Ultime notizie:

Giuseppe Lusignani

    La «ri-evoluzione» dell'industria bancaria

    Dal porto sicuro del controllo pubblico e dei tassi bassi alle frontiere più esposte del mercato e della tecnologia. L'industria del credito negli ultimi cinquant'anni è stata sottoposta a uno choc competitivo che ha pochi eguali. In tutto il mondo ma soprattutto in Italia, dove ancora a metà anni

    – di Marco Ferrando

    Npl, banche alle grandi pulizie: 11,5 miliardi di extra-rettifiche

    Per le banche italiane il primo trimestre dell'anno si è chiuso all'insegna delle "grandi pulizie" di portafoglio. Nell'ambito della prima applicazione del nuovo principio contabile Ifrs9, la normativa consentiva di aumentare le coperture sui crediti, in particolare su quelli destinati a cessioni

    – di Luca Davi

    Banche, la svolta degli utili

    A distanza di dieci anni dallo scoppio della crisi finanziaria globale, le banche italiane ritrovano il sentiero condiviso della redditività. Merito, va detto, del miglioramento del ciclo economico, e del conseguente abbattimento delle rettifiche sui prestiti. Ma anche di una generalizzata capacità

    – Luca Davi

    Banche in Borsa, in 10 anni di crisi perso il 77% del valore di mercato

    La Grande Crisi scoppiata nel 2007 con il crollo del mercato immobiliare americano ha lasciato sul terreno morti e feriti tra banche e istituzioni finanziarie. Ma a dieci anni di distanza dal collasso finanziario (e poi economico) più grave dal Dopoguerra, a pagare i conti sono stati soprattutto i

    – di Luca Davi e Alessandro Graziani

    Sabatini (Abi): i regolatori hanno alterato il mercato

    Mille miliardi di euro gli Npls (Non performing loans) in Europa di cui il 35% detenuto dalle banche italiane. Un player importante nella classifica che vede Grecia e Cipro nelle prime posizioni con l'Italia nel gruppo di testa insieme a Portogallo e Slovenia. Un nodo irrisolto anche se gli ultimi

    – di Mara Monti

    Le imprese emiliane crescono, le banche latitano: -1,2% i prestiti

    Cresce, a testa bassa e a passo lento, ma cresce l'industria emiliano-romagnola, a dispetto della frenata dei mercati mondiali, cruciali per un'economia il cui Pil per il 40% dipende dall'export. Pure l'edilizia ha finalmente smesso di arretrare nella prima metà dell'anno. Il tasso di

    – di Ilaria Vesentini

    Banche italiane, si apre il fronte del taglio dei costi

    Il Governatore Visco ha giustamente cercato di diradare le nebbie del pessimismo che circonda le banche italiane e ha fornito in occasione della Giornata del risparmio un'analisi tranquillizzante non solo delle banche più grandi, oggi sottoposte alla vigilanza europea, ma anche di tutte le altre,

    – di Marco Onado

    Dallo schema Mps la via per dimezzare gli stock

    Adeguatamente dosata, la cura Mps può essere di sollievo anche alle altre banche italiane. Che clinicamente non versano nelle stesse condizioni di Siena, ma presentano una sintomatologia affine: eccesso di crediti deteriorati, con conseguente penalizzazione della redditività attuale e prospettica.

    – di Marco Ferrando

    I pacchetti «all inclusive» abbattono i prezzi degli Npl

    Andranno forte nel settore del turismo, ma per le banche i pacchetti «all-inclusive» non funzionano proprio. Se gli investitori internazionali sono disposti a pagare poco (troppo poco) per comprare crediti deteriorati, uno dei motivi è proprio questo: spesso le banche si trovano a vendere pacchetti

    – di Marco Ferrando e Morya Longo

    Prometeia: «Con prezzi d'acquisto del 30-35% situazione più che gestibile»

    In Italia la situazione dei crediti deteriorati è seria ma non grave, si potrebbe arguire capovolgendo un noto aforisma di Ennio Flaiano. O comunque è gestibile, come ha voluto ripetere l'altroieri il governatore di Banca d'Italia, Ignazio Visco. E ulteriore conferma arriva da alcune simulazioni

    – Marco Ferrando

1-10 di 18 risultati