Persone

Helmut Kohl

Helmut Josef Michael Kohl è stato un politico tedesco, cancelliere prima della Germania Occidentale e poi della Germania Unita. Inoltre è stato leader del partito dell'Unione Cristiano-Democratica.

Tra il 1950-1958 Helmut Kohl ha studiato Giurisprudenza, Scienze politiche e Storia all‘Università di Francoforte e di Heidelberg. Nel 1967 è entrato nel Cdu. Nel 1958 ha conseguito il dottorato in Storia. Dal 1969 al 1976 Helmut Kohl è stato nominato Ministerpräsident della Renania-Palatinato, diventando in seguito membro del Parlamento federale come leader dell'opposizione cristiano-democratica. Nel 1976 ha corso alle federali per la carica di Cancelliere, ma le elezioni sono state vinte dal Partito Socialdemocratico Tedesco. Il 1° ottobre 1982 Helmut Kohl ha preso il posto di Helmut Schmidt come Cancelliere della Germania Occidentale e dal 1990 della Germania Unita. É rimasto in carica fino al 1998, quando gli è succeduto Gerhard Schröder.

Il 16 giugno 2017 il cancelliere della riunificazione della Germania è morto dopo una lunga malattia a Ludwigshafen, la città dove era nato 87 anni fa. Kohl è stato sposato con Hannelore Renner (deceduta nel 2001) dalla quale ha avuto due figli.

Ultimo aggiornamento 18 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Germania occidentale | Helmut Josef Michael Kohl | Unione cristiano-democratica | Gerhard Schröder | CDU | Helmut Schmidt | Hannelore Renner |

Ultime notizie su Helmut Kohl

    Molti errori ma il futuro è l'Europa

    Vent'anni è un periodo di tempo troppo breve per commentare la storia di un grande evento ma è anche un periodo troppo lungo per ricordarne tutti gli aspetti più significativi.

    – di Romano Prodi

    Pranzo di Natale a domicilio

    Anche quest'anno la maggior parte degli italiani passerà il Natale a casa, destinando alle festività una spesa media di 541 euro a famiglia. Della cifra totale - secondo la 21esima edizione della Deloitte Christmas Survey che ha indagato le previsioni di consumo dei cittadini di 10 Paesi europei -

    – di Maria Teresa Manuelli

    L'Europa trent'anni (quasi) dopo la caduta del Muro di Berlino

    Sono quasi passati trent'anni dalla caduta del Muro di Berlino. Il 9 novembre 1989 fu un errore del portavoce del Partito socialista unificato, Guenther Schabowski, ad accelerare il crollo. «Con effetto immediato» disse il funzionario riferendosi ai permessi di viaggio all'estero concessi ai

    – di Paolo Peluffo

    A 28 anni dall'unità Germania ancora divisa dall'economia

    I festeggiamenti del giorno dell'unità si sono svolti ieri a Berlino, città simbolo della divisione in due del Paese; capitale situata in quell'Est tedesco dove ventotto anni dopo la riunificazione i salari reali non hanno ancora raggiunto i livelli occidentali, essendo pari all'82 per cento di

    – di Roberta Miraglia

    Orban e gli altri, l'internazionale sovranista che vuole scalare il Ppe

    STRASBURGO - «Noi nel Partito popolare europeo? Valuteremo dopo le elezioni». Quando gli hanno posto la domanda, alla conferenza stampa sul suo discorso di mercoledì alla plenaria di Strasburgo, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki non è sembrato imbarazzato. Forse perché aveva a fianco il

    – di Alberto Magnani

    Da Orbán a Salvini, l'internazionale populista che frantuma il cuore dell'Europa

    Franz-Josef Strauss, storico ministro della Unione cristiano-sociale bavarese (Csu), aveva le idee abbastanza chiare sulla collocazione del suo partito: «Rechts von mir ist nur noch die Wand», alla nostra destra c'è solo il muro. Oggi è crollato quello che divideva le due Germanie, ma se ne sta

    – di Alberto Magnani

    Der Spiegel, quella passione anti-italiana

    E' un attacco molto duro ma in fondo in linea con una tradizione giornalistica combattiva quello scagliato dal tedesco Der Spiegel contro l'Italia, accusata di essere "scroccona" (schnorrer) ai danni degli altri membri dell'Unione europea. Parole che arrivano dopo giorni di trattative tra Lega e

    – di Riccardo Ferrazza

    La gara a essere amici di Trump

    Sarebbe meglio non accadesse ma se in casa, dentro la casa europea, Emmanuel Macron e Angela Merkel si scambiano sgambetti e colpi bassi con sorrisi d'ordinanza sulle labbra non stupisce più di tanto, per molti versi rientra in una consumata tradizione. Spesso da drammatizzare.

    – di Adriana Cerretelli

1-10 di 306 risultati