Le nostre Firme

Giuseppe Lupo

    L'immaginario cresce su basi di cemento

    Per un miracolo della prospettiva, quando gli aerei decollano da Linate e compiono la prima virata, il Palazzo Mondadori non appare schiacciato in basso, come solitamente si verifica per tutti gli altri edifici che gli stanno intorno, ma conserva il suo slancio, la sua eleganza, perfino il

    – di Giuseppe Lupo

    La pista sul futuro in una terra che non decolla

    Sarà colpa del caldo estivo, ma il fronte dei calanchi è di un giallo che spinge all'inerzia, come se la piana di Pisticci, in questa zona di Basilicata indecisa tra un'appartenenza appenninica e la tentazione del mar Jonio, voglia manifestare - nella conformazione del terreno argilloso, nella

    – di Giuseppe Lupo

    Il futuro e la bellezza sotto il sole di Napoli

    Inaugurata nel 1955, con un profetico discorso di Adriano, una tra le «fabbriche più belle d'Europa» nelle parole di un testimone come Ottiero Ottieri, la Olivetti di Pozzuoli fu un «miraggio» di riscossa e dignità per il Sud

    – di Giuseppe Lupo

    La ruggine della Storia nella ex Stalingrado

    Nell'Archivio Giovanni Sacchi e nella Villa Mylius si conservano i documenti di uno straordinario patrimonio operaio. In quelle pagine risuonano le sirene che furono protagoniste delle poesie di Sereni

    – di Giuseppe Lupo

    Quando Testori ballava a Rescaldina

    L'«epopea comunitaria» della Bassetti: un modello di industria che influenzava direttamente anche la stessa architettura della città. La pubblicità della fabbrica era fatta per far sognare «una nazione di spose felici»

    – di Giuseppe Lupo

    Ad Arese, dove cresceva il «Quadrifoglio»

    Cercare qualcosa che ricordi l'Alfa Romeo dentro il grande centro commerciale di Arese, progettato dall'architetto Davide Padoa e premiato nel 2016 al Mapic di Cannes, è impresa ardua.

    – di Giuseppe Lupo

    Addio a Francesco Durante, scrittore dei napoletani d'America

    Esisteva un legame particolare tra Francesco Durante e la città di Napoli, intorno a cui egli gravitava da sempre (pur essendo cresciuto in Friuli ed essendosi laureato all'Università di Padova) e alla cui storia culturale aveva contribuito con la sua intelligenza. Certo non era la Napoli che la

    – di Giuseppe Lupo

    Primo Levi, la scienza come cura dall'orrore della shoah

    Com'è facile immaginare, tutti oggi celebrano Primo Levi, nato cent'anni fa a Torino, per essere stato lo scrittore-testimone di Auschwitz, il narratore che visse l'olocausto in presa diretta e lo raccontò secondo la prospettiva di una discesa agli inferi.

    – di Giuseppe Lupo

    Carmi e l'utopia siderurgica di Cornigliano

    L'artista genovese, ex chimico, aveva provato, con una serie di geniali codici di colore e pittogrammi a modificare, a beneficio degli operai, il grigiore che attribuiamo alla fabbrica. Il monumento a Guido Rossa

    – di Giuseppe Lupo

1-10 di 56 risultati