Persone

Hillary Clinton

Hillary Diane Rodham, coniugata Hillary Rodham Clinton, è nata il 26 ottobre del 1947 a Chicago ed è una politica statunitense. È considerata una delle donne più potenti degli Stati Uniti. Candidata del partito democratico alle elezioni presidenziali statunitensi l'8 novembre 2016 ha perso contro il rivale repubblicano Donald Trump.

Dal 3 gennaio del 2001 al 21 gennaio del 2009, è stata senatrice di New York.

Tra il 21 gennaio del 2009 ed il 31 gennaio del 2013 ha ricoperto il ruolo di 67° Segretario di Stato degli Stati Uniti.

In seguito al matrimonio con Bill Clinton nel 1975, Hillary è divenuta prima first lady dell’Arkansas e, successivamente all’elezione del marito come Presidente americano nel 1993, first lady degli Stati Uniti.

Accanto al marito Bill, Hillary Clinton ha avuto non solo un ruolo di rappresentanza ma anche importanti incarichi di governo. Ad esempio al suo nome rimane legata la tentata riforma del sistema sanitario degli Stati Uniti, portata avanti senza successo tra il 1993 e il 1994.

Hillary Clinton ha ricoperto il ruolo di senatore dello Stato di New York, carica da cui si è dimessa per assumere quella di Segretario di Stato.

Nel 2007 la Clinton ha annunciato la propria candidatura alle presidenziali del 2008, alle quali è stata però sconfitta da Barack Obama. E' stato proprio quest’ultimo a proporle l’incarico di Segretario di Stato.

Hillary Clinton è una delle poche first lady ad avere avuto una propria carriera professionale di successo: è infatti laureata in legge ed è un affermato avvocato.

Ultimo aggiornamento 09 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Hillary Rodham Clinton | Segretario di Stato | Stati Uniti d'America | Barack Obama | Donald Trump | Bill Clinton | Hillary Diane Rodham |

Ultime notizie su Hillary Clinton

    Tik Tok, Trump e i sondaggi per la corsa alla Casa Bianca. Un breve riassunto

    Certo, il meccanismo elettorale americano è complesso: nel 2016 finì 48,2% a 46,1 per la Clinton, ma i grandi elettori premiarono l'attuale presidente. ... Né può essere di conforto per i democratici il confronto con quattro anni fa: al 22 giugno 2016 FiveThirtyEight accreditava Hillary Clinton di un 49,1% nel voto popolare, contro un 42% di Trump.

    – Infodata

    Tik Tok umila Trump? Ma gli americani non votano con i social network

    Certo, il meccanismo elettorale americano è complesso: nel 2016 finì 48,2% a 46,1 per la Clinton, ma i grandi elettori premiarono l'attuale presidente. ... Né può essere di conforto per i democratici il confronto con quattro anni fa: al 22 giugno 2016 FiveThirtyEight accreditava Hillary Clinton di un 49,1% nel voto popolare, contro un 42% di Trump.

    – Riccardo Saporiti

    Kamala Harris, tra Hillary e Beyoncé. Ecco chi è la candidata vice di Biden

    Un profilo a metà strada tra Hillary Clinton e una Beyoncé prestata alla politica, dalla sua elezione al Senato nel 2016 – prima asiatica americana e seconda afroamericana a entrare in Senato – Kamala Harris è emersa come una delle facce nuove del partito democratico accanto alla trentenne Alexandria Ocasio-Cortez, anche se le sue posizioni sono più spostate al centro.

    – di Riccardo Barlaam

    La guerra tra Trump e Twitter è qualcosa che riguarda tutti noi

    Probabilmente il caso più famoso è riferito all'azione di 470 account finti che avrebbero speso centomila dollari per sponsorizzare post in grado di influenzare l'opinione pubblica e convincerla a votare Trump invece di Hillary Clinton.

    – Massimo Canducci

    Trump contro Twitter: ma senza i social avrebbe vinto lo stesso?

    A Twitter e Facebook in particolare, che durante la campagna elettorale per le Presidenziali del 2016, lo hanno visto primeggiare nei confronti dell'avversaria Hillary Clinton. Mentre la maggior parte dei sondaggi davano la Clinton in testa, Trump sfoderava tutta la sua potenza di fuoco sui social, ottenendo interazioni tre o quattro volte più alte rispetto a quelle ottenute dalla candidata democratica. ... Quella contro la Clinton è stata più che altro la vittoria dei suoi spin doctor, gli...

    – di Biagio Simonetta

    La fascinazione bipartisan per la MMT e il sogno della spesa senza vincoli

    La crisi dei subprime del 2008-9 non si sarebbe prodotta senza la creazione delle banche universali americane derivante dalla fine del Glass-Steagal Act, e alla concomitante pratica delle porte girevoli (Robert Rubin, ministro del Tesoro di Clinton... In sostanza, i Dems, storditi dall'inattesa vittoria di Donald Trump su Hillary Clinton (la moglie del Bill di cui sopra), hanno cercato una teoria economica non-mainsteam che permettesse loro: 1) di perseguire l'obiettivo storico dei Democratici...

    – Brunello Rosa

1-10 di 1962 risultati