Ultime notizie:

Giuseppe Petralia

    Zuccaro, il procuratore catanese che fa la guerra alle Ong

    Qualcuno lo chiama "lo sceriffo", altri invece si soffermano a parlarne come di un enfant prodige del diritto e della giustizia. Sta di fatto che Carmelo Zuccaro, il capo della procura di Catania che conduce l'inchiesta che ha portato, tra le altre cose, al sequestro della nave Aquarius di Msf, è

    – di Nino Amadore

    Ricordando Marcello Carapezza: scienziato e scrittore, siciliano e italo globale

    Nell'immagine: Marcello Carapezza, 1986. © Immagine: www.giulianobriganti.it Marcello Carapezza (1925 - 1987) è stato un chimico, geologo, vulcanologo e scrittore. La sua personalità è stata certamente affascinante: nato nel 1925 a Petralia Sottana (Palermo), dopo la Seconda Guerra Mondiale studiò Chimica e Geologia a Palermo, e nei primi anni Cinquanta andò a studiare e a lavorare negli Stati Uniti, all'Università della Pennsylvania. Tornato in Italia, insegnò Geochimica all'Università di Bo...

    – Gabriele Caramellino

    Rosy Bindi, dopo le dichiarazioni della figlia di Borsellino, faccia subito luce sui nomi dei massoni negli elenchi nisseni e siciliani dal '90

    Amati lettori di questo umile e umido blog, continuo ad onorare la memoria del giudice Paolo Borsellino (e dunque anche del suo collega di vita e di morte Giovanni Falcone, unitamente alle loro scorte) con una nuova analisi. Anche quella odierna (così come quella degli ultimi due giorni) trae spunto dalle dichiarazioni, rese per il venticinquennale della strage di via D'Amelio, da Fiammetta Borsellino, figlia del giudice, secondo la quale, come ha dichiarato al giornalista del Corriere della Se...

    – Roberto Galullo

    Mafia: cosa resta del metodo Falcone? Chiacchiere, distintivi e un sistema da cambiare

    Ogni volta è una meraviglia. Non si capisce quanto vera, genuina. "La mafia ha cambiato pelle" dice questo o quel politico, questo o quel magistrato.  O addirittura, negli ultimi tempi, "La mafia è stata sconfitta". Punto e basta. Anzi addirittura il problema è ora l'antimafia. Potrebbe essere un'idea sbarazzarci anche di quella. In fondo basta il sospetto o il racconto di qualche pentito per tenere aperto un  procedimento all'infinito. Chissà cosa ne avrebbe detto Giovanni Falcone che invece su...

    – Nino Amadore

    Firme false, a Palermo chiesto rinvio a giudizio per tre deputati M5s

    La procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio per quattordici persone, compresi tre deputati nazionali M5s, tutte coinvolte nell'indagine sulle firme false depositate dal Movimento Cinque Stelle a sostegno delle liste per le amministrative del 2012 nel capoluogo siciliano. I reati

    – di Andrea Gagliardi

    M5S, chiusa l'indagine sulle firme false a Palermo

    La procura di Palermo ha chiuso l'indagine sulle firme false depositate dai 5 Stelle a sostegno delle candidature per le Comunali del 2012. Quattordici gli indagati tra i quali il deputato nazionale Riccardo Nuti, che nel 2012 era candidato sindaco, e le parlamentari Giulia Di Vita e Claudia

    Sequestro di beni a imprenditori «amici» di Messina Denaro

    Il «cappio» intorno al collo di Matteo Messina Denaro è sempre più stretto ma per «asfissia» rischia di morire solo la sua cerchia di potere. Lui - probabilmente con una identità ancora una volta ritoccata ed elastico vivente tra Trapani e il mondo - non cade nella rete della Giustizia. Troppo

    – di Roberto Galullo

    M5S, firme false: iniziati gli interrogatori a Palermo

    Sono iniziati gli interrogatori in Procura, a Palermo, degli indagati per il caso delle "firme false" del M5S alle Comunarie del 2012. Nella stanza del procuratore aggiunto Bernardo Petralia, assieme al pm Claudia Ferrari, è stata sentita l'ex attivista Alice Pantaleone, che ha dichiarato di non

1-10 di 22 risultati