Ultime notizie:

Giunti Bompiani

    Crisi, un termine usato spesso a sproposito (soprattutto sui media)

    Le parole fanno anche paura. Anche? Sì, anche, cioè unitamente al mistero che recano in sé: continuamente e proprio quando sembra che siano chiare e ben collocate nell'uso che i parlanti ne fanno. Alcune di esse fanno più paura di quanto possiamo immaginare, specie se scelte con leggerezza e, in particolare, con riferimento alla vita economica di un paese; provocano, sulle prime, un effetto risonanza e, nel tempo, un effetto anestetico: tutti finiscono coll'adottarle liberamente e in modo pervas...

    – Francesco Mercadante

    L'Umano e l'Errore. Che ne è/sarà della libertà nella civiltà ipertecnologica?

    L'Umano, l'Errore, l'Imprevedibilità? Un approccio e percorsi di ricerca dal'95 Come sempre, senza "tempi di lettura". Al termine del contributo, collegamenti ad altri testi (divulgativi e scientifici) e riferimenti bibliografici. Buon lavoro e buona ricerca! Una ipercomplessità che non è un'opzione Una (iper)complessità che non è un'opzione, è un "dato di fatto": il vero problema è che non siamo educati e formati a riconoscerla e, in ogni caso, non con la nostra testa. Di fatto, non da ...

    – Piero Dominici

    Qui giace chi ha lavorato troppo

    Il settimo libro dell'Antologia Palatina disegna mediante settecentoquarantotto epitaffi poetici, creati appropriatamente e citati in fonti letterarie, un vastissimo cimitero sotto la luna di età greca e romana esteso in tutto il Mediterraneo. La loro suggestione risiede o nel contenuto poetico o

    – di Carlo Carena

    Libri, tempo di booktuber: ecco gli influencer che «spostano» i lettori

    La tendenza è comune a tutti i settori ed è netta: gli influencer abitano su Instagram ma non mancano interessanti eccezioni, come per esempio nel caso del mercato dei libri dove si consolida il fenomeno dei «booktubers», termine che identifica un ramo ben specifico di vlogger (o video-blogger)

    – di Fabio Grattagliano

    Chi «lancia» libri uccide lettori

    Molto utile il libro A. O. Scott Elogio della critica (Il Saggiatore, pagg. 247, ? 22): ne consiglio la lettura perché riassume con sintetica efficacia storia e senso comune su questa attività tanto naturale e necessaria quanto deplorata. Ma vediamo in quale contesto e in quale congiuntura cade un

    – di Alfonso Berardinelli

    Riconoscere la felicità

    La felicità ci appartiene. «Non cercheremmo di essere felici», ci ricordava Sant'Agostino, «se non conoscessimo già la felicità». O almeno la sua idea. In un'epoca senza disciplina e in cui le discipline sono (per fortuna) permeabili le une alle altre, il mestiere dell'antropologo appare come il

    – di Riccardo Piaggio

    Il Piccolo Principe all'Università

    PROGETTO DI RIFERIMENTO A scuola di lavoro ben fatto, di tecnologia e di consapevolezza CORSO Comunicazione e Cultura Digitale, Scienze della Comunicazione Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, Napoli BOARD Maria D'Ambrosio, Mario Amura, Luigi Maiello, Luca Moretti, Roberto Paura, Domenico Romano, Vincenzo Moretti AULA M (CON IL LINK ALLE STORIE SU INTERTWINE) Francesco Alfi, Alifano Antonio, Nino Anacleria, Gianmarco Auri, Ilaria Bernardo, Giuseppe Borgomeo, Monica Cammisa, Flavia E....

    – Vincenzo Moretti

    I vincitori del Viareggio

    Gianfranco Calligarich con il romanzo La malinconia dei Crusich (Bompiani), saga familiare autobiografica, Stefano Carrai con la raccolta di versi La traversata del Gobi (Aragno) e Giuseppe Montesano con il volume Lettori selvaggi (Giunti) sono rispettivamente i tre supervincitori delle sezioni

    Da Haarlem a Hull: l'Europa ci guarda

    Uno è quello di Descartes ora a Copenhagen: intelligenza, mistero, disincanto; l'altro è quello della giovane donna, ora alla Ferens Art Gallery a Hull (Uk): dolcezza, retenue, malinconia. (Chissà cosa penserebbe oggi l'illuminato e generoso Thomas Robinson Ferens, 1847-1930, fondatore della

    – di Carlo Ossola

1-10 di 33 risultati