Aziende

Goldman Sachs

Considerata la più grande e importante banca d’affari al mondo, Goldman Sachs è stata fondata nel 1869 negli Stati Uniti da Marcus Goldman, al quale si è poi unito, nel 1882, il socio e genero Samuel Sachs. Quotata in borsa sulla piazza di New York, Goldman Sachs è organizzata in una rete di filiali che sono distribuite nelle principali città del mondo (tra le quali Londra, Francoforte, Tokyo e Hong Kong) e per le quali prestano la loro opera circa 32.000 collaboratori. Tra le attività nelle quali ha operato fin dalla sua fondazione Goldman Sachs ci sono consulenze finanziarie, gestione di ristrutturazioni, fusioni ed acquisizioni aziendali, investimenti su materie prime, derivati e azioni a rischio, amministrazioni di fondi d’investimento e previdenziali. Attiva come guida per le società che vogliono quotarsi in borsa fino dai primi anni del Novecento, Goldman Sachs ha sopportato un periodo di difficoltà successivamente alla grande crisi del 1929, ma è ritornata a essere un punto di riferimento per il mondo della finanza internazionale a partire dagli anni Cinquanta, sotto la guida di Gus Levy. In questo periodo la banca ha sviluppato nuove tecniche di investimento, tra le quali la “block trading”, sistema che permette di acquistare e vendere azioni simultaneamente. Negli anni Ottanta il giro di affari di Goldman Sachs è cresciuto talmente tanto da portare la banca d’affari ad essere consulente economico per diversi governi, seguendo i processi di privatizzazione di numerose aziende statali, mentre nel 1986 l’istituto di credito ha seguito la quotazione in borsa del colosso tecnologico Microsoft.

Durante la crisi finanziaria che ha colpito l’economia mondiale negli ultimi tre anni, Goldman Sachs è stata coinvolta in diverse controversie finanziarie e legali, come quella per la crisi di liquidità della compagnia d’assicurazione americana Aig o come quella per le accuse di truffa ai propri clienti legate alle vicende del titolo azionario Abacus2007-Ac1.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Investimenti delle imprese | Banca d'affari | Goldman Sachs | Samuel Sachs | Gus Levy | Stati Uniti d'America | Microsoft | Marcus Goldman | Borsa Valori | Aig |

Ultime notizie su Goldman Sachs

    Guzzetti: «Quando il sindaco di Siena non dette l'ok a Intesa-Mps»

    L'offerta dell'Ambrosiano era imparagonabile a quella della Comit, come ci confermava il nostro advisor Goldman Sachs nella persona di Massimo Tononi (attuale presidente della Cdp su indicazione delle Fondazioni, ndr).

    – di Marco Ferrando e Alessandro Graziani

    BTp e corporate, così le assicurazioni stanno rivedendo le loro strategie

    Non solo Unicredit (e diverse altre banche italiane) ma anche molte compagnie di assicurazione stanno rivedendo i loro investimenti in BTp. In modo graduale e, ovviamente, ribadendo l'impegno a sostenere l'Italia, come si è premurato a sottolineare lo stesso ceo dell'istituto di Piazza Gae Aulenti,

    – di Christian Martino

    Startup in Italia, facciamo come la California! Ecco perché trovare 5 miliardi

    Gli autori di questo post sono Elia Stupka e Nicola Marino. Stupka è senior vice president e direttore generale della divisione Life Sciences di Health Catalyst, società che da qualche mese ha toccato la valutazione di un miliardo di dollari. Marino è laureato presso l'Università Cattolica, laureando in medicina e chirurgia, imprenditore con esperienza di ricerca presso Harvard Medical School -  La California ha staccato il resto del mondo negli ultimi 20 anni grazie a un imbuto largo e generos...

    – Econopoly

    Dazi, tra Usa e Cina nessun accordo ma i negoziati continueranno

    NEW YORK - Niente accordo. Dazi aumentati. Ma si continuerà a trattare. L'undicesimo round dei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina si è concluso ieri, dopo due giorni di trattative a Washington, senza arrivare a un'intesa. Poche ore dopo l'entrata in vigore dell'aumento dei dazi americani.

    – Dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Private equity, Permira pronta alla vendita di Althea

    Si sta delineando per metà dell'anno una delle aste più interessanti per il private equity nel 2019: cioè quella del gruppo Althea, controllato dai fondi Permira e attualmente leader paneuropeo nei servizi integrati delle tecnologie biomediche. Althea è nata nel 2014 dall'aggregazione di Asteral Ltd con Mesa Group Holdings Gmbh, entrambe controllate dai fondi Permira. Da allora il gruppo è cresciuto successivamente con ulteriori acquisizioni (oltre una decina) in Europa (diverse in Italia) e ...

    – Carlo Festa

    Uber, 45 dollari ad azione per l'Ipo più grande della "gig economy"

    NEW YORK - Uber colosso mondiale della mobilità via app venerdì si quota a Wall Street per una Ipo che, nonostante i venti di guerra commerciale tra Usa e Cina, si preannuncia come una delle dieci maggiori della storia. Il prezzo delle azioni è stato fissato a 45 dollari, nella parte bassa della

    – di Riccardo Barlaam

    Per Kairos sfida tra Mediobanca e Ta Associates

    Per Kairos il riassetto è alle fasi finali. In corsa per l'acquisto sarebbero infatti restati due soggetti: il gruppo Mediobanca e Ta Associates, fondo statunitense assai attivo sugli asset finanziari. A vendere la società milanese fondata da Paolo Basilico è il gruppo elvetico Julius Baer. Al lavoro è l'advisor Goldman Sachs. Dopo aver inviato i teaser a oltre una ventina di soggetti, il campo dei potenziali acquirenti si è progressivamente ridotto. In corsa, nella fase finale, sarebbero rima...

    – Carlo Festa

    Ipo di Uber: da Bezos a Murdoch, ecco chi diventerà più ricco in un giorno

    C'è grande attesa per l'Ipo di Uber, che entrerà in contrattazione a Wall Street probabilmente questa settimana. Il pricing è previsto il 9 maggio sera, il trading dal 10 maggio mattina. La quotazione è un momento topico per le startup, e rappresenta il momento del ritorno dell'investimento per chi

    – di Luca Salvioli

    Le startup più promettenti dell'intelligenza artificiale sono a stelle strisce

    L'intelligenza artificiale, almeno a livello di startup e scaleup, parla americano. Negli Stati Uniti risiede infatti circa l'80% delle 100 aziende che Cb Insights ha selezionato come le più promettenti per il 2019 (da un campione iniziale di oltre 3mila) mentre si dividono equamente il podio con

    – di Gianni Rusconi

1-10 di 4693 risultati