Persone

Helmut Kohl

Helmut Josef Michael Kohl è stato un politico tedesco, cancelliere prima della Germania Occidentale e poi della Germania Unita. Inoltre è stato leader del partito dell'Unione Cristiano-Democratica.

Tra il 1950-1958 Helmut Kohl ha studiato Giurisprudenza, Scienze politiche e Storia all‘Università di Francoforte e di Heidelberg. Nel 1967 è entrato nel Cdu. Nel 1958 ha conseguito il dottorato in Storia. Dal 1969 al 1976 Helmut Kohl è stato nominato Ministerpräsident della Renania-Palatinato, diventando in seguito membro del Parlamento federale come leader dell'opposizione cristiano-democratica. Nel 1976 ha corso alle federali per la carica di Cancelliere, ma le elezioni sono state vinte dal Partito Socialdemocratico Tedesco. Il 1° ottobre 1982 Helmut Kohl ha preso il posto di Helmut Schmidt come Cancelliere della Germania Occidentale e dal 1990 della Germania Unita. É rimasto in carica fino al 1998, quando gli è succeduto Gerhard Schröder.

Il 16 giugno 2017 il cancelliere della riunificazione della Germania è morto dopo una lunga malattia a Ludwigshafen, la città dove era nato 87 anni fa. Kohl è stato sposato con Hannelore Renner (deceduta nel 2001) dalla quale ha avuto due figli.

Ultimo aggiornamento 18 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Germania occidentale | Helmut Josef Michael Kohl | Unione cristiano-democratica | Gerhard Schröder | CDU | Helmut Schmidt | Hannelore Renner |

Ultime notizie su Helmut Kohl

    Dopo la (troppa?) stabilità della Merkel, la Germania deve scommettere sul futuro

    Nel 2022, la Germania dovrà adattarsi al fatto di essere governata da un nuovo cancelliere, il primo dopo oltre sedici anni. Ma questo non significa che l'era di Angela Merkel sia conclusa. I tedeschi, e gli europei, dovranno convivere con la sua eredità, e sebbene l'ex cancelliera sia stata quasi

    – di Helmut K. Anheier e Edward L. Knudsen

    Grande Madre Russia

    Era dai tempi della glasnost gorbacioviana che in Europa non si vedeva un tale vortice diplomatico: prima Russia-Stati Uniti a Ginevra; poi Russia-Nato (30 paesi) a Bruxelles; infine a Vienna Russia-Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, l'Osce (56 paesi dal Canada al Kazakhstan) in meno di una settimana. Tutto lascia credere, e bisogna sperarlo, che il confronto riprenderà in qualche modo anche nella prossima. Non vi sarà sfuggito che gli interlocutori sono tanti ma dall'...

    – Ugo Tramballi

    Prodi, strana vita di un Professore prestato alla politica

    A Bologna, la sua città, da sempre tutti lo chiamano semplicemente "Professore". Ma nella biografia politica di Romano Prodi troviamo molto altro. Scrive Marco Ascione nell'introduzione al libro-intervista con Romano Prodi Strana vita, la mia, pubblicato da Solferino, che in effetti il cursus

    – di Dino Pesole

    La Germania e l'Europa dopo Merkel? Serve un'altra Merkel, ma visionaria

    Dopo 16 anni la leader tedesca ed europea abbandona la scena politica. E' stata decisiva nel mantenere la coesione e l'unità del progetto europeo: un risultato che, considerati i tempi difficili e le molteplici crisi che si sono succedute durante il suo cancellierato, non era scontato

    – di Attilio Geroni

    L'11 settembre e le sfide aperte per l'Europa

    Con l'11 settembre di vent'anni fa, siamo entrati in una fase che Richard Haas ha definito il «dopo-dopo-guerra fredda». Il dopo-guerra fredda, con l'America come unica potenza mondiale, era durato poco, appena un decennio. L'11 settembre ha spinto l'America a dissanguarsi in guerre che non poteva

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 332 risultati