Persone

Helmut Schmidt

Helmut Heinrich Waldemar Schmidt è nato il 23 dicembre del 1918 ad Amburgo ed è deceduto, sempre ad Amburgo, il 10 novembre del 2015.

E' stato un politico e funzionario tedesco, Cancelliere della Repubblica Federale Tedesca dal 6 maggio del 1974 al 1º ottobre 1982.

Figlio di due insegnanti, nel 1937 ha conseguito il diploma di scuola media superiore.

Ha preso parte nelle forze armate alla seconda guerra mondiale.

Membro dal 1946 del Partito Socialdemocratico di Germania, e poi presidente della Lega degli studenti socialisti tra il 1947 e il 1948, nel 1949 si è laureato in economia.

Nel 1958 è diventato dirigente dell'SPD e tra il 1968 ed il 1984 ne è stato vicepresidente federale.

Dall'ottobre del 1953 al gennaio del 1962 e dall'ottobre del 1965 al febbraio del 1987, è stato membro del Bundestag per Amburgo .

Dal 22 ottobre del 1969 al 7 luglio del 1972, è stato Ministro della difesa della Germania sotto la presidenza di Willy Brandt.

Sempre nel governo Brandt è stato Ministro per l'economia (dal 7 luglio al 15 dicembre del 1972) e Ministro delle finanze della Germania (dal 7 luglio del 1972 al 16 maggio del 1974).

Nel 1974 è successo, in qualità di Cancelliere, a Willy Brandt per essere poi riconfermato dal 1980 al 1982, quando il governo Schmindt sfiduciato cadde per essere sostituito dal governo democristiano liberale guidato da Helmut Kohl.

Schmidt è stato insignito nel 2000 dell'onorificienza di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Renania Settentrionale-Vestfalia.

E' stato sposato fin dal 1942 con Hannelore Glaser (scomparsa nel 2010) ed era padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Scuola e Università | Helmut Heinrich Waldemar Schmidt | Willy Brandt | Amburgo | Helmut Kohl | Forze Armate | Hannelore Glaser | Sozialdemokratische Partei Deutschlands |

Ultime notizie su Helmut Schmidt

    Quando Bankitalia sfidò il partito unico del debito pubblico

    Ancora contenuta al 38,9% del Pil sino al 1970, da allora la spesa pubblica aveva cominciato a prendere il volo, in coincidenza con il terzo governo Rumor, a seguito di un uso politico smodato del deficit quale leva per l'acquisizione di consenso. Una specie di "keynesismo all'italiana", poiché si

    – di Valerio Castronovo

    Giscard, l'europeista che sottovalutò il fantasma dell'idraulico polacco

    Valéry Giscard d'Estaing, presidente della Repubblica francese dal 1974 al 1981, scomparso all'età di 94 anni, ha lasciato un segno indelebile nella storia della Quinta Repubblica e della costruzione europea. Ma chi era davvero Valery Giscard d'Estaing? Lo statista che inventò il motore franco-tedesco nella piccola Europa dei sei paesi fondatori con l'Italia e il Benelux. Oggi sembra prassi normale che i due paesi siano considerati il motore dell'Unione a 27, ma allora c'era ancora molta diffide...

    – Vittorio Da Rold

    Riassumendo, chiudere le industrie per fermare populismi e radicalismi?

    Ilva, Mose, cambiamenti climatici, muro di Berlino, progetto Nightingale di Google? immaginare un futuro alla Blade Runner made in Italy non viene difficile. 2040: siete seduti sul vostro divano, l'automazione ha liberato tanto lavoro e l'energia è gratis o quasi? anche voi (le vostre informazioni) siete gratis o quasi. Le industrie sono state delocalizzate/automatizzate. Fuori c'è aria rarefatta e pulita. Ma tutto ciò è reale? In questa dinamica di smaterializzazione industriale e "del lavoro"...

    – Raffaele Perfetto

    L'Italia e il G7, una storia che viene da lontano tra crisi e presidenti dimissionari

    Era dimissionario anche Aldo Moro al vertice di Portorico del '76. Poi il primo G7 a presidenza italiana dell'80 a Venezia (anno del Dc 9 Itavia e della strage di Bologna) con Francesco Cossiga presidente del Consiglio prima del regime change dell'anno successivo con il primo repubblicano a Palazzo Chigi, Giovanni Spadolini dopo lo scandalo P2

    – dal nostro inviato Gerardo Pelosi

    L'enciclopedia della vita di Andreas Gursky

    La Hayward Gallery festeggia i suoi cinquant'anni sulla South Bank londinese con una grande retrospettiva dedicata al fotografo tedesco Andreas Gursky. Gli ampi spazi della galleria, che riapre con questa mostra dopo due anni di lavori di ristrutturazione, sono perfetti per le monumentali immagini

    – di Nicol Degli Innocenti

    La Merkel, le coalizioni e i fantasmi di Weimar

    I sondaggi pubblici erano così tranquillizzanti da sembrare inutili. Tutte le maggiori società di rilevazione delle intenzioni di voto indicavano per la Cdu della cancelliera Angela Markel un risultato del 36-37% e per il suo sfidante socialdemocratico Martin Schulz un deludente ma sopportabile

    – di Carlo Bastasin

    Il surplus tedesco, il bene dell'Europa e quello di Berlino

    L'enorme e persistente surplus delle partite correnti della bilancia dei pagamenti della Germania non è stato menzionato nel recente dibattito elettorale tra la cancelliera Angela Merkel e Martin Schulz del Partito socialdemocratico. Tale assenza non ha probabilmente turbato i tedeschi, ma per

    – di Fabrizio Coricelli

1-10 di 123 risultati