Persone

Hu Jintao

Hu Jintao è un politico cinese, attuale e quarto Segretario Generale del Partito Comunista, Presidente della Repubblica Popolare Cinese e Presidente della Commissione Militare Centrale dello Stato e del partito.

Hu Jintao si è unito al partito Comunista Cinese nel 1964 e l’anno successivo si è laureato in Ingegneria Idraulica. Fino al 1988 è stato Segretario del partito della provincia di Guizhou e poi ha ricoperto la stessa carica nella Regione Autonoma del Tibet. Durante la repressione tibetana nel 1990, Hu Jintao è stato nominato Primo Segretario del Distretto Militare del Partito Comunista in Tibet. Due anni più tardi è tornato a Pechino, dove è stato eletto membro del Politburo, massimo organo decisionale cinese. Nel 1999 è diventato vicepresidente della Repubblica Popolare Cinese e nel 2002 è stato eletto Segretario Generale del Partito Comunista Cinese. Successivamente è diventato Presidente della Repubblica Popolare, dal 2004 è Presidente della Commissione Militare Centrale del Partito e dal 2005 è diventato anche Presidente della Commissione Militare Centrale dello Stato.

Durante il suo mandato Hu Jintao e il primo ministro Wen Jiabao hanno puntato a realizzare una società armoniosa, diminuendo le disuguaglianze e puntando sul benessere, introducendo ad esempio, l'uso del prodotto interno lordo verde. Una delle maggiori crisi che ha dovuto affrontare è lo scoppio dell'epidemia Sars nel 2003. Tra i riconoscimenti ricevuti, Hu Jintao è Membro di I° Classe dell’Ordine di Nishan-e-Pakistan, la più alta onorificenza cavalleresca concessa dal governo del Pakistan.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Partito Comunista | Segretario generale | Pakistan | Cina | Commissione Militare Centrale | Wen Software | Comunista Cinese | Hu Jintao |

Ultime notizie su Hu Jintao

    I «doni» di Pechino per il segretario al Tesoro americano

    La Cina si prepara ad accogliere il segretario al Tesoro americano, Steven Mnuchin, con una gran messe di doni: ultimo arrivato, i dazi dimezzati dall'attuale 25% sulle auto importate, che seguono, a ruota, l'abolizione del tetto alle joint ventures non solo nell'automotive, ma anche

    – di Rita Fatiguso

    Cina, nuova era alla Banca centrale. Le sfide per il prossimo governatore

    Tre lustri di prudente (e astuta) politica monetaria con il marchio del governatore Zhou Xiaochuan peseranno non poco sulle spalle del suo successore alla guida della Banca centrale cinese. Il nome sarà rivelato domani. Zhou ha dominato la scena cinese facendo da collante tra la generazione di

    – di Rita Fatiguso

    La piramide del potere di Xi, presidente «eterno» della Cina

    Al netto dell'incidente di percorso della rivelazione, con una settimana di anticipo, del voto plebiscitario di ieri sulla fine del divieto dei due mandati presidenziali - per questa "leggerezza" i vertici di Xinhua sono stati esautorati - si può dire che ha vinto Xi Jinping ma, prima ancora, che

    – di Rita Fatiguso

    Le molte sfide davanti a Xi

    La Cina ha nuovamente ribaltato le previsioni. Ci si aspettava che il presidente Xi Jinping, capo del Partito comunista cinese, dovesse affrontare il suo test più difficile a ottobre, durante la riunione del Pcc al suo 19esimo Congresso nazionale per scegliere il prossimo presidente. Anche se Xi

    – di Minxin Pei

    Verso una società «moderatamente prospera»

    I Congressi quinquennali del Partito comunista sono quei rari eventi in cui dogmi e rituali si combinano ad autoanalisi e strategia. Il 19esimo Congresso nazionale, che si è tenuto questo mese, non ha fatto eccezione.

    – di Stephen Roach

    Xi Jinping diventa il più potente leader cinese dai tempi di Mao

    Xi Jinping entra ufficialmente nel pantheon dei padri della patria cinesi. Il 19/mo congresso del Partito comunista, al potere nel Paese dai tempi di Meo Zedong, ha infatti approvato una modifica alla carta costituzionale per inserire il nome dell'attuale leader tra i fondamentali ispiratori dei

    – di Redazione Online

    Ma le riforme vanno troppo a rilento

    Perché l'attenzione di mercati e cancellerie si va focalizzando sul 19° congresso del Partito comunista cinese, i cui lavori si apriranno il 18 ottobre? La domanda è politica ma la risposta è economica e riguarda i nuovi indirizzi strategici della seconda economia del mondo. Oltre duemila delegati,

    – di Dario Tosetti e Giovanni Andornino

    Se il manuale Cencelli sostituisce il Libretto rosso

    Nell'autunno 2017 il PCC, il Partito comunista cinese al governo nella Repubblica popolare cinese, terrà il suo diciannovesimo congresso. Malgrado le sue intenzioni e i suoi obiettivi specifici, questo evento quinquennale è l'equivalente cinese di un'elezione americana per la presidenza.

    – di Patrick François, Francesco Trebbi e Kairong Xiao

1-10 di 440 risultati