Persone

Giulio Andreotti

Giulio Andreotti è nato a Roma il 14 gennaio del 1919 ed è deceduto sempre a Roma il 6 maggio del 2013, è stato uno statista e scrittore italiano.

Per sette volte presidente del Consiglio, otto volte ministro della Difesa, cinque volte degli Esteri, due volte delle Finanze, del Bilancio e dell’Industria, una volta del Tesoro e una dell'Interno, sempre in Parlamento dal 1946 al 2013; Giulio Andreotti pur non essendone mai stato segretario, è stato per interi decenni il principale esponente della Democrazia Cristiana (Dc).

Conseguita la maturità classica presso il Liceo "Torquato Tasso" di Roma e laureatosi in giurisprudenza, nel 1946 è stato eletto membro all’Assemblea Costituente, mentre nel 1948 è entrato in Parlamento come deputato democristiano.

L’attività di governo di Giulio Andreotti è iniziata nel 1947 con il ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel governo De Gasperi.

Nel 1972 viene nominato per la prima volta presidente del consiglio, mentre alla fine del decennio è stato alla guida del governo della “solidarietà nazionale”, rimasto in carica dal 29 luglio del 1976 all'11 marzo del 1978 e nato grazie all'astensione del Partito Comunista Italiano di Enrico Berlinguer, durante la votazione in Parlamento per la fiducia.

Alla fine degli anni Ottanta, grazie al patto con Craxi e Forlani (detto Caf, dalle iniziali dei tre), Giulio Andreotti è nominato primo ministro per l’ultima volta.

Dopo il terremoto di Tangentopoli, nel quale non è mai indagato, nel 1991 è stato nominato senatore a vita.

Nel 2003 è terminato il lungo processo nel quale è stato accusato di essere colluso con la mafia, Andreotti ha ottenuto la prescrizione per i presunti reati commessi negli anni precedenti al 1980, mentre è assolto per le vicende verificatesi nel periodo successivo.

Giulio Andreotti è stato insignito di numerose onorificienze italiane e straniere, quali Cancelliere e Tesoriere dell'Ordine militare d'Italia (1959 e 1974), Gran croce al merito della Croce Rossa Italiana, Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede), Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna, 1985), Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falcone (Islanda) ecc.

E' stato sposato con Livia Danese (scomparsa nel 2015) ed aveva quattro figli, Lamberto, Serena, Stefano e Marilena.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Reati | Giulio Andreotti | Croce Rossa | De Gasperi | Chiesa Apostolica Romana | Enrico Berlinguer | Torquato Tasso | PCI | DC | Roma | Livia Danese | Ministero del Tesoro | Ministero dell'Interno |

Ultime notizie su Giulio Andreotti

    Scopri come è cambiato con Giuseppe Conte il volto della Repubblica italiana

    ...il democristiano Giulio Andreotti. Tra i più importanti esponenti della Democrazia Cristiana, Andreotti è la personalità politica col maggior numero di incarichi. ... Giulio Andreotti detiene anche il record del più breve periodo da premier nella storia della Repubblica Italiana,...

    – Infodata

    Come è cambiato con Giuseppe Conte il volto della Repubblica italiana

    Il Governo Conte I è stato il tredicesimo governo per durata dal Governo Moro III del 1966. Il nuovo esecutivo, che chiederà la fiducia oggi alla Camera, sarà il 49esimo Governo dal 1966. Un dato che conferma la cronica difficoltà della nostra Repubblica di creare maggioranze stabili. Per raccontare Cinquant'anni di vita Repubblicana abbiamo realizzato una grafica interattiva, che è possibile esplorare per scoprire il ritratto della nostra nazione nei volti dei suoi Presidenti del Consiglio. Cl...

    – Filippo Mastroianni

    Crisi di governo, il gran ritorno dei «due forni» teorizzati da Andreotti

    Anche nella crisi agostana, con il M5S che sembra non avere chiuso definitivamente alla Lega, torna la metafora inventata dal politico democristiano: un modo per descrivere la centralità del suo partito, capace di fare alleanza a destra o a sinistra, a seconda delle convenienze

    – di Riccardo Ferrazza

    Spadolini tra cronaca e storia le tante vite di un italiano unico

    Questo libro di Cosimo Ceccuti su Giovanni Spadolini è un libro a sua insaputa. Non si tratta di un gioco di parole e tanto meno di una frase a effetto. Perché le cose stanno così. Un allievo di Ceccuti, Gabriele Paolini, ha pensato di mettere in fila i maggiori contributi di Ceccuti dedicati

    – di Paolo Armaroli

    Da Garibaldi a Zampetti

    La storia d'Italia è gremita di frasi celebri o meno note. Da «Obbedisco!» di Garibaldi (verbo del telegramma al generale La Marmora del 1866) a «Me ne frego», battuta ideata da D'Annunzio e adottata dal fascismo. Oppure da «Il potere logora chi non ce l'ha» di Giulio Andreotti fino al decisamente

    Giorgio Ambrosoli, il senso dello Stato

    Come ebbe a spiegare nel 2010 Giulio Andreotti in uno dei suoi rari empiti di sincerità, l'avvocato Giorgio Ambrosoli, commissario liquidatore delle banche di Michele Sindona, era uno che «se l'andava cercando». Fosse stato più prudente, non si sarebbe opposto in modo così inflessibile ai

    – di Raffaele Liucci

1-10 di 415 risultati