Persone

Giuseppe Recchi

Giuseppe Recchi è un manager nato a Napoli nel 1964.
È stato presidente di Telecom Italia da aprile 2014 al 2 giugno 2017. Dopo aver passato le consegne al francese Arnaud de Puyfontaine, Recchi ha assunto il ruolo di vicepresidente.

È stato Presidente di 'Eni dal 2011 al 2014 e consigliere di UnipolSai Assicurazioni SpA. È inoltre componente del Consiglio Direttivo di Confindustria dove ha fondato il comitato per l'attrazione per gli investimenti esteri in Italia. Fa parte del Consiglio di Amministrazione dell'Istituto Italiano di Tecnologia, del Comitato per la Corporate Governance e del Consiglio Direttivo di Assonime.
È Chair della Task Force on Improving Transparency and Anti-Corruption del B20.
È stato fino al 1999 imprenditore con l'Impresa Recchi Costruzioni Generali, gruppo attivo in 25 Paesi nel settore delle costruzioni di grandi infrastrutture pubbliche, passando molta parte della sua vita professionale negli Stati Uniti.
Nel 1999 entra in General Electric (GE): nel corso degli anni, ricopre numerosi incarichi negli Stati Uniti e in Europa tra cui Direttore di GE Capital Structure Finance e responsabile dell'M&A in EMEA.
Fino a maggio 2011 è stato Presidente e Amministratore Delegato di GE South Europe.
È stato Consigliere di Exor SpA, membro dell'European Advisory Board di Blackstone, componente dell'Advisory Board di Invest Industrial (private equity) e del Massachusetts Institute of Technology E.I. Advisory Board. Professore a contratto di Corporate Finance presso l'Università di Torino negli anni 2004-2006, è laureato in ingegneria al Politecnico di Torino.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Consiglio direttivo | Comitato | Confindustria | Eni | Telecom | Task Force | Italia | MIT | Improving Transparency | European Advisory Board | Giuseppe Recchi | Impresa Recchi Costruzioni Generali | General Electric | Blackstone | Invest Industrial |

Ultime notizie su Giuseppe Recchi

    Salvatore Rossi cooptato nel cda Tim. Lunedì sarà presidente

    L'ex direttore generale di Banca d'Italia ed ex-presidente Ivass è figura di alto prestigio e di sicura indipendenza. Restano comunque sul tappeto tutti i nodi del riassetto Telecom a partire dalla conversione delle azioni di risparmio

    – di Antonella Olivieri

    Tim, Conti pronto al passo indietro per favorire la pace tra i soci

    Il presidente di Telecom Italia: «Sto valutando l'opzione di fare un passo indietro laddove questo possa contribuire a un ulteriore miglioramento dell'equilibrio all'interno del Board e dei rapporti tra gli azionisti». Il riassetto passa dalla conversione delle «risparmio»

    – di Antonella Olivieri

    Generali, Edizione supera quota 4%, mandato al vertice per nuovi acquisti

    Edizione si rafforza nel capitale delle Generali e potenzialmente potrebbe arrivare al 5% della compagnia. Secondo indiscrezioni, la holding che fa capo alla famiglia Benetton, socia fino a poche settimane fa del 3% del Leone, avrebbe aumentato già il peso azionario portandosi intorno al 4%.

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

    Telecom e la lunga lotta per la rete fissa

    Una "proxy fight" quale da noi si vedono poche, aiutata da un provvidenziale intervento dello Stato, quali da noi se ne vedono molti, spodesta l'azionista di maggioranza relativa; ma nomina amministratore delegato la stessa persona che questi aveva designato. Che però, dopo?.mesi, non gode più del

    – di Franco Debenedetti

    Il bivio di Cassa depositi e prestiti tra Elliott e Bolloré

    Che posizione prenderà all'assemblea Tim di oggi la Cassa depositi e prestiti? Il suo acquisto di un 5% circa di Tim è stato un fatto unico nella storia di un Paese che pure, quanto a interventi dello Stato nell'economia, non se ne è fatta mancare nessuna. Però non era mai accaduto che intervenisse

    – di Franco Debenedetti

    Tim, scende in campo anche Consob

    Telecom riunisce oggi l'ennesimo consiglio straordinario. Questa volta per rispondere alla Consob, che ha inviato una richiesta di informazioni ai sensi dell'articolo 114 del Tuf. Si tratta di informazioni da rendere pubbliche sul mercato, sia con un comunicato sia con documenti da allegare al

    – di Antonella Olivieri

    Il cda di Tim contro i sindaci: «No a Elliott»

    Non era stata una bella giornata per Vivendi. Su Telecom tutti i proxy advisor - Glass Lewis, Iss e Frontis - hanno consigliato ai fondi di sposare le istanze del fondo Elliott, votando sì alla revoca di sei amministratori in quota francese e sì alla nomina dei candidati proposti dall'attivista Usa

    – di Antonella Olivieri

1-10 di 419 risultati