Persone

Giulio Andreotti

Giulio Andreotti è nato a Roma il 14 gennaio del 1919 ed è deceduto sempre a Roma il 6 maggio del 2013, è stato uno statista e scrittore italiano.

Per sette volte presidente del Consiglio, otto volte ministro della Difesa, cinque volte degli Esteri, due volte delle Finanze, del Bilancio e dell’Industria, una volta del Tesoro e una dell'Interno, sempre in Parlamento dal 1946 al 2013; Giulio Andreotti pur non essendone mai stato segretario, è stato per interi decenni il principale esponente della Democrazia Cristiana (Dc).

Conseguita la maturità classica presso il Liceo "Torquato Tasso" di Roma e laureatosi in giurisprudenza, nel 1946 è stato eletto membro all’Assemblea Costituente, mentre nel 1948 è entrato in Parlamento come deputato democristiano.

L’attività di governo di Giulio Andreotti è iniziata nel 1947 con il ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel governo De Gasperi.

Nel 1972 viene nominato per la prima volta presidente del consiglio, mentre alla fine del decennio è stato alla guida del governo della “solidarietà nazionale”, rimasto in carica dal 29 luglio del 1976 all'11 marzo del 1978 e nato grazie all'astensione del Partito Comunista Italiano di Enrico Berlinguer, durante la votazione in Parlamento per la fiducia.

Alla fine degli anni Ottanta, grazie al patto con Craxi e Forlani (detto Caf, dalle iniziali dei tre), Giulio Andreotti è nominato primo ministro per l’ultima volta.

Dopo il terremoto di Tangentopoli, nel quale non è mai indagato, nel 1991 è stato nominato senatore a vita.

Nel 2003 è terminato il lungo processo nel quale è stato accusato di essere colluso con la mafia, Andreotti ha ottenuto la prescrizione per i presunti reati commessi negli anni precedenti al 1980, mentre è assolto per le vicende verificatesi nel periodo successivo.

Giulio Andreotti è stato insignito di numerose onorificienze italiane e straniere, quali Cancelliere e Tesoriere dell'Ordine militare d'Italia (1959 e 1974), Gran croce al merito della Croce Rossa Italiana, Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede), Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna, 1985), Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falcone (Islanda) ecc.

E' stato sposato con Livia Danese (scomparsa nel 2015) ed aveva quattro figli, Lamberto, Serena, Stefano e Marilena.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Reati | Giulio Andreotti | Croce Rossa | De Gasperi | Chiesa Apostolica Romana | Enrico Berlinguer | Torquato Tasso | PCI | DC | Roma | Livia Danese | Ministero del Tesoro | Ministero dell'Interno |

Ultime notizie su Giulio Andreotti

    Burraco, una passione che conquista la mente

    Negli anni 80, quando è arrivato in Italia, il gioco circolava negli ambienti della politica, della cultura e dello spettacolo: erano burrachisti Luciano Pavarotti, Sandra Mondaini, Giulio Andreotti.

    – di Donata Marrazzo

    Scopri il volto del premier degli ultimi 50 anni di governo della Repubblica

    Per raccontare Cinquant'anni di vita Repubblicana abbiamo realizzato una grafica interattiva, che è possibile esplorare per scoprire il ritratto della nostra nazione nei volti dei suoi Presidenti del Consiglio. Cliccando sulle icone che rappresentano i 22 Premier dal 1966 a oggi, è possibile scoprire di più su partiti di appartenenza, governi, periodi storici, durata del mandato e percentuale di giorni in carica sul totale del periodo analizzato. Quanti governi e Presidenti del Consiglio abbi...

    – Infodata

    La ministra Giulia Bongiorno aggredita in pieno centro a Roma da un ubriaco

    La neo-ministra della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno è stata aggredita ieri in pieno centro a Roma. Solo l'intervento delle volanti della polizia ha evitato il peggio. Giulia Bongiorno ieri pomeriggio, alle 17,45, passeggiava con il figlio per le strade del centrto, senza scorta. Poi

    – di Redazione Roma

    Nuovi ministri: la lista completa dell'esecutivo Lega-M5S

    Via a un governo politico con Giuseppe Conte premier. Un esecutivo che vede la luce dopo ottantotto lunghe giornate di trattative, veti, rotture e convergenze. Diciotto ministri, solo 5 donne. Giuseppe Conte ha anche stabilito un record difficilmente superabile: essere chiamato due volte, a

    – di Nicoletta Cottone

    Da Bonafede a Savona: ministri della Repubblica per un'ora

    Non c'è solo il premier incaricato Giuseppe Conte, il professore ordinario di diritto privato a Firenze che dopo giorni di estenuanti trattative ha dovuto gettare la spugna e rimettere il mandato per formare un nuovo esecutivo dopo le elezioni del 4 marzo nelle mani del Capo dello Stato. Ci sono

    – di Andrea Carli

    La credibilità del contratto Salvini-Di Maio e le poesie di Andreotti recitate da Bucci

    Pubblichiamo un post di Fedele De Novellis, partner ed economista senior di REF Ricerche - I programmi di politica economica producono i propri effetti sull'economia anche attraverso i cambiamenti nelle aspettative che da essi derivano. In taluni casi il cambiamento delle attese può produrre effetti sostanziali sul comportamento degli operatori economici. E' anche per questo motivo che il contratto Salvini-Di Maio sulla politica economica del prossimo governo rappresenta de facto il primo provve...

    – Econopoly

1-10 di 384 risultati