Persone

Hillary Clinton

Hillary Diane Rodham, coniugata Hillary Rodham Clinton, è nata il 26 ottobre del 1947 a Chicago ed è una politica statunitense. È considerata una delle donne più potenti degli Stati Uniti. Candidata del partito democratico alle elezioni presidenziali statunitensi l'8 novembre 2016 ha perso contro il rivale repubblicano Donald Trump.

Dal 3 gennaio del 2001 al 21 gennaio del 2009, è stata senatrice di New York.

Tra il 21 gennaio del 2009 ed il 31 gennaio del 2013 ha ricoperto il ruolo di 67° Segretario di Stato degli Stati Uniti.

In seguito al matrimonio con Bill Clinton nel 1975, Hillary è divenuta prima first lady dell’Arkansas e, successivamente all’elezione del marito come Presidente americano nel 1993, first lady degli Stati Uniti.

Accanto al marito Bill, Hillary Clinton ha avuto non solo un ruolo di rappresentanza ma anche importanti incarichi di governo. Ad esempio al suo nome rimane legata la tentata riforma del sistema sanitario degli Stati Uniti, portata avanti senza successo tra il 1993 e il 1994.

Hillary Clinton ha ricoperto il ruolo di senatore dello Stato di New York, carica da cui si è dimessa per assumere quella di Segretario di Stato.

Nel 2007 la Clinton ha annunciato la propria candidatura alle presidenziali del 2008, alle quali è stata però sconfitta da Barack Obama. E' stato proprio quest’ultimo a proporle l’incarico di Segretario di Stato.

Hillary Clinton è una delle poche first lady ad avere avuto una propria carriera professionale di successo: è infatti laureata in legge ed è un affermato avvocato.

Ultimo aggiornamento 09 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Hillary Rodham Clinton | Segretario di Stato | Stati Uniti d'America | Barack Obama | Donald Trump | Bill Clinton | Hillary Diane Rodham |

Ultime notizie su Hillary Clinton

    Barack Obama, conferenziere da 400mila dollari a intervento

    L'ex presidente americano fa tour nelle aziende, si dedica alla sua fondazione per far crescere nuovi leader e sta scrivendo la biografia, per la quale ha già ricevuto (insieme alla moglie Michelle) 65 milioni di dollari da Penguim Random House

    – dal nostro inviato Luca Salvioli

    Pity the Nation - L'America e l'impeachment

    Per chi continua ad avere una certa considerazione per gli Stati Uniti, è triste leggere i resoconti delle udienze in Campidoglio sull'impeachment a Donald Trump. Ma è ancora più deprimente assistere da qui, a Washington: con le prime pagine cartacee e online piene della spazzatura che ogni giorno esce dalla Casa Bianca; con tutti i network televisivi "live" per ore sui volti dei deputati della Commissione per l'Intelligence incaricata dell'inchiesta, e quelli dei testimoni, molti dei quali inti...

    – Ugo Tramballi

    La Camera approva l'inchiesta per l'impeachment di Trump

    I deputati americani hanno approvato una risoluzione che formalizza le procedure per continuare l'inchiesta di messa in stato accusa del presidente americano per l'Ucrainagate

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Dal disimpegno Usa un lungo elenco di vincitori e vinti

    Quella che con una certa presunzione due segretari di Stato - Madeleine Albright e Hillary Clinton - avevano chiamato «nazione indispensabile» se ne va dalla Siria. Forse, forse no, magari sì ma non del tutto: sommando i tweet degli ultimi giorni è francamente difficile capire cosa abbia deciso

    – di Ugo Tramballi

    Russiagate: da Barr alla Link University, tutti i nodi che dovrà chiarire Conte

    Il presidente Usa Donald Trump sostiene che servizi occidentali deviati avrebbero brigato per far emergere il sostegno dei russi alla campagna per l'elezione del presidente repubblicano. Tra le intelligence in ballo ci sarebbe anche quella italiana, all'epoca sotto la guida di governi vicini all'amministrazione democratica, Obama e Hillary Clinton. Lo scontro tra Conte e Renzi

    – di Marco Ludovico

    «Devi farmi un favore». La telefonata che inguaia Trump

    Il presidente americano durante la conversazione con il presidente ucraino per otto volte chiede di poter collaborare per indagare per corruzione il figlio di Biden

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Trump chiese al presidente ucraino di indagare su Biden. Una telefonata incastra "The Donald"

    Il giorno è il 25 luglio. Dalla conversazione emerge che il presidente americano in quell'occasione offre al leader di un paese straniero l'assistenza a investigare sulla società nella quale è seduto nel board Hunter Biden, il figlio di John Biden, candidato democratico per le prossime presidenziali ed ex vice di Obama

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

1-10 di 1936 risultati