Le nostre Firme

Giulio Enea Vigevani

 @GiulioVigevani |

Giulio Enea Vigevani è professore di diritto costituzionale e di diritto dell'informazione al Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Milano-Bicocca e avvocato cassazionista del foro di Milano. Nato a Milano il 10 gennaio 1970, è laureato in Giurisprudenza alla Statale di Milano, ove ha svolto anche il dottorato di ricerca. Ha scritto un centinaio di pubblicazioni scientifiche in materia di diritto costituzionale, libertà di espressione, diritto dei media e diritto elettorale. Il più recente libro è: “I media di servizio pubblico nell'età della rete”, uscito nel 2018 con Giappichelli. Sempre nel 2018, ha curato con altri tre studiosi i due volumi del commentario alla Costituzione italiana, edito da Il Mulino. E' fondatore e co-direttore della rivista “MediaLaws.- Rivista di diritto dei media” e collabora dal 2012 con “Il Sole 24 ore” e con il supplemento culturale “La domenica de Il Sole 24 Ore”.

  • Luogo: Milano
  • Argomenti: diritto costituzionale, sistemi politici, diritto dei media

Ultimo aggiornamento 16 settembre 2019

Ultimi articoli di Giulio Enea Vigevani

    Sull'ergastolo ostativo un dibattito tra giuristi

    Il prossimo 22 ottobre la Corte Costituzionale è chiamata a decidere di nuovo sulla legittimità dell'istituto. In attesa della decisione, apriamo il dibattito invitando al confronto studiosi e operatori della diritto

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    L'ergastolo ostativo, automatismi da superare

    Vi sono temi che raramente impegnano le agende parlamentari e le prime pagine dei giornali ma che meritano attenzione, perché incidono sulla pelle delle persone e al contempo delineano il rapporto tra Stato e cittadini. Uno di questi è la funzione della pena e, di conseguenza, la sua modalità di

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Con il voto su Rousseau uno sgorbio costituzionale e due sgarbi alle istituzioni

    La scelta del Movimento 5 Stelle di dare l'ultima parola alla base rappresenta uno sgorbio costituzionale perché introduce una variabile ignota al procedimento di risoluzione delle crisi. In più, appare come uno sgarbo a Mattarella e agli stessi parlamentari pentastellati

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    La crisi spiegata con la Costituzione: Repubblica «allergica» all'uomo forte

    La storia ha già conosciuto disarcionamenti di uomini ritenuti troppo forti, da De Gasperi dopo la «legge truffa» a Fanfani, da Craxi e De Mita, passando per Berlusconi e Renzi. L'asse M5S-Lega come il patto Molotov-Ribbentrop: attacchi l'alleato diverso da te. Che si alleerà col tuo nemico per distruggerti

    – di Oreste Pollicino e Giulio Enea Vigevani

    Perché Salvini non può chiedere «pieni poteri»

    Dopo le dichiarazioni di Matteo Salvini giovedì sera a Pescara, ecco perché il conferimento di pieni poteri colliderebbe frontalmente con qualsiasi modello di democrazia moderna

    – di Oreste Pollicino e Giulio Enea Vigevani

1-10 di 52 risultati