Ultime notizie:

Guido Vitiello

    La parodia ci salverà

    Poche cose sono illuminanti come una parodia ben fatta. Sentite per esempio questo finto Flaiano, rifatto dal console Paolo Vita-Finzi nella sua Antologia apocrifa, un libro del 1978 che Quodlibet ripubblica a cura di Matteo Marchesini: B. non è venuto al cocktail che avevo organizzato in suo

    – di Guido Vitiello

    Non moriremo cattocomunisti

    Se è vero che la politica crea strani compagni di letto, la Prima Repubblica si può considerare un ménage à trois protratto per mezzo secolo. Sotto le coperte dell'arco costituzionale, democristiani, comunisti e partiti laico-socialisti erano costretti a congiungersi componendo le figure più

    – Guido Vitiello

    Non si può tornare indietro

    In libreria l'antologia che celebra IL, i suoi autori, il racconto della contemporaneità e le cronache brillanti dall'Italia che cambia, Questo non è un libro, sono tre libri. Il primo è un'antologia degli autori che hanno collaborato con la nostra rivista. Il secondo è una celebrazione di un

    – Christian Rocca

    L'UOVO DI NAPOLI

    Passi per l'Iraq e per l'Afghanistan, ma è possibile esportare la democrazia a Napoli? Chissà se questa domanda, in sé piuttosto demenziale, sfiorerà la mente di qualche lettore nel vedere associato il nome di Michael A. Ledeen, uno di quei neocon su cui la stampa italiana ha intessuto per anni una

    – Guido Vitiello

    Apocalittici e cassintegrati

    Vite (e copertine) parallele. Guido Morselli raccoglie in una cartellina azzurra le lettere di accompagnamento ai suoi manoscritti e i sistematici rifiuti degli editori. Stanco, tra le altre cose, di questo ostinato diniego, nel 1973 si tira un colpo di pistola. Antonio Moresco cataloga lui pure i

    – Guido Vitiello

    Il Grande Romanzo Americano (e la caricatura nostrana)

    C'è una fotografia del 2006, scattata a Capri durante il festival Le Conversazioni, che è tipo la Leopolda della letteratura angloamericana. A destra e a sinistra dei due ideatori della manifestazione, Antonio Monda e Davide Azzolini, ci sono cinque giovani scrittori, rappresentanti di una nuova

    – Christian Rocca

    NON POTEVO PARLARE

    Piccolo quiz. «Ho deciso che è arrivato il momento di dire basta. Il momento di smetterla di tacere. Dopo tutto quello che ho visto, dopo tutto quello che ho sentito, ho preso una decisione: mollare? L'ho fatto perché continuare così non era più possibile. L'ho fatto per essere libero di parlare?».

    – Guido Vitiello

    SIONISMO VISCERALE

    Passatemi il linguaggio da macellaio, ma qui bisogna sviscerare la questione delle viscere. Davanti al labirinto del mondo moderno, diceva Italo Calvino, lo scrittore può essere razionalista (e disegnarne una mappa) o viscerale (e tuffarcisi a capofitto, corpo e mente). Il viscerale per eccellenza

    – Guido Vitiello

    Hotel Gramsci

    Suonano alla porta, accosto l'occhio allo spioncino. Non aspetto nessuno, quindi si tratta di individuare la tipologia di seccatore. Le varianti principali sono due: 1) Studente trasandato, ma non per vezzo come quelli del Dams, piuttosto uno che pare sbucato dall'Università di Pietroburgo del

    – Guido Vitiello

    Divisi in famiglia

    «I Tories mi chiamano Whig, e i Whigs Tory». L'antico verso di Alexander Pope sembra scritto per consolare quegli infelici che, in Italia, si ostinano a definirsi liberali di sinistra. Oggi, le cose sono più facili, ma per tutto l'arco della Prima Repubblica i rampolli di questa strana famiglia -

    – Guido Vitiello

1-10 di 48 risultati