Aziende

Google

Il nome del sito più visitato del mondo è nato da un numero, googol, coniato nel 1938 dal matematico americano Edward Kasner: indica il numero 1 seguito da cento zeri. Grandezza che ai fondatori del motore di ricerca, Larry Page e Sergey Brin, sembrò indicare bene la vastità del web. Un dominio con quel nome però era già stato assegnato, così ripiegarono su google: che ormai in inglese è anche diventato un verbo, to google, fare una ricerca sul web.

Google fa parte della struttura societaria Alphabet creata da Page e Brin nel 2015.

Google è tra le società con il marchio di maggiore valore al mondo (classifica Brand Finance Global 2017) e con Alphabet ha raggiunto una capitalizzazione di Borsa che ha superato i 600 miliardi di dollari (seconda al mondo dopo Apple).

Ultimo aggiornamento 16 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Internet | Edward Kasner | Larry Page | Sergey Brin |

Ultime notizie su Google

    Le app indispensabili per sopravvivere in casa alla quarantena

    Aperitivi, ginnastica e giochi. Se anche prima del coronavirus passavate troppo dentro con gli occhi incollati a uno schermo, ora che siete costretti a casa non avete più scusa. Una guida per sopravvivere.

    – di Luca Tremolada

    Rete tlc e regole sull'App per i contagiati: pieni poteri ad Agcom e Privacy

    Contribuirà, ad esempio, all'analisi di strumenti per la progettazione di politiche basate sui dati e sull'evidenza informativa, sfruttando tecnologie innovative per la raccolta e l'interpretazione dei big data, attingendo anche al patrimonio di Facebook, Twitter, Google e di sistemi basati sull'intelligenza artificiale.

    – di Carmine Fotina

    Google Hangouts, non è diffamazione l'insulto sulla chat vocale

    Non scatta il reato di diffamazione per chi insulta qualcuno utilizzando la piattaforma vocale di Google Hangouts, ma può essere contestata solo l'ingiuria: un reato ormai depenalizzato. ... L'uomo si era lasciato andare ad espressioni colorite alla presenza di più persone "invitate" su Google Hangouts.

    – di Patrizia Maciocchi

    Per la tedesca N26 ora anche l'iban italiano. Ecco che cosa cambia

    Restano valide tutte le funzionalità già attive per i conti con IBAN tedesco come le notifiche per ogni transazione effettuata; la possibilità di pagare tramite Apple Pay e Google Pay sia online che offline; la ricarica del conto tramite carta, bonifico istantaneo o il servizio Cash26 presso i 588 supermercati Pam Panorama e Penny Market sul territorio nazionale; l'utilizzo della carta per pagamenti online in piena sicurezza; l'utilizzo di Spaces e Shared Spaces per risparmiare e condividere...

    – di Lucilla Incorvati

    Tracciare i contagiati tutelando la privacy è possibile. Grazie al bluetooth

    QuestoID e il token rilasciato da Google o Apple (a seconda del modello di smartphone) sono collegati nei nostri server», spiega Luca Mastrostefano, responsabile tecnico del progetto. ... Per la precisione, «durante la prima installazione mandiamo questo token Google o Apple ai nostri server che rispondono all'app con l'ID anonimo che da quel momento in poi l'utente trasmetterà tramite Bluetooth LE».

    – di Alessandro Longo

1-10 di 12945 risultati