Ultime notizie:

Giuseppe Fiorini Morosini

    Riace, Lucano torna libero. Il Riesame revoca i domiciliari al sindaco

    Domenica Lucano torna in libertà, ma incassa anche il divieto di dimora a Riace. Lo ha deciso il tribunale del riesame in accoglimento parziale della richiesta difensiva. Il «modello Riace è un'idea che va contro la civiltà delle barbarie. Anche senza contributi pubblici andiamo avanti lo stesso,

    – di Ivan Cimmarusti

    Chiesa anti-'ndrangheta/3 Monsignor Oliva: «Stiamo cercando di fare del meglio allontanare la 'ndrangheta»

    Amati lettori di questo umile e umido blog da tre giorni, con voi, leggo e analizzo la splendida omelia che Monsignor Francesco Oliva, Vescovo della Diocesi di Locri-Gerace, ha celebrato il 2 settembre al Santuario aspromontano della Madonna della montagna. In altre parole nella famosa Polsi, dove sacro e profano si sono a lungo lasciati immortalare in abbracci mortali per la collettività non solo calabrese. Rimando ai link a fondo pagina per i precedenti servizi e oggi ci concentriamo sul modo...

    – Roberto Galullo

    Reggio Calabria, un territorio in attesa di riscatto

    Nella provincia di Reggio Calabria, più in basso di così, c'è solo da scavare. Oppure, per risalire nella speranza di aver toccato il fondo, affidarsi all'accoglienza della Madonna della Consolazione. Del resto la Chiesa è diventata un punto di riferimento per il riscatto morale di un popolo

    – Roberto Galullo

    L'arcivescovo di Reggio Calabria vuole abolire i padrini nelle comunioni. Nel nome del Signore e non del Padrino (Papa Bergoglio docet)

    Quando ci si trova di fronte ad una proposta drastica come quella avanzata dall'Arcivescovo di Reggio Calabria, Giuseppe Fiorini Morosini - negare per almeno 10 anni in Calabria i "padrini" di battesimi, cresime e comunioni - si è obbligati a ragionare e riflettere. La proposta - di cui l'Arcivescovo avrebbe parlato direttamente con Papa Francesco dopo avergli scritto al riguardo una lettera - è di quelle che non possono passare inosservate o rimosse con un'alzata di spalle. L'esperienza e la ...

    – Roberto Galullo

    La natura dello scorpione e la visceralità dei colleghi: libertà di stampa e di giudizio a ostacoli (anche) in Calabria

    In una regione, la Calabria, e in una città, Reggio, in cui la libertà di stampa è una chimera e chi fa solo il proprio mestiere (cosa rara nell'informazione italiana, figuriamoci calabrese) deve subire umiliazioni al limite dell'ispezione corporale, fisica o metafisica, non passa giorno che i giornalisti non vengano presi di mira. Assaliti. Brutalizzati. Violentati psicologicamente quando non è possibile possederli né con le lusinghe né con l'odio o con l'amore. Ne so qualcosa - da anni - per e...

    – Roberto Galullo

    Minacce delle 'ndrine al parroco di Benestare: bruciata la sua auto

    Fare il prete in terra di 'ndrangheta non è mai un ruolo banale. Un po' perché la tradizione della mala calabrese mescola sacro e crimine con sfrontatezza, e gli affiliati non disdegnano la liturgia domenicale. Un po' perché nei piccoli centri la Chiesa rimane un luogo che aggrega ogni rango sociale. Deve saperlo bene don Rigobert Elangui, parroco di Benestare, piccolo centro della provincia di Reggio Calabria diviso fra lo Jonio e l'Aspromonte. E' la terra dei padroni della cocaina, questa. San...

    – Nino Amadore

    La 'ndrangheta minaccia il prete anti-clan

    Fare il prete in terra di 'ndrangheta non è mai un ruolo banale. Un po' perché la tradizione della mala calabrese mescola sacro e crimine con sfrontatezza, e

    – di Biagio Simonetta

    Il Vescovo di Locri non nomina mai la parola 'ndrangheta a Polsi. Perché i mafiosi sono anche ricchi fedeli?

    Ho avuto modo di apprezzare il Vescovo di Locri-Gerace monsignor Giuseppe Fiorini Morosini che il 2 settembre è stato ospite della mia trasmissione su Radio24 "Un abuso al giorno" (chi volesse può ascoltare la puntata su www.radio24.it andando nell'archivio del programma). Le sue parole di condanna alla 'ndrangheta sono state sì improntate alla prudenza ma in ogni caso piene di speranze nei confronti di un luogo, Polsi, il cui Santuario che sta celebrando in questi giorni la Festa della Madonna ...

    – Roberto Galullo