Le nostre Firme

Giulio Enea Vigevani

 @GiulioVigevani |

Giulio Enea Vigevani è professore di diritto costituzionale e di diritto dell'informazione al Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Milano-Bicocca e avvocato cassazionista del foro di Milano. Nato a Milano il 10 gennaio 1970, è laureato in Giurisprudenza alla Statale di Milano, ove ha svolto anche il dottorato di ricerca. Ha scritto un centinaio di pubblicazioni scientifiche in materia di diritto costituzionale, libertà di espressione, diritto dei media e diritto elettorale. Il più recente libro è: “I media di servizio pubblico nell'età della rete”, uscito nel 2018 con Giappichelli. Sempre nel 2018, ha curato con altri tre studiosi i due volumi del commentario alla Costituzione italiana, edito da Il Mulino. E' fondatore e co-direttore della rivista “MediaLaws.- Rivista di diritto dei media” e collabora dal 2012 con “Il Sole 24 ore” e con il supplemento culturale “La domenica de Il Sole 24 Ore”.

  • Luogo: Milano
  • Argomenti: diritto costituzionale, sistemi politici, diritto dei media

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Giulio Enea Vigevani

    Salvini e il caso Diciotti: il primato della persona sullo Stato

    Qualche giorno fa il tribunale dei ministri di Catania ha chiesto al Senato di procedere nei confronti del ministro dell'Interno per sequestro di persona. Il fatto è noto: la nave italiana "Diciotti" era al porto di Catania, ma i 177 migranti a bordo non potevano lasciarla in quanto il dipartimento

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Dj Fabo, il caso Cappato davanti alla Corte costituzionale

    Martedì 23 ottobre nel Palazzo della Consulta risuoneranno parole come vita, morte, dignità, autodeterminazione, salute. La Corte costituzionale è, infatti, chiamata a pronunciarsi su uno dei più delicati casi della sua ormai lunga storia. Deve decidere se sia conforme alla Carta l'articolo 580 del

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Perché il decreto sicurezza «frantuma» il concetto di cittadinanza

    Il decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113, uno dei molti interventi normativi degli ultimi anni battezzati con l'epiteto "sicurezza", contiene previsioni in materie tra loro assai diverse. Le norme più innovative riguardano certamente la materia dell'immigrazione. Il decreto, infatti, rappresenta un

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    La necessità di un'editoria forte

    Pochi giorni fa Sergio Mattarella, in occasione della nuova uscita di due storiche testate, ha ribadito con nettezza alcuni principi in materia di informazione. Ha sottolineato che la libertà di stampa, non condizionata, è «elemento portante e fondamentale della democrazia». Ha anche ricordato come

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    La buona informazione che garantisce i diritti

    In un sol giorno il Parlamento europeo ha battuto due colpi, entrambi significativi per la garanzia dei diritti in Europa. Con ampie maggioranze, ha dato il via libera alla procedura che può condurre a sanzionare l'Ungheria per la violazione dei valori fondamentali dell'Unione e ha approvato la

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Il ruolo di giudici comuni e Corti internazionali

    La progressiva diminuzione delle questioni portate all'esame della Corte costituzionale è un fenomeno noto e studiato da anni. Tuttavia, i dati che emergono nella relazione annuale della Corte per il 2017 mostrano un'accelerazione di questa tendenza. Infatti, lo scorso anno sono pervenuti alla

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Rai, se la «voce del padrone» va contro i principi della Costituzione

    La legge sul «dopo di noi» fu tra le più apprezzate della scorsa legislatura, per l'attenzione alla cura delle persone più fragili. La Rai, creatura anch'essa fragile e oggetto di voraci appetiti, non pare abbia avuto la medesima tutela. Forse l'allora maggioranza non immaginava che vi potesse

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Il valore dell'informazione

    Il Parlamento Europeo ha deciso di rinviare la discussione sulla direttiva copyright, forse decretandone la fine. E' una vittoria della libertà di informazione? I punti qualificanti del testo, quelli su cui vi è stata una spaccatura in aula e nell'opinione pubblica, sono due. In primo luogo le

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

1-10 di 34 risultati