberista o "l'italiano"?

    – di Roberto Da Rin

    Sudamerica, anno elettorale con l'incognita dell'instabilità

    I centomila morti nascosti sotto il sombrero dell'ipocrisia messicana, il narcotraffico. La dictablanda o la dictadura del Venezuela, le due monete a Cuba, nella più inaccettabile delle contraddizioni per un Paese socialista, la tangentopoli che ha squassato il Brasile e sembra non finire mai, una

    – di Roberto Da Rin

    Cuba senza i fratelli Castro: ecco l'era della «governabilità rivoluzionaria»

    Un nuovo inizio, forse. Quello della "governabilità rivoluzionaria", un ossimoro che a Cuba non dispiace. Ancora una volta sarà la storia a giudicare, ripeterebbe il Lider Maximo Fidel. Intanto in "quest'isola dell'oppressioni" o in "quest'isola delle meraviglie", a seconda dei punti di vista, va

    – di Roberto Da Rin

    Il Venezuela lancia la sua criptovaluta: un Petro per un barile di petrolio

    Nicolas Maduro l'aveva preannunciato e ora passa dalle parole ai fatti: il Venezuela lancia oggi la sua criptovaluta, il Petro, una moneta digitale garantita dal petrolio che nei fatti è uno strumento del regime chavista per cercare di aggirare le sanzioni occidentali. L'operazione prevede

    – di Pierangelo Soldavini

    Bitcoin, 700 cripto-entusiasti sulla «crociera della blockchain»

    Sono salpati ricchi, e magari lo sono rimasti anche all'arrivo. Nel frattempo, però, potrebbero aver perso milioni di dollari a causa delle fluttuazioni isteriche del bitcoin, la più celebre delle criptovalute. Lo scorso lunedì è partita da Singapore la «Blockchain cruise», una crociera che ha

    Mosca «allontana» il default del Venezuela

    Maduro non retrocede di un passo. In un lungo discorso davanti all'Assemblea Costituente, il presidente venezuelano è tornato a sfidare l'opposizione interna e la comunità internazionale, e denuncia che il suo governo deve difendersi da attacchi di ogni genere. Annuncia che la Costituente avversata

    – di Roberto Da Rin

    Venezuela, Parlamento occupato dalla Costituente di Maduro

    La controversa Assemblea Costituente promossa dal governo di Nicolas Maduro si è insediata nell'emiciclo del Palazzo Federale Legislativo, dove si svolgevano finora le sessioni dell'Assemblea nazionale, il parlamento unicamerale controllato dall'opposizione. Diverse immagini diffuse sui social

    La grande fuga delle imprese

    Le imprese italiane se ne sono andate dal Venezuela e, per ora, lo considerano un buco nero sulla carta geografica. Eppure la comunità italovenezuelana è numericamente forte e gli interessi, da un punto di vista economico, sono stati cospicui: Astaldi, Salini Impregilo, Enel non sono più presenti

    – Roberto Da Rin

1-10 di 307 risultati