Persone

Giulio Andreotti

Giulio Andreotti è nato a Roma il 14 gennaio del 1919 ed è deceduto sempre a Roma il 6 maggio del 2013, è stato uno statista e scrittore italiano.

Per sette volte presidente del Consiglio, otto volte ministro della Difesa, cinque volte degli Esteri, due volte delle Finanze, del Bilancio e dell’Industria, una volta del Tesoro e una dell'Interno, sempre in Parlamento dal 1946 al 2013; Giulio Andreotti pur non essendone mai stato segretario, è stato per interi decenni il principale esponente della Democrazia Cristiana (Dc).

Conseguita la maturità classica presso il Liceo "Torquato Tasso" di Roma e laureatosi in giurisprudenza, nel 1946 è stato eletto membro all’Assemblea Costituente, mentre nel 1948 è entrato in Parlamento come deputato democristiano.

L’attività di governo di Giulio Andreotti è iniziata nel 1947 con il ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel governo De Gasperi.

Nel 1972 viene nominato per la prima volta presidente del consiglio, mentre alla fine del decennio è stato alla guida del governo della “solidarietà nazionale”, rimasto in carica dal 29 luglio del 1976 all'11 marzo del 1978 e nato grazie all'astensione del Partito Comunista Italiano di Enrico Berlinguer, durante la votazione in Parlamento per la fiducia.

Alla fine degli anni Ottanta, grazie al patto con Craxi e Forlani (detto Caf, dalle iniziali dei tre), Giulio Andreotti è nominato primo ministro per l’ultima volta.

Dopo il terremoto di Tangentopoli, nel quale non è mai indagato, nel 1991 è stato nominato senatore a vita.

Nel 2003 è terminato il lungo processo nel quale è stato accusato di essere colluso con la mafia, Andreotti ha ottenuto la prescrizione per i presunti reati commessi negli anni precedenti al 1980, mentre è assolto per le vicende verificatesi nel periodo successivo.

Giulio Andreotti è stato insignito di numerose onorificienze italiane e straniere, quali Cancelliere e Tesoriere dell'Ordine militare d'Italia (1959 e 1974), Gran croce al merito della Croce Rossa Italiana, Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede), Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna, 1985), Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falcone (Islanda) ecc.

E' stato sposato con Livia Danese (scomparsa nel 2015) ed aveva quattro figli, Lamberto, Serena, Stefano e Marilena.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Reati | Giulio Andreotti | Croce Rossa | De Gasperi | Chiesa Apostolica Romana | Enrico Berlinguer | Torquato Tasso | PCI | DC | Roma | Livia Danese | Ministero del Tesoro | Ministero dell'Interno |

Ultime notizie su Giulio Andreotti

    Draghi, i governi tecnici e i premier. Il nuovo "volto" della Repubblica

    Mario Draghi ha sciolto la riserva e presentato la squadra di ministri. Il Governo Draghi è il sessantasettesimo governo della Repubblica Italiana, il terzo della XVIII legislatura ma, soprattutto, il quarto governo tecnico dal 1946. Succede a Giuseppe Conte dopo 509 giorni effettivi da premier, che ne fanno il settimo Presidente del Consiglio per giorni effettivi. Nessun governo tecnico è mai durato tanto. Eppure i tecnici hanno segnato già in passato il volto della nostra Repubblica, cambiando...

    – Infodata

    Draghi, i governi tecnici e la politica. Il nuovo volto della Repubblica

    Mario Draghi ha sciolto la riserva e presentato la squadra di ministri. Il Governo Draghi è il sessantasettesimo governo della Repubblica Italiana, il terzo della XVIII legislatura ma, soprattutto, il quarto governo tecnico dal 1946. Succede a Giuseppe Conte dopo 509 giorni effettivi da premier, che ne fanno il settimo Presidente del Consiglio per giorni effettivi. Nessun governo tecnico è mai durato tanto. Eppure i tecnici hanno segnato già in passato il volto della nostra Repubblica, cambiando...

    – Filippo Mastroianni

    Roma, Milano e Napoli: gli epicentri politici

    Nella graduatoria tra le città che "producono ministri", elaborata da una ricerca Pagella Politica - Sole 24 Ore, Roma è nettamente prima

    – di Riccardo Ferrazza

    La tappa obbligata (ma non formale) del Quirinale

    Se peccare è umano, perseverare è diabolico. Ho l'impressione che Giuseppe Conte abbia intenzione di commettere lo stesso errore fatto nel pomeriggio del 27 maggio 2018 al Quirinale. Com'è noto, il presidente del Consiglio incaricato si presenta a Sergio Mattarella con la lista dei ministri. Ben

    – di Paolo Armaroli

    Giorgio Galli, il Frank Zappa della politologia

    Un allievo e amico del politologo milanese recentemente scomparso ripercorre la vita dello studioso analizzando e rileggendo le sue principali opere

    – di Marco Fraquelli

    Per abolire la povertà servono asili e formazione permanente

    Se vogliamo che l'Italia colga l'opportunità di una rinascita, che abbia come motore la capacità di essere e fare dei cittadini, il riconoscimento e la realizzazione di questi diritti sono il miglior impegno che possiamo oggi assumere

    – di Alessandro Rosina

1-10 di 436 risultati