Gustavo Piga è un economista e professore universitario. Insegna economia politica all’Università di Roma Tor Vergata.

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 12 agosto 2019
    Mentre gli Usa difendono le Pmi, l’Europa che fa?

    Commenti

    Mentre gli Usa difendono le Pmi, l’Europa che fa?

    Negli Stati Uniti hanno capito che proteggere le piccole imprese crea più concorrenza

  • 13 giugno 2019
    Per avere più autonomia fiscale deve salire la qualità della spesa

    Commenti e Idee

    Per avere più autonomia fiscale deve salire la qualità della spesa

    All’ultimo Festival dell’economia di Trento Lars Feld, membro del Consiglio tedesco degli esperti economici, si è espresso così a riguardo della posizione italiana: «Se l’Italia non abbandona parte della sua sovranità fiscale, non potrà mai ottenere la solidarietà che desidera».

  • 28 marzo 2019
    La terza via che porta alla crescita

    Commenti e Idee

    La terza via che porta alla crescita

    Il Rapporto di previsione del Centro Studi di Confindustria ha il pregio di mettere il Paese di fronte ad un trivio: due opzioni chiarissime che portano dirette al precipizio ed una alla salvezza, dell’Italia e dunque dell’Europa. Anche se la ingiustificata presenza di Juncker, Presidente della

  • 05 marzo 2019
    Se il rispetto delle clausole Iva deprime gli investimenti pubblici

    Commenti e Idee

    Se il rispetto delle clausole Iva deprime gli investimenti pubblici

    Le clausole di salvaguardia che prevedono un aumento dell’Iva nel caso in cui non siano raggiunti gli obiettivi di finanza pubblica negoziati con Bruxelles sono senza dubbio responsabili della perdurante crisi dell’economia italiana. Ma come è possibile che possano causare tanto nocumento, senza

  • 13 febbraio 2019
    La madre di tutte le riforme? Spendere bene

    Commenti e Idee

    La madre di tutte le riforme? Spendere bene

    Nella nota congiunturale dell’Ufficio parlamentare di bilancio spicca una tabella che riassume le condizioni attuali al ribasso della congiuntura mondiale. A fronte di una crescita 2019 del 3,5%, sempre trainata dai Paesi emergenti (+4,5%), sono i Paesi avanzati a segnare, come da decenni a questa